Agensir.it

Syndicate content
Servizio Informazione Religiosa
Updated: 16 min 20 sec ago

Notizie Sir del giorno: Papa ai luterani, leader cristiani su Gerusalemme, Marcia per la pace a Sotto il Monte

Thu, 2017-12-07 19:30

Papa Francesco: alla Federazione luterana mondiale, “non possiamo più permetterci di essere avversari o rivali”

“Non potremo mai più permetterci di essere avversari o rivali. E se il passato non si può cambiare, il futuro ci interpella: non possiamo sottrarci, ora, dal ricercare e promuovere una maggiore comunione nella carità e nella fede”. È quanto ha detto questa mattina papa Francesco incontrando in udienza i membri della presidenza della Federazione luterana mondiale guidati dal segretario generale Martin Junge. (clicca qui)

Gerusalemme: leader cristiani, “Usa continuino a riconoscere l’attuale status internazionale. Cambiamento potrebbe causare danni irreparabili”

“Gli Stati Uniti continuino a riconoscere l’attuale status internazionale di Gerusalemme. Qualsiasi cambiamento improvviso potrebbe causare danni irreparabili”. È il monito che i 13 leader cristiani di Gerusalemme, tra loro Pierbattista Pizzaballa, amministratore apostolico del Patriarcato latino, e padre Francesco Patton, custode di Terra Santa, rivolgono al presidente Usa, Donald Trump, che ieri sera ha annunciato il riconoscimento di Gerusalemme quale capitale di Israele e lo spostamento dell’ambasciata americana da Tel Aviv alla Città santa. (clicca qui)

Vescovi europei: incontro Ccee a Lussemburgo su “fine vita” e migrazione. “Il tempo del morire, sempre più privatizzato”

La regolamentazione attorno al cosiddetto “fine vita” e alle migrazioni saranno al centro dell’incontro dei consulenti giuridici delle Conferenze episcopali in Europa in programma dal 10 al 12 dicembre a Lussemburgo. Ad aprire i lavori, nel pomeriggio di domenica 10 dicembre, sarà il cardinale Angelo Bagnasco, arcivescovo di Genova e presidente del Ccee, che interverrà insieme all’arcivescovo locale mons. Jean-Claude Hollerich, presidente di “Giustizia e Pace Europa” e al nunzio apostolico in Lussemburgo, mons. Augustine Kasujja. I partecipanti visiteranno la Corte di giustizia dell’Unione europea e durante la visita avranno l’opportunità di incontrare e confrontarsi con alcuni giudici della Corte. (clicca qui)

Bolivia: i vescovi sulla sentenza che consente ricandidatura di Morales. “Si apre la strada al totalitarismo”

I vescovi boliviani prendono posizione sulla recente sentenza 0084-2017 del Tribunale costituzionale plurinazionale, attraverso la quale si consente un’ulteriore candidatura per il presidente Evo Morales, nonostante la possibilità sia esclusa dalla Carta costituzionale e nonostante un referendum per modificare in questo punto la Costituzione sia stato respinto dal popolo boliviano. “Noi vescovi della Bolivia – si legge nella nota, presentata ieri dal segretario generale della Conferenza episcopale (Ceb), mons. Aurelio Pesoa – non possiamo tacere di fronte alla sentenza del Tribunale costituzionale, poiché essa disconosce due referendum in cui il popolo boliviano ha espresso la sua volontà sovrana: quello che ha approvato la Costituzione nel 2009 e quello che ha respinto la modifica della Costituzione per dare la possibilità di una rielezione, nel 2016. Entrambe le iniziative sono state promosse dal Governo stesso”. (clicca qui)

Marcia per la pace: il 31 dicembre 50ª edizione a Sotto il Monte in memoria di Giovanni XXIII

Si svolgerà nella città di Papa Giovanni XXIII, a Sotto il Monte, in provincia di Bergamo, la cinquantesima edizione della Marcia per la pace, in programma il 31 dicembre. L’iniziativa è stata presentata oggi a Bergamo dal vescovo Francesco Beschi. La partenza è prevista da Calusco d’Adda nel tardo pomeriggio. Da lì saranno percorsi 4 chilometri. L’ultimo atto sarà la celebrazione eucaristica, alle 22.30. Il tema sarà quello del messaggio di Papa Francesco per la Giornata mondiale della pace del 1° gennaio 2018: “Migranti e rifugiati: uomini e donne in cerca di pace”. Un ritorno quest’anno nella città natale di Giovanni XXIII. (clicca qui)

Ambrogino d’oro: don Colmegna (Casa della carità), “ci dà la forza per andare avanti nelle attività di accoglienza e nel nostro impegno culturale”

“Sono onorato per questo Ambrogino idealmente consegnato, attraverso di me, a tutta la Casa della carità, alle altre organizzazioni promotrici della campagna ‘Ero Straniero – L’umanità che fa bene’ e ai tanti, tantissimi volontari che in questi mesi si sono spesi per il suo successo. E mi fa molto piacere che questo premio a ‘Ero Straniero’ arrivi dalle istituzioni milanesi, perché su 86mila firme presentate al Parlamento, ben 21.500 sono state raccolte nella città metropolitana di Milano”: è il commento del presidente della Casa della carità don Virginio Colmegna, che questa mattina ha ricevuto la civica benemerenza. “Questo Ambrogino ci dà la forza per andare avanti nelle attività di accoglienza e nel nostro impegno culturale”, aggiunge. (clicca qui)

Pizza: Coldiretti, Napoli in festa per il riconoscimento Unesco. Tavoli in strada e pizze sospese

