Agensir.it

Syndicate content
Servizio Informazione Religiosa
Updated: 13 min 44 sec ago

Formazione: Focsiv, aperte le iscrizioni al corso universitario e al master in Cooperazione internazionale

Thu, 2017-10-12 18:06

Al via le iscrizioni al corso in Cooperazione internazionale e al master universitario di primo livello, promossi dalla Federazione organismi cristiani servizio internazionale volontario (Focsiv). Il master, realizzato in collaborazione con la Pontificia Università Lateranense (Pul), propone un programma arricchito alla collaborazione tra ong, aziende e istituzioni, dove gli studenti potranno anche realizzare uno stage formativo. Sono 30 i posti a disposizione. Le iscrizioni sono aperte fino al 30 novembre 2017. “Il master in nuovi orizzonti di cooperazione e diritto internazionale è stato creato per formare professionisti capaci di promuovere sinergie con i nuovi soggetti coinvolti nella cooperazione internazionale e di proporre e gestire interventi efficaci, seguendo le direttive delineate dalla riforma della cooperazione allo sviluppo”, si legge in una nota della Focsiv. L’offerta formativa comprende un modulo specifico sulla responsabilità e imprenditorialità sociale a livello internazionale e consentirà di approfondire le linee guida più aggiornate su diritti umani e imprese. Previste anche tre borse di studio. Saranno 20, invece, gli studenti della Scuola di politica internazionale, cooperazione e sviluppo, che si rivolge sia a laureati e laureandi sia a operatori del settore che vogliano attualizzare le proprie competenze, alla luce delle attuali dinamiche della politica internazionale.

Diocesi: Locri-Gerace, mons. Oliva ha incontrato i vertici del Forum delle famiglie di Reggio Calabria

Thu, 2017-10-12 17:47

Il vescovo di Locri-Gerace, mons. Francesco Oliva, ha ricevuto, nei giorni scorsi, i vertici del Forum delle associazioni familiari di Reggio Calabria. “La famiglia in Calabria è in difficoltà, ma resiste” è stato l’argomento al centro del confronto con il presidente, Achille Cilea, e con il vicepresidente, Aldo Riso. Tra i temi trattati, anche l’impegno quotidiano della comunità ecclesiale nella difesa della famiglia. Un incontro utile per “incrementare nella diocesi di Locri la rete di rapporti e di relazioni tra le diverse associazioni riunite nel Forum e per costruire un rapporto costante con i membri della Commissione diocesana per la famiglia”, si legge in una nota. Durante il colloquio mons. Oliva ha fatto riferimento alle parole di Papa Francesco e ai suoi insegnamenti sulla “grande relazione tra la fede e la famiglia, primo tra tutti l’enciclica Lumen Fidei”. Il presidente Cilea, invece, ha illustrato le attività condotte dal Forum delle associazioni familiari nel corso degli ultimi anni, sottolineando il fatto che “la società di oggi deve ripensare il suo modello di sviluppo soprattutto per quanto concerne il suo stesso fondamento di società civile. È appunto a partire dalla famiglia che va ripensato l’assetto delle comunità locali in quanto esse sono prima di tutto reti di famiglie, cioè reti di relazioni tra famiglie”.

Lev: fra Cesareo (nuovo responsabile), “grato al Santo Padre e a chi ha dimostrato fiducia nei miei confronti”

Thu, 2017-10-12 17:31

“Sono molto grato al Santo Padre, a monsignor Dario E. Viganò e alla Segreteria di Stato per la fiducia che hanno dimostrato nei miei confronti affidandomi la responsabilità di guidare la Libreria editrice vaticana”, così fra Giulio Cesareo, raggiunto dal Sir alla Fiera del libro di Francoforte commenta la sua fresca nomina alla guida della Lev.
Un incarico che giunge in un contesto internazionale e che segna la prosecuzione del cammino della Libreria editrice vaticana, coinvolta nel processo di riforma – con la Segreteria della Comunicazione – dei media della Santa Sede.
“La Lev è a Francoforte, una fiera tra le più importanti, ed esserci per me è una sfida come persona e come struttura – dichiara fra Giulio –, accompagnato da uno staff professionale e qualificato da cui sono validamente supportato nel mio lavoro e nel momento di questa nomina”.
“Proprio qui a Francoforte presentiamo la collana in 11 volumi sulla teologia di papa Francesco – continua il nuovo responsabile Lev –. L’opera nasce con una duplice finalità. Da un lato mostrare la profondità delle radici teologiche ed ecclesiali del pensiero, dei gesti e del Ministero di papa Francesco. Il pontefice infatti usa un linguaggio semplice, ma non per questo banale o superficiale. Al contrario: c’è una grande conoscenza dei testi teologici”. “Inoltre, desideriamo aiutare la Chiesa tutta a comprendere ancora meglio il Magistero del Santo Padre così da nutrirsene, accogliere e seguire il nostro Pastore”.
“Il nostro obiettivo – conclude fra Giulio Cesareo – è promuovere la collana il più possibile nel mondo. In Italia uscirà a Natale, e, a firmare i volumi, sono uomini e donne, sacerdoti e laici, italiani e stranieri. Tra i nomi anticipati a Francoforte: padre Marko Ivan Rupnik, Roberto Repole, Marinella Perroni, Piero Coda”.

