Agensir.it

Syndicate content
Servizio Informazione Religiosa
Updated: 19 min 5 sec ago

Agroalimentare: Coldiretti, a Milano a fine settembre il villaggio #StoCoiContadini

Wed, 2017-09-13 18:46

Verrà inaugurato il 29 settembre a Milano il Villaggio degli agricoltori di Coldiretti, da Piazza del Cannone al Castello Sforzesco, dove rimarrà per tutto il week end. Tutti potranno vivere l’esperienza da gourmet con il miglior cibo italiano a soli 5 euro per tutti i menu preparati dagli agrichef con i sapori antichi della tradizione. Spazio anche alla solidarietà per salvare le specialità delle aree terremotate che saranno offerte dagli agricoltori colpiti dal sisma.#Stocoicontadini è anche una occasione unica per conoscere il primato della biodiversità della fattoria italiana, dalla capra girgentana dalle lunghe corna a forma di cavatappo all’asino romagnolo sopravvissuto all’estinzione nell’ultima guerra, dal maiale di Cinta senese dalla curiosa fascia bianca sul manto scuro alla pecora bergamasca, dalla capra camosciata delle Alpi alla mucca Varzese. Ma ci sono anche i primati green del Made in Italy con i superfood della tradizione nostrana, oltre a fattorie didattiche dove i bambini possono imparare a mungere gli animali e a pigiare l’uva, lezioni nell’area orti e giardini con il tutor. Spazio all’economia domestica e all’agricosmetica con i frutti della terra ed un villaggio delle idee con i giovani dell’Università di Pollenzo che animeranno l’intera area per tutti i tre giorni in cui sono previste le presenze di esponenti istituzionali, rappresentanti della società civile, studiosi, sportivi e artisti.

Diocesi: Vicenza, il 15 e il 16 settembre il convegno catechistico “Annunciare ed educare. Chiesa e famiglie: facciamo strada insieme?”

Wed, 2017-09-13 18:32

Si terrà venerdì 15 e sabato 16 settembre in Seminario vescovile a Vicenza il 41° convegno dei catechisti e delle catechiste della diocesi di Vicenza. “Annunciare ed educare. Chiesa e famiglie: facciamo strada insieme?” è il tema individuato dall’Ufficio per l’evangelizzazione e la catechesi in collaborazione con l’Ufficio diocesano per il matrimonio e la famiglia. “La trasmissione della fede – ha spiegato don Giovanni Casarotto, direttore dell’Ufficio catechistico diocesano – non può essere semplicemente delegata alla parrocchia, ma la parrocchia, d’altro canto, deve tener conto delle famiglie e delle diverse situazioni che queste si trovano a vivere: urge una nuova alleanza tra questi due soggetti chiamati maggiormente a venirsi reciprocamente incontro per educare nella fede le nuove generazioni”.
Ospite d’eccezione della due giorni in Seminario sarà mons. Paolo Sartor, direttore dell’Ufficio catechistico nazionale, che introdurrà i lavori venerdì 15 settembre, alle 15, con una conversazione sul tema “La gioia del Vangelo: l’annuncio, la catechesi e le famiglie con Papa Francesco”. Alla sera alle 20.30 mons. Sartor dialogherà con il teologo vicentino don Dario Vivian su “Famiglie e comunità: come cambia la catechesi”. La mattinata di sabato 16 settembre vedrà i catechisti e le catechiste della diocesi impegnati in laboratori di gruppo guidati dalla teologa Assunta Steccanella. Alle 12.15 la preghiera e il mandato del vescovo Beniamino Pizziol a tutti i catechisti e per finire, nel pomeriggio, un approfondimento sulla “mistagogia” e la professione pubblica di fede.