Tavoli in strada dalle prime ore del giorno, i primi pizzaiuoli targati Unesco al lavoro, esibizioni acrobatiche e tanta gente per il ritorno della tradizione della pizza sospesa offerta a coloro che non possono permettersi di pagarla nella storica via Chiaia che è il centro dei festeggiamenti nel cuore di Napoli vicino all’Antica Pizzeria Brandi, dove secondo tradizione è nata la margherita. Lo rende noto Coldiretti, protagonista della più grande raccolta di firme a sostegno di una candidatura mai realizzata prima, insieme all’Associazione pizzaiuoli napoletani e alla fondazione UniVerde che ha portato all’iscrizione dell’“Arte dei Pizzaiuoli napoletani” nella lista del patrimonio culturale immateriale dell’umanità dell’Unesco, approvata dall’apposito comitato intergovernativo riunito nell’Isola di Jeju in Corea del Sud. (clicca qui)

Avvenire: la prima pagina di domani 8 dicembre. Terra dei fuochi, redditi in Italia, rivolta nei territori palestinesi

Thu, 2017-12-07 19:29

“Avvenire” dedica il suo titolo principale alla Terra dei fuochi, la zona della Campania contaminata da rifiuti tossici smaltiti illegalmente. Una campagna di informazione che “Avvenire” sostiene da anni di fronte a una situazione di emergenza che non è migliorata, benché oggi qualcuno cerchi di minimizzare. Scrive il sacerdote di Caivano Maurizio Patriciello, una delle figure più attive nella denuncia: “La Campania è stata la pattumiera dei rifiuti industriali di tante aziende del centro e nord Italia; i guadagni milionari hanno fatto cadere ogni remora: nelle campagne cumuli di rifiuti industriali bruciavano a tutte le ore”. L’editoriale è affidato all’economista Leonardo Becchetti, che commenta il recente rapporto Istat sui redditi: “L’Italia non è un Paese per bambini, giovani e famiglie e il rischio di cadere in povertà è inversamente proporzionale all’età e alla dimensione della famiglia come ci confermano i dati dell’indagine Eu-Silc relativi al 2016 rilasciati giovedì 7 dicembre dall’Istat. Il dato medio nazionale è già impressionante perchè il 30% degli italiani è a rischio povertà, il valore più elevato dal 2004 a oggi (siamo al quintultimo posto in Europa, seguiti solo da Romania, Bulgaria, Grecia e Lettonia). La percentuale sale però al 37% se guardiamo alle persone sole con meno di 65 anni e addirittura al 46% se ci concentriamo sulle famiglie con più di 4 figli”. La fotocronaca a centro pagina illustra la rivolta scattata nei territori palestinesi dopo la decisione del presidente Usa Trump di riconoscere Gerusalemme come capitale di Israele. Tra i temi di “Avvenire”, l’uscita dell’edizione critica del “Mein Kampf”, occasione per riflettere su come affrontare “documenti del male”; e la nomina del nuovo arcivescovo di Parigi.

Diocesi: Termoli-Larino, alla stazione ferroviaria l’albero della “Sciarpa sospesa”

Thu, 2017-12-07 19:28

Nell’ambito delle iniziative del periodo di Avvento la Caritas della diocesi di Termoli–Larino ha organizzato l’iniziativa “Il calore della carità”. Per la prima volta la stazione ferroviaria di Termoli ospiterà un albero molto particolare, quello della “Sciarpa sospesa”. “Chi lo desidera – spiega una nota – potrà donare sciarpe, cappelli, guanti e altri accessori posizionandoli sull’albero della solidarietà. I doni potranno quindi essere liberamente presi da quanti vivono situazioni di bisogno e in città non sono pochi. Ciò che rimane sull’albero (che sarà successivamente ripiantato) verrà ritirato dagli operatori della Caritas diocesana e utilizzato per ‘riscaldare’ l’inverno di chi si rivolge ai suoi servizi”. L’albero, donato da Campoverde Vivai di Campomarino, rimarrà in stazione dall’8 dicembre 2017 al 2 gennaio 2018. Nell’iniziativa sono stati coinvolti anche i volontari del Servizio civile nazionale.
Un ringraziamento da parte della diocesi va “per la disponibilità e la sensibilità dimostrata nell’accogliere la proposta” ai responsabili di Trenitalia e della Polizia ferroviaria “per aver consentito l’organizzazione di un’iniziativa che si apre alle persone sole, ai poveri, a chi cerca un conforto non solo materiale ma anche, e soprattutto, umano facendo leva sui valori cristiani. Il povero non solo, quindi, come destinatario di una buona pratica di volontariato da fare una volta alla settimana o di un gesto estemporaneo di buona volontà per mettere in pace la coscienza ma una persona da conoscere, ascoltare e incontrare nella quotidianità. Con una sciarpa donata e un abbraccio condiviso”.

Funerali Massimiliano Di Domenico: mons. Bregantini (Campobasso-Bojano), “una città che perde i suoi ragazzi rischia di diventare uno stagno”