Diocesi: Campobasso-Bojano, domani arriverà da Fatima una copia della statua della Madonna

Thu, 2017-10-12 17:29

Una statua della Madonna di Fatima a Campobasso nel centenario delle apparizioni. Arriverà nella parrocchia di sant’Antonio domani, venerdì 13 ottobre, e resterà fino al 22. La copia è stata benedetta nella cappellina delle apparizioni del santuario portoghese. Dopo l’arrivo nell’eliporto dell’Università del Molise nel pomeriggio, la statua sarà accolta dall’arcivescovo di Campobasso-Bojano mons. Giancarlo Bregantini, dal parroco padre Giancarlo Li Quadri Cassini e da numerosi fedeli, che si recheranno in processione verso la chiesa di sant’Antonio. Momenti di preghiera, catechesi, recite del Rosario e poi alcune Messe saranno celebrate durante il periodo di permanenza della statua. Martedì 17 ottobre, alle 19, una solenne celebrazione eucaristica sarà presieduta dall’arcivescovo mons. Bregantini, in occasione del 25° anniversario di sacerdozio del frate francescano padre Giancarlo Li Quadri Cassini. Seguirà il concerto del coro Jiubilate di Campobasso. Giovedì 19 ottobre nel pomeriggio si svolgerà invece una processione in contrada Tappino, mentre, venerdì 20, la statua sarà portata nell’ospedale “Cardarelli”. Domenica 22 ottobre, alle 19, una fiaccolata accompagnerà il simulacro dalla chiesa di sant’Antonio verso l’eliporto per il ritorno in Portogallo.

Scuola: Fidae, “garantire anche alle paritarie l’accesso al Pon finaziato dai Fondi strutturali europei”

Thu, 2017-10-12 17:12

“Continueremo a seguire l’evolversi della situazione per non permettere che ancora una volta vadano deluse le legittime aspettative di tanti operatori dell’istruzione che con dedizione e competenza reclamano un diritto che, senza ombra di dubbio, è contemplato dal modello istituzionale disegnato dalla legge 62 del 2000”. È quanto si legge in una nota della Fidae (Federazione istituti attività educative) divulgata oggi, a proposito del Programma operativo nazionale (Pon) “La Scuola per lo sviluppo”. La Federazione ricorda che, “considerato il dilatarsi dei tempi di applicazione della previsione della legge di bilancio, quattro organizzazioni cattoliche (Fidae, Agidae, Fism, Foe-Cdo Opere educative) hanno chiesto, nel giugno 2017, un incontro alla ministra Fedeli per avere informazioni sul procedimento in corso per l’attuazione della normativa”. Dopo l’incontro, “la Fidae ha continuato a seguire le fasi che stanno portando, entro questo mese, alla trasmissione delle richieste di modifiche all’Accordo di partenariato alla Commissione europea, passaggio propedeutico per procedere all’aggiornamento del Pon Scuola e permettere poi l’emanazione dei bandi rivolti alle scuole paritarie”. Inoltre, la Federazione ha avviato dal maggio 2017 corsi in preparazione alla realizzazione di progetti per “accedere al piano di interventi, finanziato dai Fondi strutturali europei”.

Ius soli: Iacomini (portavoce Unicef), “porre la fiducia come sulla legge elettorale”

Thu, 2017-10-12 16:54

“La classe politica italiana in queste ore si sta dividendo sulla fiducia posta sulla legge elettorale. Perché non mettere la fiducia su una legge importante per il futuro di 800mila bambini come lo ius aoli?”. A lanciare la proposta al governo è Andrea Iacomini, portavoce di Unicef Italia. “Ben 814.851 alunni di origine straniera frequentano il sistema scolastico italiano, di questi quasi il 60% è nato in Italia. Questi ragazzi siedono nelle stesse classi dei nostri figli, studiano la storia del nostro Paese e progettano un futuro qui, eppure l’Italia stenta a riconoscerli come italiani”. Nella nota diffusa da Unicef, Iacomini sottolinea anche l’importanza dello Ius soli per l’Italia. “Dare la cittadinanza a questi ragazzi significa integrare realmente le generazioni nate e cresciute in Italia, significa guardare al futuro e non al passato – prosegue Iacomini -. È un tema cruciale almeno quanto la legge elettorale”.