Thu, 2017-12-07 19:27

“Immenso è il dolore. Grande lo sconcerto. Acuitissime le domande che sconvolgono il cuore e la storia di ciascuno, specie dei suoi compagni di scuola qui presenti numerosissimi”. Lo ha detto mons. GianCarlo Bregantini, arcivescovo di Campobasso-Bojano, nell’omelia pronunciata durante i funerali di Massimiliano Di Domenico, 17 anni, morto tragicamente, celebrati stamani. “Proprio in questi eventi è intensa la lezione di vita che il Signore Dio ci manda. Ci parla, sempre, ma soprattutto ora. Ci scuote, ci incide nel cuore. Ma anche ora, va detto subito, per sfatare ataviche paure, le braccia misericordiose di Dio sono aperte – ha aggiunto -. Per accogliere Massimiliano, anche nel suo gesto sofferto. Anzi, mai come ora le sue braccia, quelle braccia di Misericordia si aprono”. Dall’arcivescovo l’invito ad abbandonare “quel senso di colpa che ci distrugge”. “Non serve arrovellarsi in ricerche di colpe. E tanto meno, nessuno osi puntare il dito contro altri. Il pianto ci consola. Il pianto libera dal cattivo senso di colpa”. Infine, mons. Bregantini ha invitato tutti a tre precisi impegni. “Ai ragazzi, agli adolescenti, ai giovani tutti: preparatevi alle amarezze della vita. Agli adulti e docenti e parroci: accompagniamo i nostri ragazzi. Infine, un monito alla città tutta. Ed una città che perde i suoi ragazzi rischia di diventare uno stagno, dove le cose non si muovono più verso la vita nella loro fioritura – ha concluso -. Costruiamo con i giovani luoghi di speranza, ravviviamo gli oratori, spazi di ascolto. Anche la prossima campagna elettorale renda protagonisti i giovani nei programmi. Creiamo luoghi di vita e non di disperazione”.

Diocesi: Pistoia, domani il vescovo ordina un nuovo sacerdote e per l’occasione scrive una lettera sulla “grazia e responsabilità di essere preti oggi”

Thu, 2017-12-07 19:25

Domani la Chiesa di Pistoia accoglierà un nuovo sacerdote. Nella solennità dell’Immacolata Mons. Fausto Tardelli, vescovo di Pistoia, celebrerà alle ore 18 l’ordinazione presbiterale di Gianni Gasperini presso la cattedrale di San Zeno. L’ordinazione presbiterale di Gianni cade in una stagione povera di vocazioni al sacerdozio: “Dio sa – ricorda per l’occasione il vescovo – quanto abbiamo bisogno di preti e di preti santi, dediti anima e corpo al ministero apostolico e profondamente innamorati di Cristo. Ci stringiamo pertanto attorno a don Gianni Gasperini; preghiamo per lui e con lui diamo lode al Signore”.
Proprio l’otto dicembre di tre anni fa Mons. Tardelli entrava a Pistoia come nuovo pastore della diocesi; una ricorrenza “motivo di sincera gratitudine al Signore”, che ha anche suggerito al vescovo la stesura di una lettera indirizzata alla diocesi di Pistoia dal titolo “La grazia e la responsabilità di essere preti oggi a Pistoia”. Si tratta di un breve testo sulla vita e le responsabilità del prete, “perché da parte di tutto il popolo cristiano si apprezzi sempre di più il dono del sacerdozio ministeriale e perché gli stessi presbiteri possano corrispondere al meglio al dono ricevuto”. Su questa linea mons. Tardelli indica alla Chiesa di Pistoia il valore e il compito del sacerdozio, evidenzia rischi e difficoltà, descrive punti di forza, debolezze e criticità del presbiterio pistoiese. Un’analisi a cuore aperto, sincera e appassionata che indica il “bisogno di un ‘colpo d’ala’: per far meglio ed essere in tutto e per tutto dei veri ‘pescatori di uomini’, se non altro con più gioia, fantasia e abbandono fiducioso nelle braccia del Padre”. I presbiteri – si legge nella lettera – non sono degli operatori sociali, bensì uomini di Dio altissimo che in Gesù Cristo ha dato possibilità di vita nuova ai peccatori e ha aperto all’umanità le porte del cielo. Essi hanno una missione eminentemente spirituale ma non per questo disancorata dalla realtà; piuttosto concentrata su quello che è il senso stesso della vita, il suo fine, la sua meta: Dio in Cristo.

Unitalsi: pellegrini in partenza per Terra Santa e Lourdes. Diella (presidente), “primo pellegrino della storia è Dio”

Thu, 2017-12-07 19:13

Partirà oggi dall’Italia, con destinazione Tel Aviv, il pellegrinaggio Unitalsi per la Terra Santa cui parteciperanno più di 130 soci, volontari e disabili della Sezione pugliese e della Sezione siciliana occidentale, oltre ai soci della Sezione calabrese. In Terra Santa sarà presente anche il presidente nazionale, Antonio Diella, insieme ai consiglieri nazionali Rocco Palese, Cosimo Cilli e Maria Gisella Molina. “Il nostro sarà un pellegrinaggio, un ritorno in Terra Santa: non ascolteremo una ripetizione di informazioni storiche e non vivremo solo alcune tappe, ma assaporeremo una nuova esperienza per diventare chiesa in cammino, per entrare in contatto con i popoli che abitano i luoghi della storia della salvezza. Il primo pellegrino della storia è Dio”, ha sottolineato Antonio Diella. Il gruppo, tra le tappe previste dal pellegrinaggio, farà visita a Betlemme ai bambini disabili ospiti della Hogar Nino Dios, struttura di accoglienza gestita dalle suore del Verbo Incarnato con la quale l’Unitalsi collabora da tempo impegnando, durante tutto l’anno, i volontari dell’associazione. L’Unitalsi, in occasione della solennità dell’Immacolata Concezione, è coinvolta anche a Lourdes, dove è previsto un pellegrinaggio cui parteciperanno circa 250 soci tra volontari e disabili delle sezioni: lombarda, emiliano-romagnola e abruzzese. Mentre a Roma è previsto il tradizionale appuntamento a Piazza di Spagna, dove l’associazione renderà omaggio alla statua della Vergine Maria alla presenza di Papa Francesco.

Sport: Csi, al via domani ad Assisi il meeting nazionale con 500 dirigenti da tutta Italia. Sabato la Messa presieduta dal card. Bassetti

Thu, 2017-12-07 19:12

Incontri, laboratori ed approfondimento sulla pratica sportiva. E ancora spiritualità e un focus speciale sulle politiche sportive: questo e molto altro nei tre giorni dedicati allo sport educativo, che il Csi (Centro sportivo italiano) vivrà ad Assisi dall’ 8 al 10 dicembre nel Meeting nazionale dirigenti: 500, con rappresentanti di 75 comitati territoriali e 17 regioni. Dopo il “via” nella serata dell’Immacolata, con l’apertura della mostra “Nati per correre”, il Meeting di Assisi entrerà subito nel vivo sabato 9 dicembre con l’attesa tavola rotonda “S Factor: alla ricerca dello sport possibile, tra territorio, istituzioni e promozione sociale” con i responsabili politici dello sport in Parlamento. Il confronto sarà trasmesso in streaming sul canale youtube Csi e sul sito. Un altro momento significativo sarà sabato 9 dicembre, alle 15.30, la Messa nella Basilica di Santa Maria degli Angeli presieduta dal cardinale presidente della Cei Gualtiero Bassetti. Il consueto pellegrinaggio da S. Maria degli Angeli alla Basilica di San Francesco in programma sabato alle ore 20.45 chiuderà una giornata intensa dei lavori. Domenica si ripartirà con l’intervento di don Gionatan De Marco, neodirettore dell’Ufficio nazionale della Cei per la pastorale del tempo libero, turismo e sport, che rifletterà sul tema “Sportivi: artigiani di vita felice”. Infine dopo le sintesi sui 6 gruppi di approfondimento dedicati all’attività sportiva giovanile, a tirare le conclusioni del Meeting sarà il presidente nazionale Vittorio Bosio. L’hashtag dell’appuntamento è #Assisi2017.

Diocesi: Savona-Noli, al via domani il cammino sinodale con una Messa al santuario di N.S. di Misericordia

Thu, 2017-12-07 19:06

“Prendi il largo”. È lo slogan del cammino sinodale della diocesi di Savona-Noli, che inizierà domani. In occasione della solennità dell’Immacolata Concezione di Maria, sarà infatti una Messa al santuario di N.S. di Misericordia a sancire l’inizio di questo percorso assieme, “affidandolo alla Madre celeste”, come si legge in una nota. Domani, venerdì 8 dicembre alle 16.30, nella basilica, il vescovo Calogero Marino presiederà l’Eucaristia di apertura del cammino sinodale. La celebrazione sostituirà il tradizionale pontificale delle 18 in cattedrale. “Mi è sembrato importante e quasi naturale voler affidare questa avventura sinodale alla nostra Madre celeste, patrona della città di Savona e della diocesi”, spiega a “Il Letimbro” mons. Marino. Non solo. Il cammino diocesano sarà oggetto anche della preghiera del tempo d’Avvento: “Questo periodo di attesa del Natale coincide infatti – sottolinea la nota – con l’avvicinamento al percorso sinodale. Un momento di doppia preparazione che viene sottolineato con le preghiere, curate dal direttore dell’Ufficio liturgico padre Piergiorgio Ladone, che verranno proposte alle singole parrocchie per le diverse domeniche d’Avvento e una più articolata da utilizzare durante le celebrazioni o in altri momenti comunitari”.

Diocesi: Nardò-Gallipoli, il 17 dicembre “La musica per progettare il futuro”

Thu, 2017-12-07 19:00

Si è svolta oggi, alle 12, presso la “Sala Roma” di Nardò, una conferenza stampa per presentare al pubblico l’iniziativa “La musica per progettare il futuro”, prevista per il 17 dicembre in piazza Salandra, a Nardò (ore 20.30). Finalità dell’evento, promosso dall’Ufficio diocesano per la cooperazione missionaria tra le Chiese e patrocinata dal Comune di Nardò, è “favorire e sostenere la costruzione di una scuola per i bambini del villaggio di Pajule, in nord Uganda”. Ad aprire l’incontro, il responsabile dell’ufficio stampa della diocesi, don Roberto Tarantino, accompagnato da don Giuseppe Calò, direttore del Centro missionario diocesano. Don Giuseppe Venneri, vicedirettore del Centro missionario e responsabile del progetto, ha illustrato l’evento ripercorrendo la storia della missione in Uganda della diocesi, ricordando quanto già si è realizzato a Pajule (dispensario farmaceutico, allevamento di maiali, dormitorio, adozioni a distanza…) e sottolineando il valore dell’hastag di riferimento #missionispossible. Ad illustrare il logo dell’evento, che diventerà il “brand” delle iniziative del Centro missionario, l’autrice Chiara Fracella: due mani che si intrecciano formando un cuore quasi avvolto da una croce missionaria. La logistica dell’evento è stata illustrata dal giornalista e conduttore televisivo Giuseppe Ienuso. Saranno presenti punti mobili di raccolta fondi, un punto fisso e sarà comunicato il risultato parziale durante la serata e quello definitivo a fine serata. Per il vescovo Fernando Filograna la manifestazione musicale del 17 dicembre sarà “occasione di grandissima testimonianza cristiana, di solidarietà, di gratuità che fa bene alla mente, al cuore, allo spirito”. Intanto, sui social stanno invitando alla partecipazione e alla donazione di un contributo, attraverso post e videospot, personaggi del mondo dello spettacolo e della società civile a livello nazionale.