Iraq: Msf, “offensiva di Hawija spinge 14.000 persone a fuggire nei distretti circostanti”

Thu, 2017-10-12 16:39

L’offensiva di Hawija ha costretto 14.000 persone a fuggire verso i distretti circostanti, nel governatorato di Kirkuk, dove arrivano in condizioni di estrema vulnerabilità e con urgente bisogno di assistenza. Lo afferma l’organizzazione medico-umanitaria internazionale Medici senza frontiere (Msf), che sta offrendo assistenza nell’area. Dall’inizio dell’offensiva, il 21 settembre, migliaia di sfollati hanno raggiunto i cosiddetti punti di accesso, a 25 km a nord e 40 km a est del centro di Hawija, e al campo sfollati di Daquq, e hanno bisogno urgente di riparo, cure mediche e cibo. Da allora le équipe di Msf hanno fornito oltre 3200 consultazioni mediche, compresi 6 feriti di guerra tra cui un bambino di 8 anni, tutti colpiti da esplosioni causate dai bombardamenti o dalle mine. “Daquq è oggi l’unico campo nel governatorato di Kirkuk ad accogliere le persone fuggite dall’offensiva di Hawija”, spiega Tatiana Kotova, coordinatrice del progetto Msf a Kirkuk. “Ospita circa 11.000 persone, fuggite da Hawija a partire da ottobre 2016. Da gennaio 2017 forniamo cure mediche nel campo, attraverso un ambulatorio per consultazioni mediche generali, per il trattamento di malattie non trasmissibili come il diabete o la pressione alta, e per la salute mentale”. Gli abitanti del distretto hanno vissuto sotto assedio per quasi tre anni, senza servizi di base né cure mediche, perché le infrastrutture non funzionavano regolarmente e non c’erano aiuti umanitari disponibili. Msf fornisce cure mediche e traumatologiche alle persone in arrivo da Hawija attraverso cliniche mobili a Debis e Maktab Khalid. Nei mesi precedenti all’offensiva, Msf ha supportato il pronto soccorso dei due ospedali principali di Kirkuk fornendo materiali e formazione ai medici e infermieri del Dipartimento della Salute iracheno per prepararli al trattamento dei feriti di guerra. All’ospedale di Qayyarah, Msf fornisce cure chirurgiche e di emergenza ai feriti di guerra e le équipe visitano i campi sfollati che accolgono le persone in arrivo da Hawija per valutare il loro stato di nutrizione e i loro bisogni.

Santa Sede-Giappone: mons. Gallagher (Santa Sede), “promuovere pace e disarmo contro ogni tentazione di cedere il passo alla logica delle armi e della guerra”

Thu, 2017-10-12 16:39

“Il Santo Padre Francesco, profondo ammiratore della millenaria saggezza giapponese e figlio di Sant’Ignazio, nutre speciale considerazione per la missione pastorale della Chiesa in Giappone e in tutta l’Asia”. Con queste parole mons. Paul Richard Gallagher, segretario per i rapporti con gli Stati, ha portato i saluti del Papa al Simposio commemorativo del 75° anniversario dei rapporti diplomatici tra la Santa Sede e il Giappone – in corso alla Pontificia Università Gregoriana –  rinnovando “l’impegno della sede apostolica ad accompagnare con particolare attenzione il cammino della Chiesa giapponese”. “Ne è un segno concreto anche il recente viaggio compiuto nel Paese dal cardinal Filoni, prefetto della Congregazione per l’Evangelizzazione dei popoli”, ha sottolineato Gallagher, ricordando che “la Santa Sede desidera continuare a collaborare con le autorità nipponiche per la promozione di un’autentica cultura di pace, anche nei delicati e complessi frangenti dell’attuale situazione internazionale”. Gallagher ha ribadito, inoltre, “l’urgenza di promuovere oggi la pace e il disarmo, contro ogni tentazione di cedere il passo alla logica delle armi e della guerra”. “L’immenso tributo di dolore, di sofferenza e di morte che il Giappone ha dovuto sperimentare nel corso della seconda guerra mondiale, specialmente ad Hiroshima e a Nagasaki, serva costantemente di monito per tutta l’umanità”, l’auspicio dell’esponente vaticano, che ricordando la sua recente visita ad Hiroshima per sostare in preghiera al “Peace Memorial” ha citato ancora una volta le parole pronunciate nello stesso luogo da San Giovanni Paolo II, nel corso della storica visita in Giappone del 1981, assumendole come “invito profetico” anche a nome della Santa Sede: “Ai capi di Stato e di Governo, a coloro che detengono il potere politico ed economico, io dico: impegniamoci per la pace nella giustizia; prendiamo una solenne decisione, ora, che la guerra non venga mai più tollerata e vista come mezzo per risolvere le divergenze; promettiamo ai nostri simili che ci adopreremo infaticabilmente per il disarmo e l’abolizione di tutte le armi nucleari, sostituiamo alla violenza e all’odio la fiducia e l’interessamento”.