Svizzera: vescovi, sarebbe “dannoso per la coesione sociale abolire il canone radiotelevisivo” con il prossimo referendum

Thu, 2017-12-07 18:59

Sarebbe “dannoso per la coesione nazionale e aumenterebbe le divisioni sociali esistenti” se al prossimo referendum di marzo i cittadini svizzeri decidessero di abolire il canone radiotelevisivo, la cosiddetta “iniziativa no-billag”, essendo Billag SA l’Ufficio svizzero di riscossione dei canoni radiotelevisivi. Ne hanno parlato i vescovi svizzeri nel corso della loro assemblea plenaria che si è svolta il 4-6 dicembre a Engelberg e nel corso della quale hanno deciso di prendere posizione insieme, con un comunicato diffuso oggi. I vescovi svizzeri “considerano molto importante che sia ancora possibile un dibattito pubblico, in cui le diverse opinioni – anche quelle delle minoranze – abbiano il loro posto”. Il timore è che, se l’iniziativa passa, si corra il rischio che “la formazione dell’opinione pubblica dipenda ancora di più da imprese dei media estere o finanziariamente potenti”; ne conseguirebbe un indebolimento “dell’identità svizzera, specialmente nella Svizzera francofona e italiana”. A Engelberg i vescovi hanno anche deciso di aggiungere altri 300mila franchi (oltre i 500mila iniziali) al fondo destinato all’indennizzo di vittime di abusi sessuali commessi nel contesto ecclesiale e ormai prescritti. Il fondo si sta esaurendo ma in base ai dati della Commissione di esperti, dopo la cerimonia di pentimento del 5 dicembre 2016, “molte vittime si sono palesate” per fatti che risalgono al passato.

Testamento biologico: card. Betori (Firenze), “serve maggiore riflessione”

Thu, 2017-12-07 18:56

“Devo osservare che alcune parole dette dal Santo Padre anche recentemente sui temi connessi al fine vita vengono utilizzate, anche nel mondo ecclesiastico, come argomenti a favore dell’approvazione del disegno di legge sul cosiddetto testamento biologico, attualmente in discussione al Senato della Repubblica, dopo essere stato approvato dalla Camera dei deputati”. Lo ha affermato questo pomeriggio il card. Giuseppe Betori, arcivescovo di Firenze e presidente della Conferenza episcopale toscana, interpellato dai giornalisti sull’argomento a margine della benedizione di un presepe nella basilica di Santo Spirito. La dichiarazione è disponibile anche in un video, sul sito www.toscanaoggi.it.


“In realtà – ha proseguito Betori – il pronunciamento di Papa Francesco non si riferiva al contesto legislativo italiano e, sia nel contenuto sia nella formulazione, non ha fatto altro che ripetere quello che è il costante insegnamento della Chiesa al riguardo, formulata fin dai tempi del Papa Pio XII. Una dottrina stabile che ribadisce il no deciso all’eutanasia, sia attiva sia passiva, e parimenti il rifiuto dell’accanimento terapeutico, come pure peraltro dell’abbandono terapeutico. Su questo fronte va promossa ogni forma di assistenza e di sostegno al malato e alla sua famiglia, anche incoraggiando le cure palliative che possono accompagnare”.
L’arcivescovo di Firenze ha parlato anche delle “comprensibili e nelle loro istanze di fondo condivisibili richieste che in questi giorni ha avanzato anche Michele Gesualdi”.  Istanze, ha aggiunto, che “non sono personalmente convinto trovino riscontro adeguato in questo disegno di legge. Ho avuto modo di dirlo personalmente allo stesso Michele Gesualdi, in un colloquio telefonico che ho avuto con lui, in cui gli ho manifestato la mia vicinanza sia alla sua situazione sia alle sue istanze che sono, ripeto, condivisibili”.”La legge in discussione però – si è chiesto Betori – risponde a queste istanze? Qualche dubbio ce l’ho”. Si tratta, secondo l’arcivescovo di Firenze, di un disegno di legge “che in alcuni punti appare assai problematico”. In particolare, ha proseguito, “appare dubbio che l’impianto legislativo possa garantire il rispetto delle volontà esplicite e inequivocabili della persona, e allo stesso tempo salvaguardare un principio fondamentale quale l’alleanza terapeutica valorizzando anche la valutazione in scienza e coscienza del medico, secondo un principio base della professione medica. Ugualmente non sembra garantita la libertà di obiezione di coscienza degli operatori e delle strutture sanitarie”. “Se si ritiene che sia necessaria una legge a regolamentare tale materia”, conclude il porporato, “in ogni caso si chiederebbe maggiore riflessione e circospezione, anche per evitare di aprire varchi per cui potrebbero essere introdotti nella nostra società eutanasia e suicidio assistito, magari con qualche sentenza di cosiddetta giurisprudenza creativa”.

Diocesi: Milano, domani mons. Delpini presiede in duomo pontificale per Immacolata. Il canto finale sarà eseguito da carcerati e migranti

Thu, 2017-12-07 18:37

Domani, venerdì 8 dicembre, alle 11, l’arcivescovo di Milano, mons. Mario Delpini presiederà in duomo il pontificale nella solennità dell’Immacolata Concezione, con diretta su Chiesa Tv (canale 195), Radio Mater e www.chiesadimilano.it. La celebrazione potrà contare sulla consueta animazione curata dalla cappella musicale del duomo diretta da don Claudio Burgio. Il canto finale “Natività”, invece, sarà eseguito da un coro costituito da persone comuni, detenuti e immigrati, che canteranno insieme con l’accompagnamento di 14 musicisti tra violinisti, violoncellisti e clarinettisti. “L’iniziativa – spiega una nota della diocesi – nasce dal progetto ambizioso di realizzare anche a Milano una ‘Missione Possibile’, dal titolo della trasmissione di Tv2000 condotta da Max Laudadio e dedicata alle imprese compiute da missionari in alcuni dei luoghi più poveri del mondo: da un orfanotrofio di Haiti, dove vivono bambini abbandonati, a un ospedale isolato nel Benin (Africa), dove sono ricoverati 450 pazienti, fino all’Arsenale dell’incontro in Giordania, dove tre sorelle del Sermig di Torino accolgono 250 disabili musulmani”. L’idea di cantare in duomo è stata dello stesso Laudadio, che spiega: “Il nostro obiettivo era quello di portare a confronto con la realtà carceraria, senza pregiudizi, persone che non l’avevano mai incontrata, regalare un’esperienza di riscatto ai detenuti e fare un dono alla città di Milano”. I detenuti coinvolti sono 21 e provengono dal carcere di Opera. Sono tutti ergastolani che hanno a disposizione un permesso per uscire. “Preparando questa iniziativa ho potuto sperimentare emozioni molto forti – aggiunge Laudadio -. I carcerati partecipanti sono stati dichiarati colpevoli di reati molto gravi: lavorando con loro si percepisce la sofferenza interiore che patiscono. Certo, non possono rimediare al male che hanno fatto, ma hanno compreso chiaramente il loro errore, dimostrano volontà di cambiamento e vogliono riscattare piano pian ciò che di brutto hanno commesso”. Nel coro ci sono anche 42 fedeli provenienti da Cuasso al Monte, il paese di Laudadio in provincia di Varese, e alcuni immigrati del centro Agrisol.

Polonia: domenica 10 dicembre XVIII Giornata di preghiera e di aiuto alla Chiesa dell’Est

Thu, 2017-12-07 18:33

“Domenica prossima in Polonia si celebrerà la Giornata di preghiera e di aiuto alla Chiesa dell’Est” ha detto papa Francesco al termine dell’udienza del 6 dicembre salutando i pellegrini e affidando “a Dio quest’opera, segno della sollecitudine per il sostegno dei fedeli e dei pastori dei Paesi confinanti”. Il presidente del gruppo dell’episcopato polacco per le Chiese dell’Est monsignor Antoni Pacyfik Dydycz in occasione della XVIII Giornata ha ricordato che i cattolici che “vivono nei Paesi dell’Europa dell’Est, in Russia, e in Asia centrale per molti anni siano stati privati della libertà di professare la propria fede”. Il presule riferendosi all’Avvento ha rimarcato l’opportunità di “preparare la strada per il Signore anche attraverso aiuto ai fratelli e sorelle affinché anche loro sperimentino la comunione ecclesiale”. Il 10 dicembre in tutte le parrocchie polacche verrà organizzata la raccolta di offerte destinate alle Chiese dell’Est ma – come sottolinea don Piotr Kluza del Kazakistan occidentale – “non è sufficiente costruire una chiesa e una casa parrocchiale poiché c’è grande bisogno dei testimoni di vita”. Don Kluza, insieme ai rappresentanti della Chiesa ortodossa,  preparerà per il Natale un incontro-testimonianza del carattere ecumenico del cristianesimo.

Poland: Sunday December 10th, XVIII Day of Prayer and Help for the Eastern Church

Thu, 2017-12-07 18:33

“Next Sunday, Poland will be celebrating the Day of Prayer and Help for the Eastern Church”, said Pope Francis at the end of the audience of December 6th, as he greeted the pilgrims and entrusted “to God this effort, a sign of great interest in helping the faithful and pastors of the neighbouring countries”. For the XVIII Day, the president of the Group for the Eastern Churches of the Polish Bishops Conference, monsignor Antoni Pacyfik Dydycz, pointed out that the Catholics “who live in the Eastern European countries, in Russia and in Central Asia have been deprived of the freedom to profess their faith for many years”. Speaking of Advent, the prelate pointed out that “we should pave the way to the Lord, not least by helping our brothers and sisters, so that they too can experience ecclesial communion”. On December 10th, funds will be raised for the Eastern Churches in all Polish parish churches but – as pointed out by don Piotr Kluza from Western Kazakhstan – “building a church and a parish house is not enough, since life experiences are badly needed”. For Christmas, don Kluza, along with delegates of the Orthodox Church, will organise a meeting with real-life experiences about the ecumenical nature of Christianity.

Testamento biologico: Amci, prevedere obiezione di coscienza medico. Nutrizione e idratazione non sono trattamenti. Stato tuteli vita

Thu, 2017-12-07 18:28

Il Consiglio nazionale dell’Associazione medici cattolici italiani (Amci), riunitosi oggi a Roma, in merito al ddl in discussione al Senato sulle “norme in materia di consenso informato e disposizioni anticipate di trattamento” esprime grave preoccupazione su alcune parti del provvedimento. “Si vuole, nel ddl, a motivo dell’autodeterminazione del paziente, che sia inderogabile il vincolo per il medico alla volontà del malato, da attuare anche per via giudiziaria – spiega un comunicato dell’associazione -. Si chiede, allora, che nella legge sia contemplata in modo esplicito la facoltà di obiezione di coscienza da parte del medico e degli operatori sanitari e inoltre non sia prevista l’obbligatorietà all’attuazione della legge da parte di strutture sanitarie che siano dotate di un codice etico difforme dalle norme applicative del provvedimento”. Grave inoltre “la previsione nel testo di includere l’idratazione e la nutrizione artificiali tra i trattamenti che possono essere rifiutati o sospesi in qualunque momento. A giudizio dell’Amci questi sono sempre dovuti ad ogni persona”. Infine, i Medici cattolici “respingono ogni possibile azione eutanasica, comunque mascherata, al pari di qualsiasi forma di accanimento terapeutico e di abbandono di cura del paziente” e rivolgono “un accorato appello alla classe politica, affinché lo Stato democratico, laico e aconfessionale, nella sua legislazione tuteli e promuova sempre il bene della salute e il rispetto della vita umana”.