Diocesi: Tursi-Lagonegro, nel pomeriggio a Lauria Superiore si apre l’“Anno lentiniano” indetto da mons. Orofino

Thu, 2017-10-12 16:20

Si apre oggi pomeriggio, nella diocesi di Tursi-Lagonegro, lo speciale “Anno lentiniano”, indetto dal vescovo diocesano, mons. Vincenzo Orofino, in occasione del ventennale della beatificazione del sacerdote Domenico Lentini. Il via verrà dato nel corso della celebrazione eucaristica che mons. Rocco Talucci, già vescovo di Tursi-Lagonegro al momento della beatificazione, presiederà alle 18 nella chiesa di San Nicola di Bari in Lauria Superiore (Pz) dove sono custodite le spoglie mortali del beato Lentini. Concelebreranno mons. Orofino e numerosi sacerdoti. “Dando voce al vostro comune sentire – ha scritto Orofino alla comunità diocesana – indìco per tutta la diocesi un particolare anno dedicato all’approfondimento della vita, dell’insegnamento e della testimonianza evangelica del beato Domenico Lentini”. “Sarà un anno – prosegue il vescovo – durante il quale ci metteremo alla scuola di un uomo autentico e di un sacerdote zelante che ha preso sul serio Gesù Cristo e il suo messaggio, trovando in Lui le ragioni della sua vita e della sua missione”. “Un anno di intensa preghiera e di profonda riflessione per imparare dal beato a dare forma eucaristica alla nostra vita e a stare nel territorio con lo sguardo della fede per saperne riconoscere le esigenze e valorizzare le potenzialità”, aggiunge Orofino, sottolineando che “tutti noi siamo chiamati a metterci alla sua scuola per amare e seguire Gesù Cristo, riconoscendolo nei poveri, servendolo nei giovani e adorandolo nell’Eucaristia, per stare nella Chiesa con cuore docile e servirla con abnegazione fedele, corrispondendo con verità alla nostra vocazione umana e cristiana”.

Fiera del libro di Francoforte: Mons. Viganò (SpC) annuncia il nuovo responsabile della Lev. È fra Giulio Cesareo

Thu, 2017-10-12 16:06

Alla Buchmesse di Francoforte monsignor Dario E. Viganò, Prefetto della Segreteria per la Comunicazione (SpC) della Santa Sede, visiterà domani 13 ottobre diversi stand, tra cui quello della Libreria Editrice Vaticana (Lev), “che ha un grande e nuovo impulso nei rapporti con moltissimi editori – precisa mons. Viganò -, e questo grazie anche alla presenza del nuovo responsabile della Libreria editrice vaticana, fra Giulio Cesareo, un giovane professore di Teologia, con un Dottorato a Friburgo, la conoscenza di sei lingue e una grande dedizione al mondo della cultura”.
“Proprio a Francoforte – spiega mons. Viganò – si sta lavorando molto per l’uscita di una collana sulla teologia di papa Francesco. Un’opera in 11 volumi di respiro internazionale che uscirà in Italia entro Natale e verso la quale molti editori stanno dimostrando già un chiaro interesse. Quasi a 5 anni dall’inizio di questo pontificato, si vuole dunque rileggere le discipline teologiche dentro un movimento di Chiesa. Dentro la Chiesa, segnata dal pontificato di papa Francesco”.

Frankfurt Book Fair: Mgr. Viganò (SfC) guest of Bayard (La Croix), “an important meeting with religious publishers”

Thu, 2017-10-12 16:05

The Frankfurter Buchmesse, Frankfurt International Book Fair, the exhibition dedicated to the most important European publishing market since 1949, is underway from 11 to 15 October. The Prefect of the Holy See’s Secretariat for Communication (SfC), Monsignor Dario Edoardo Viganò, is in Frankfurt this afternoon, 12 October, to attend, as a guest of honour, the meeting with religious publishers, both Catholic and non-Catholic, organized by the Bayard publishing group, which publishes the daily “La Croix” in France. “It is a significant moment – Mgr. Viganò told SIR news agency – organised by Bayard, a group that promotes a series of apostolic and missionary activities in Africa. A valuable opportunity for knowledge and to build relations, also in view of the days which will be held from 24 to 26 January at the Marian Shrine of Lourdes, where we will reflect on the theme of truth. A theme that is in line with the message of the Holy Father for the 52nd World Day of Social Communications, ‘The truth will set you free’ (Jn 8:32). Fake news and journalism for peace’”.

Fiera del libro di Francoforte: Mons. Viganò (SpC) ospite di Bayard (La Croix), “un incontro importante con gli editori religiosi”

Thu, 2017-10-12 16:05

Al via dall’11 al 15 ottobre la Frankfurter Buchmesse, la Fiera Internazionale del libro di Francoforte, esposizione dedicata al mercato dell’editoria più importante a livello europeo dal 1949. Il Prefetto della Segreteria per la Comunicazione (SpC) della Santa Sede, monsignor Dario Edoardo Viganò, è oggi pomeriggio a Francoforte per partecipare come ospite d’onore all’incontro con gli editori religiosi, cattolici e non, organizzato dal gruppo editoriale Bayard, che pubblica in Francia il quotidiano “La Croix”.
“Un momento significativo – dichiara all’Agenzia Sir mons. Viganò – organizzato da Bayard, gruppo che promuove una serie di iniziative importanti di apostolato e missione in Africa. Un’occasione preziosa di conoscenza e per tessere legami, in vista anche delle giornate che si terranno dal 24 al 26 gennaio presso il Santuario Mariano di Lourdes in cui si rifletterà sul tema della verità. Tema che si allinea al Messaggio del Santo Padre per la 52ª Giornata delle comunicazioni sociali, ‘La verità vi farà liberi’ (Gv 8,32). Fake News e giornalismo di pace’”.

Papa Francesco: videomessaggio, “il cristiano non può mai essere pessimista”, no a “egoismo” e “corruzione”

Thu, 2017-10-12 16:01

“Nel 1717, nel momento stesso in cui emerse dalle acque per mano di quei pescatori, la Vergine Madre Aparecida li ispirò ad avere fiducia in Dio, che ci sorprende sempre”.  Lo dice il Papa, nel videomessaggio inviato oggi in occasione della Festa di Nostra Signora Aparecida, patrona del Brasile, nell’Anno Mariano del Giubileo dei 300 anni dal ritrovamento dell’immagine della Vergine Madre Aparecida. “Pesci in abbondanza, grazia diffusa in modo concreto nella vita di coloro che erano timorosi davanti ai poteri costituiti”, prosegue Francesco: “Dio li sorprese, perché Colui che ci ha creato nell’Amore infinito, ci sorprende sempre. Dio ci sorprende sempre!”. “In questo Giubileo nel quale festeggiamo i 300 anni di quella sorpresa di Dio, siamo invitati a essere gioiosi e grati”, la consegna: “E questa gioia, che promana dai vostri cuori, possa traboccare e raggiungere ogni angolo del Brasile, soprattutto le periferie geografiche, sociali ed esistenziali, che tanto bramano una goccia di speranza. Il semplice sorriso di Maria, che riusciamo a scorgere nella sua immagine, sia fonte del sorriso di ognuno di voi dinanzi alle difficoltà della vita. Il cristiano non può mai essere pessimista!”.
“Oggi il Brasile ha bisogno di uomini e donne che, colmi di speranza e saldi nella fede, siano testimoni del fatto che l’amore, manifestato nella solidarietà e nella condivisione, è più forte e luminoso delle tenebre dell’egoismo e della corruzione”, la conclusione del videomessaggio, in cui il Papa confessa di avere “grande nostalgia del Brasile”.

Papa Francesco: videomessaggio, avrei voluto essere con voi, “ma la vita di un Papa non è semplice”. “Non lasciatevi prendere dallo sconforto!”