Fame: Oxfam, ne soffrono 815 milioni nel mondo, 1 su 4 è un bambino. Al via campagna “Quanto è grande la tua tavola?”

Thu, 2017-12-07 18:20

Nel mondo, 815 milioni di persone, di cui 200 milioni bambini e bambine sotto i 5 anni, non hanno adeguato accesso al cibo. A rivelarlo è il nuovo rapporto di Oxfam Lo scempio della fame, che fa il punto sulle più gravi crisi alimentari in corso nel mondo. Un’emergenza senza precedenti che sta colpendo soprattutto l’Africa orientale, lo Yemen e la Nigeria nord-orientale: solo in Yemen, a causa dell’atroce conflitto in corso, oltre 17 milioni di persone – tra cui circa 400mila bambini – soffrono di malnutrizione. Stessa sorte tocca a metà della popolazione colpita dalla guerra in Sud Sudan e a circa 5 milioni di persone nella Nigeria, infestata dal conflitto con Boko Haram. Oltre alla guerra, i cambiamenti climatici hanno provocato lunghe e durissime siccità in paesi come l’Etiopia – dove interi raccolti sono andati persi e molti allevamenti sono stati decimati – e dove 12,5 milioni di persone stanno rimanendo senza cibo. Oxfam lancia l’allarme: “Serve agire subito. Secondo le Nazioni unite rimanere a guardare potrebbe costare la vita a centinaia di migliaia di bambini”. Di qui la campagna Quanto è grande la tua tavola? . Cliccando sulla pagina del sito dedicata  oppure contattando il numero verde 800.991399 sarà possibile donare. 13 euro bastano per assicurare ad una famiglia la farina necessaria per la preparazione di pane per due mesi, mentre con 55 euro è possibile contribuire all’installazione di un impianto idrico necessario a coltivare un orto, ma si potranno anche acquistare cartoline virtuali, da regalare a persone speciali.

Diocesi: Terni, domani incontro di preghiera davanti all’edicola della Madonna del Popolo

Thu, 2017-12-07 18:18

Domani, venerdì 8 dicembre, in occasione della festa dell’Immacolata Concezione, da oltre 25 anni a Terni in piazza della Repubblica, davanti all’edicola della Madonna del Popolo, si tiene un incontro di preghiera. La Fraternità di Santa Maria del Popolo e il gruppo di preghiera “Regina della Pace” dalle 15.30 animeranno l’incontro con la recita del Rosario meditato ed con testimonianze, canti e musica. Alle ore 17 sarà celebrata la Santa Messa nella chiesa di San Giovannino. “Fin dalla mattina – si legge in una nota – l’edicola rimarrà aperta per la preghiera personale e per l’omaggio di fiori alla Madonna. Un gesto di devozione che usualmente le persone che transitano in piazza rivolgono alla Madonna, soffermandosi in preghiera davanti alla sua immagine. L’edicola di Santa Maria del Popolo in piazza della Repubblica accanto al palazzo della Bct, custodisce la quattrocentesca statua lignea raffigurante la Madonna con il Bambino collocata in una nicchia realizzata in acciaio e alcantara, simbolo delle lavorazioni di due industrie della zona”.
Il vescovo Giuseppe Piemontese presiederà la solenne celebrazione nella parrocchia Santa Maria Assunta a Lugnano in Teverina, alle ore 11, in occasione della visita pastorale. Nella cattedrale di Terni, dopo il triduo di preparazione alla festa con la recita del rosario alle 17 e la Messa alle 17.30 nella cappella dell’Immacolata, domani Messa solenne alle ore 10.30, 12 e 17.30

Assisi: domani l’accensione e la benedizione dell’albero di Natale e del presepe nella piazza inferiore della basilica di San Francesco

Thu, 2017-12-07 18:17

“Si terrà domani 8 dicembre l’accensione e la benedizione dell’albero di Natale e del presepe nella piazza inferiore della basilica di San Francesco d’Assisi dedicati agli operatori pastorali uccisi in odio alla fede e ai sacerdoti che operano in condizioni precarie e di estrema povertà. Per l’occasione verrà installata una natività su 445 bossoli a ricordare il numero di uomini e donne uccisi per motivi religiosi dal 2000 ad oggi (secondo i dati dell’Agenzia Fides)”. Lo ricorda una nota del direttore della Sala Stampa del Sacro Convento di Assisi, padre Enzo Fortunato. L’albero di 15 metri, offerto dalla Regione Liguria che quest’anno ha donato l’olio per l’accensione della lampada di San Francesco, proviene dalle foreste del parco naturale regionale dell’Aveto.
Alle 17 si terrà la Santa Messa nella basilica inferiore di san Francesco presieduta dal prefetto della Congregazione per il Clero, card. Beniamino Stella. Al termine della celebrazione, alle 18.15, si terrà la cerimonia di accensione e benedizione, aperta dal custode del Sacro Convento di Assisi, padre Mauro Gambetti, durante la quale verranno consegnati dei doni alle famiglie più bisognose. Tra i presenti il prete di “periferia”, don Silvano Rughi, e la sorella di padre Paolo Dall’Oglio, Cecilia Dall’Oglio. Parteciperanno anche la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, e l’assessore alla Cultura della Regione Liguria, Ilaria Cavo. Per l’occasione ci sarà anche un coro di 200 alunni delle scuole di Assisi che si esibirà con i tradizionali canti natalizi.