Thu, 2017-10-12 16:00

“La vita di un Papa non è semplice”. A spiegarlo è Francesco, in un videomessaggio inviato al popolo brasiliano in occasione della Festa di Nostra Signora Aparecida, patrona del Brasile, nell’Anno Mariano del Giubileo dei 300 anni dal ritrovamento dell’immagine della Vergine Madre Aparecida. “Nel 2013, in occasione del mio primo viaggio apostolico internazionale, ho avuto la gioia e la grazia di recarmi al santuario di Aparecida e di pregare ai piedi della Madonna, affidandole il mio pontificato e ricordando il popolo brasiliano con l’accoglienza tanto calorosa che viene dal suo abbraccio e dal suo cuore generoso”, ricorda il Papa: “In quell’occasione ho anche manifestato il mio desiderio di essere con voi in questo anno giubilare, ma la vita di un Papa non è semplice. Per questo, ho voluto nominare il cardinale Giovanni Battista Re delegato pontificio per le celebrazioni del 12 ottobre. A lui ho affidato la missione di garantire così la presenza del Papa fra voi!”. “Pur non essendo presente fisicamente, desidero, nel frattempo, attraverso la Rete Aparecida di Comunicazione, manifestare il mio affetto per questo amato popolo, devoto della Madre di Gesù”, prosegue Francesco: “Ciò che lascio qui sono semplici parole, ma desidero che le riceviate come un abbraccio fraterno in questo momento di festa”. ” Ad Aparecida – dice il Papa ripetendo le parole pronunciate nel 2013 sull’altare del Santuario nazionale – impariamo a conservare la speranza, a lasciarci sorprendere da Dio e a vivere nella gioia”. “La speranza, caro popolo brasiliano, è la virtù che deve permeare i cuori di coloro che credono, soprattutto quando intorno a noi le situazioni di disperazione sembrano volerci scoraggiare”, l’invito: “Non lasciatevi vincere dallo sconforto, non lasciatevi vincere dallo sconforto! Abbiate fiducia in Dio, abbiate fiducia nell’intercessione della Nostra Madre Aparecida”. “Nel santuario di Aparecida e in ogni cuore devoto di Maria – l’omaggio di Francesco – possiamo toccare la speranza che si concretizza nell’esperienza della spiritualità, nella generosità, nella solidarietà, nella perseveranza, nella fraternità, nella gioia, valori questi che, a loro volta, affondano le loro radici più profonde nella fede cristiana”.

 

Poland: Bishops on plenary meeting on the 100th anniversary of the Catholic University of Lublin. Family life, youth and Synod on the agenda

Thu, 2017-10-12 15:42

Pastoral service for families – and new forms of unions – in the light of the Amoris laetitia, the problems of young people, matters concerning the national culture and cultural heritage, as well as the preparations for the next YWD in Panama: these will be the main items on the agenda at the 377th plenary assembly of the Polish Bishops Conference, due in Lublin from 13th to 15th October. The prelates will meet in the premises of the Catholic University of Lublin to celebrate the 100th anniversary of the university, which has now been named after by one of his professors, John Paul II. The Catholic University of Lublin is the third biggest university in Poland by number of students, after Cracow and Warsaw. Among the items on the agenda at the plenary meeting, the Bishops will focus above all on the youth pastoral programme. As pointed out by the director of the youth pastoral service, mgr. Marek Solarczyk, the Bishops will extensively discuss the preparations for the Sacrament of Confirmation. Mgr. Solarczyk will also tell the attendees about the state of the preparations for the 2018 Synod that Pope Francis dedicated to young people. The website in Polish www.synod2018.pl, where young people aged 16 to 29 can answer the questions in the run-up to the Synod about them, is online already.

Siria: Ospedale Bambino Gesù e Oms, un accordo per migliorare l’assistenza specialistica per bambini e adolescenti

Thu, 2017-10-12 14:26

Supporto al sistema sanitario della Siria per migliorare l’assistenza specialistica per bambini e adolescenti: è l’obiettivo dell’accordo di collaborazione tra l’Organizzazione mondiale per la sanità (Oms) e l’Ospedale pediatrico Bambino Gesù che è stato firmato oggi nella sede del Gianicolo del nosocomio romano dalla presidente Mariella Enoc e da Elizabeth Hoff, rappresentante dell’Oms in Siria. Lo rende noto l’ufficio stampa dell’Ospedale pediatrico. Obiettivo principale della collaborazione tra Oms Siria e il Bambino Gesù è “l’aggiornamento della formazione specialistica del personale medico ed infermieristico dell’Ospedale pediatrico universitario e del Centro cardiovascolare dell’Ospedale dell’Università Al‐Muwassat di Damasco”, con la prospettiva di allargare in futuro questo programma ad altre unità pediatriche attive negli ospedali pubblici gestiti dai Ministeri della Salute e dell’Istruzione superiore in varie aree geografiche della Siria come Latakia e Aleppo. Il programma avrà una durata iniziale di 3 anni. “Questo progetto rappresenta un passo in avanti verso il rafforzamento delle capacità del sistema sanitario siriano, che hanno subito un forte deterioramento in tutto il Paese dopo sei anni di crisi”, ha affermato la rappresentante in Siria dell’Oms, Elizabeth Hoff. “Il miglioramento delle competenze di medici e infermieri nell’ambito delle cure pediatriche allevierà le sofferenze dei bambini malati, la categoria maggiormente colpita durante il periodo di crisi”. L’Ospedale Bambino Gesù ha in corso numerose missioni internazionali. “Il nostro Ospedale – ha confermato la presidente, Mariella Enoc – svolge programmi di cooperazione con diversi Paesi del mondo. Durante gli ultimi tre anni la cooperazione internazionale è stata intensificata ed è diventata parte integrante della missione dell’Ospedale. Sempre di più la comunità del Bambino Gesù avverte l’urgenza di offrire la propria capacità di cura non solo a quanti raggiungono le sedi di Roma, ma anche a Paesi spesso interessati da conflitti o calamità naturali supportandoli nella formazione del personale e nell’acquisizione delle competenze più avanzate”. La firma dell’accordo è avvenuta all’interno di una visita di tre giorni al Bambino Gesù della rappresentante Oms e dei suoi collaboratori. Durante questo tempo la delegazione visiterà anche i reparti di riabilitazione delle sedi di Palidoro e Santa Marinella per valutare la fattibilità di un progetto di formazione sulla riabilitazione dopo l’impianto di arti artificiali.

 

 

 

 

 

Disabili: card. Bassetti, “cessino di essere invisibili. Sono una parte viva e importantissima del Paese”

Thu, 2017-10-12 14:17

“C’è un’Italia invisibile agli occhi dei grandi media che rappresenta, invece, una parte viva e importantissima del Paese. È l’Italia della disabilità mentale e fisica”. È quanto evidenzia il card. Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Cei, nel suo ultimo articolo pubblicato nella rubrica “Dialoghi” de “Il Settimanale” in edicola con “L’Osservatore Romano” di venerdì 13 ottobre. “Secondo i dati dell’Istat – ricorda Bassetti – sono più di 3 milioni di persone, la stragrande maggioranza di essi (circa 2,5 milioni) anziani, per lo più donne. Accanto a essi, anche molti giovani (156mila gli alunni nelle scuole)”. Sono “numeri importanti che delineano un mondo vasto, di famiglie, assistenti, istituti statali, strutture private. Un mondo ricco di umanità, con storie personali dolorose e bellissime”. Accanto a “volti più o meno noti”, osserva il cardinale, “si cela, però, un mondo di invisibili di cui non si sente parlare”. “Bisogna andare nelle loro case, nelle loro famiglie – ammonisce – per accarezzarli e vederli. E quando li si vede, si scorge immediatamente nei loro sguardi e in quelli che li curano una scintilla d’amore”. Bassetti punta poi il dito contro il “silenzio mediatico che ha colpito la Giornata nazionale delle persone con sindrome di Down che si è svolta l’8 ottobre in molte piazze d’Italia”. “Anche in questo caso, uomini e donne invisibili che rappresentano, drammaticamente, una delle piaghe più inique e taciute della cultura dello scarto”, scrive Bassetti, parlando di “una piaga che in alcuni Paesi scandinavi si traduce perfino nella politica ‘Down free’. Politica antiumana perché le malattie si curano e le persone non si scartano come merce difettosa”. “Tutto ciò – prosegue il presidente della Cei – esorta alla definizione di una nuova cultura della vita, che è anche una nuova cultura della disabilità” contro la “cultura dello scarto che marginalizza ogni tipo di imperfezione”. Inoltre, “occorre investire di più sulle questioni aperte dalla disabilità, a partire dalla scuola”. Secondo Bassetti, “si fa molto nelle scuole italiane per l’integrazione. Ma si potrebbe fare di più sulla formazione degli insegnanti di sostegno, in numero insufficiente nelle scuole”. “Soprattutto – conclude il cardinale – è necessario un mutamento nella percezione pubblica, perché i disabili cessino di essere invisibili e siano riconosciuti come persone speciali in cui si può scorgere nitidamente il volto di Dio”.