Dire: i titoli e il tg politico

Thu, 2017-12-07 18:13

(DIRE-SIR) – Ecco i titoli e il tg politico della Dire. Anche su www.dire.it e www.agensir.it.

http://89.97.250.172/News/2017/12/07/2017120701874402926.MP4

Istat, boom nuovi occupati e record precari

Nel terzo trimestre aumenta ancora l’occupazione: + 79mila nuovi posti. Record per gli occupati con contratto a termine che sfiorano i 2,8 milioni. Il premier Paolo Gentiloni commenta con soddisfazione i dati Istat: “Siamo in un momento per la nostra economia molto importante. Abbiamo accumulato negli ultimi nove mesi ulteriori nuovi 300 mila posti di lavoro”. Detto questo, però, il presidente del Consiglio ammette che “la qualità di questi posti di lavoro è sempre esposta al rischio della precarietà”.

Gerusalemme, leader cristiani: mantenere status quo

“Gli Stati Uniti continuino a riconoscere l’attuale status internazionale di Gerusalemme. Qualsiasi cambiamento improvviso potrebbe causare danni irreparabili”. È il monito, riportato dal Sir, che i 13 leader cristiani di Gerusalemme, tra loro Pierbattista Pizzaballa, amministratore apostolico del Patriarcato latino, e padre Francesco Patton, custode di Terra Santa, rivolgono al presidente Usa, Donald Trump, che ieri sera ha annunciato il riconoscimento di Gerusalemme quale capitale di Israele e lo spostamento dell’ambasciata americana da Tel Aviv alla Città santa.

Banche, in audizione Ghizzoni ed ex ministri Economia

La commissione di inchiesta sulle banche sarà impegnata in un vero tour de force: entro il 22 dicembre verranno auditi anche gli ex ministri dell’Economia, da Tremonti a Monti, l’ex amministratore delegato di Unicredit, Federico Ghizzoni, e i manager delle banche Venete già rinviati a giudizio dalla magistratura. Si comincia la prossima settimana con le audizioni del presidente della Consob, Giuseppe Vegas; del governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, mentre il ministro Pier Carlo Padoan sarà ascoltato il 18 dicembre.

Pizza, la preparazione è patrimonio Unesco

La pizza e la sua preparazione diventano Patrimonio Immateriale dell’Umanità per l’Unesco. Il riconoscimento sarà ratificato ufficialmente sabato. L’Italia lo attendeva dal 2014, quando l’allora ministro per le politiche agricole Pecoraro Scanio promosse una petizione. Una vittoria “dell’identità italiana sempre piu’ tutelata”, commenta il ministro per le politiche agricole Martina. Un successo “del made in Italy” per il ministro dell’ambiente Galletti. “La vittoria del fare” secondo la Confesercenti Napoli. Sotto al Vesuvio festa in strada e pizze gratis per cittadini e turisti.

Diocesi: Perugia, il card. Bassetti celebra Messa per l’Immacolata al santuario mariano delle Grondici. Domani anche “StraNatale 2017”

Thu, 2017-12-07 18:03

Nell’arcidiocesi di Perugia-Città della Pieve sono diverse le iniziative di carattere spirituale e socio-culturali promosse per la solennità dell’Immacolata Concezione a livello parrocchiale e diocesano. Il cardinale arcivescovo Gualtiero Bassetti presiederà la celebrazione eucaristica dell’Immacolata nel santuario mariano diocesano delle Grondici a Tavernelle di Piegaro e domenica 10 dicembre (ore 17) benedirà il tradizionale presepe allestito nelle Logge di Braccio della cattedrale di San Lorenzo in piazza IV Novembre di Perugia.
Sempre più animata e partecipata è l’iniziativa della “StraNatale 2017”, giunta alla sua settima edizione, promossa dalla parrocchia San Giovanni Apostolo di Ponte d’Oddi-Montegrillo, nell’immediata periferia nord-ovest del capoluogo umbro, che coinvolge diverse realtà anche laiche del territorio con bancarelle di artigianato, stand, enogastronomia, giochi, iniziative culturali e l’atteso “Arrivo di San Nicola” da parte dei più piccoli. Organizzata dall’Oratorio Anspi “L’Astrolabio”, la “StraNatale 2017”, che si terrà l’8 dicembre a partire dalle ore 11 fino a sera, ha come location la piazza adiacente alla chiesa di San Giovanni Apostolo dove saranno allestiti gli stand (aperti dalle ore 16.30) e i locali parrocchiali. “StraNatale 2017” è anche cultura – tengono a precisare gli organizzatori -, soprattutto attenzione-vicinanza concreta agli “ultimi” e ai sofferenti non solo nel corpo ma nello spirito. Quest’anno verrà proposto un incontro-dibattito sul mondo carcerario, una realtà che sta molto a cuore al card. Bassetti, che visiterà il 23 dicembre, recandosi presso la casa circondariale di Capanne (Pg) dove celebrerà la messa con i detenuti.
Tra le iniziative di carattere culturale quella dell’inaugurazione (ore 12) della mostra “Selfie quindi sono”; un progetto ideato e realizzato da Pepita onlus Perugia, che rientra tra le tante territoriali in tema di prevenzione e informazione sul cyberbullismo e riflettere sull’uso consapevole dei social.

Menù ad Accesso Rapido

Accesso rapido

La Parola
Ragazzi
Scie di Luce
Servizi La Stanza
Media
Cattolici  Protestanti  Ortodossi  Ecumenismo  Vita Quotidiana
  • ° Vita Pubblica
  • ° Lui & Lei
  • ° Matrimonio
  • ° Figli
  • ° Ricette
  • ° Viaggi


 Notizie