Diocesi: Fano, iniziato ieri il corso in diritto canonico

Thu, 2017-10-12 13:49

Ha preso il via ufficialmente, ieri, al Centro pastorale diocesano, il corso di formazione in diritto canonico promosso dalla diocesi di Fano-Fossombrone-Cagli-Pergola con il patrocinio dell’Istituto Utriusque Iuris della Pontificia Università Lateranense. Ad aprire la giornata di studi l’avvocato canonista Anita Titomanlio, co-promotrice e co-organizzatrice del corso, la quale ha ringraziato il vescovo Armando Trasarti per aver sposato fin da subito questa iniziativa, il preside dell’Istituto Utriusque Iuris della Pontificia Università Lateranense, Manuel Jesus Arroba Conde che ha creduto nel progetto e quanti hanno contribuito alla realizzazione del corso. La parola è poi passata al preside Arroba Conde che ha spiegato, entrando nel dettaglio, finalità e obiettivi del corso di formazione in diritto canonico. “Il corso – ha affermato il preside – è importante poiché capita in un momento della vita della Chiesa in cui, da più parti, emerge la necessità di poter contare su persone che prestano il loro servizio in maniera qualificata, un momento in cui si richiede di avere specifiche competenze nel settore della formazione giuridica della Chiesa. Credo che la forza di questo corso stia proprio nel dare la possibilità agli iscritti di poter accedere a queste competenze, che normalmente forniscono le università, comodamente in loco e gradualmente”.
Intervenuto alla presentazione del corso don Giorgio Giovanelli, docente presso le facoltà giuridiche della Pontificia Università Lateranense, il quale ha sottolineato come il mons. Trasarti viva in modo particolare il senso giuridico della pastorale. “Il diritto – ha messo in evidenza don Giorgio – come avremo modo di vedere durante tutto il corso è dotato di una grande pastoralità. Abbiamo inserito nel piano di studi anche la teologia del diritto che offre agli iscritti la possibilità di cogliere queste peculiarità”.

Giornali Fisc: “Corriere Cesenate”, da oggi online il nuovo sito web

Thu, 2017-10-12 13:31

È online dalle 12 di oggi, all’indirizzo www.corrierecesenate.it, il nuovo sito web del “Corriere Cesenate”, settimanale diocesano di Cesena-Sarsina. “Da tempo – spiega il direttore del settimanale, Francesco Zanotti – ci stavamo pensando e da tempo eravamo pronti per questo rinnovato sbarco nella rete. Poi la visita di Papa Francesco ci ha fatto decidere di accelerare le operazioni di rifinitura finale”. Con il nuovo sito web, prosegue Zanotti, “continueremo con gli aggiornamenti quotidiani, con maggiore cura per le fotografie e le notizie che scorrono nella homepage”. “Anche nel web – assicura – ora avremo uno sguardo più ampio, non limitato al nostro territorio, sempre per noi importantissimo, ma attenti anche all’Italia e al mondo, grazie ai servizi dell’agenzia Sir, come avviene nell’edizione cartacea e come si trova impresso nel nostro Dna”. “A noi in redazione verrà richiesto un maggiore impegno e una cura più scrupolosa nell’inserimento dei singoli contenuti. Speriamo che questo – conclude Zanotti – si trasformi in una migliore fruibilità di quanto pubblicato che desideriamo mantenere nel solco di un giornalismo in grado di avere sempre occhi e cuori attenti alle persone”.

Diocesi: Altamura, domani al via il convegno sul “discernimento comunitario”

Thu, 2017-10-12 13:22

Si aprirà domani, venerdì 13 ottobre, alle 19,30, il convegno della diocesi di Altamura-Gravina-Acquaviva delle Fonti. Un appuntamento voluto dall’arcivescovo mons. Giovanni Ricchiuti e dai direttori dei diversi Uffici pastorali. Nella prima serata la diocesi si radunerà nell’auditorium “Maria Santissima del Buoncammino” ad Altamura per ascoltare don Francesco Zaccaria, docente di teologia pastorale nella Facoltà teologica pugliese, che introdurrà il tema del “discernimento comunitario”. Il secondo appuntamento è affidato a ciascuna comunità parrocchiale, che si ritroverà secondo le indicazioni del proprio parroco, tra sabato 14 e domenica 15, per un laboratorio pastorale di ascolto e riflessione su alcuni testi del magistero e alcune domande che saranno consegnate da don Zaccaria nella prima serata. Le conclusioni dei lavori si terranno lunedì 16 nel santuario di Altamura, partendo da quanto ciascuna comunità avrà elaborato e rispondendo ai quesiti che saranno emersi dalle discussioni. Il convegno coinvolgerà tutti gli operatori pastorali. Venerdì sera e lunedì sera sarà trasmesso in diretta streaming sul sito www.diocesidialtamura.it

Menù ad Accesso Rapido

Accesso rapido

La Parola
Ragazzi
Scie di Luce
Servizi La Stanza
Media
Cattolici  Protestanti  Ortodossi  Ecumenismo  Vita Quotidiana
  • ° Vita Pubblica
  • ° Lui & Lei
  • ° Matrimonio
  • ° Figli
  • ° Ricette
  • ° Viaggi


 Notizie