Dire: i titoli e il tg politico

Wed, 2017-09-13 18:28

(DIRE-SIR) – Ecco titoli e il tg politico realizzato dall’agenzia DIRE (anche su www.dire.it e www.agensir.it).

http://89.97.250.172/News/2017/09/13/2017091301864202705.MP4

Juncker rilancia l’Unione e ringrazia l’Italia L’economia riprende in ogni Paese e si estende. Sono stati creati

8 milioni di nuovi posti di lavoro e 230 milioni di europei lavorano, più di quanti fossero prima della crisi. Lo ha detto il presidente della Commissione europea Jean Claude Juncker nel discorso sullo stato dell’Unione al Parlamento europeo a Strasburgo. Sulla questione migranti Juncker ha ringraziato l’Italia: nel Mediterraneo centrale ha salvato l’onore dell’Europa. Il premier Paolo Gentiloni ringrazia per l’alto profilo europeista del suo discorso.

Mattarella: tutti i Paesi dell’Unione accolgano migranti

“Dobbiamo assicurare canali legali di ingresso e governare ordinatamente il fenomeno migratorio. Ma non possiamo consegnare ai trafficanti le chiavi d’ingresso all’Unione europea”. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, in visita di Stato a Malta, ricorda che a differenza di Malta non tutti i Paesi dell’Unione hanno accolto la propria quota di migranti. È importante, ha aggiunto, che su questo la solidarietà nell’Unione cresca.

Confcommercio: ridurre le tasse per aiutare la ripresa

La ripresa c’è ma resta lenta e parziale. Le distanze tra nord e sud si sono acuite, con il Pil procapite della Calabria che ora è meno della metà di quello del Trentino. Il presidente di Confcommercio Carlo Sangalli chiede la riduzione in tempi brevi delle tasse, per dare slancio alla ripresa economica, in particolare nel Mezzogiorno dove i livelli occupazionali sono ai livelli degli anni 90. L’associazione dei commercianti suggerisce due misure: la riduzione del cuneo fiscale oppure il taglio dell’Irpef.

Migranti, in un video i sogni dei bambini rifugiati

Quando la guerra, la povertà e i disastri si accaniscono sui più piccoli. Il dramma dei bimbi rifugiati nelle immagini del regista John Rankin Waddell per l’Unicef. Il video, accompagnato dalla canzone dei Bastille, Four Walls, ritrae bambini rifugiati e migranti mentre guardano dei filmati di bambini in pericolo in tutto il mondo. Un modo, riferisce l’agenzia Sir, per sfidare gli stereotipi e i pregiudizi. Questi bambini hanno le stesse speranze, paure e sogni di ogni altro.

Comunicazione digitale: Università europea, un corso su fake news, post verità e hate speech

Wed, 2017-09-13 18:17

Fake news, post verità e hate speech; sarà dedicato a questi temi  il nuovo corso dell’Università europea di Roma affidato al docente Marco Camisani Calzolari, noto al grande pubblico per la sua rubrica Pronto Soccorso Digitale in onda ogni sabato mattina su Rai 1, e del suo Spazio Tecnologia il giovedì mattina su Rtl 102.5. “Lo sviluppo di Internet ha mutato radicalmente il modo di diffondere informazioni e notizie nel mondo” ed oggi, “con l’accesso al web, chiunque ha la possibilità influenzare l’opinione pubblica e creare correnti di pensiero”, si legge in un comunicato. Una rivoluzione mediatica per la quale “le piazze virtuali hanno preso il posto di quelle reali, creando universi paralleli in cui la gente vive e si confronta, non sempre pacificamente”. Oltre a grandi opportunità, tutto questo comporta anche rischi: dalla possibilità di diffondere notizie false alla crescita di fenomeni pericolosi come l’hate speech (linguaggio dell’odio) e il cyberbullismo, soprattutto tra i giovani più fragili e indifesi. Di qui il corso con l’obiettivo di “preparare gli studenti ad operare nel campo della comunicazione on line, dei social media e del web marketing, facendo acquisire competenze di base e strumenti necessari per interagire con realtà pubbliche, private o legate alla propria professione”. Tra gli argomenti trattati: capacità di analisi e distribuzione di notizie sul web, errori giornalistici, bufale, teorie complottiste, contenuti satirici decontestualizzati e utilizzati come fonti giornalistiche, diffusione di notizie non verificate, propaganda politica, informazioni false lanciate per generare profitti, cyberbullismo, cyberstalking, diffamazione, interferenze illecite nella vita privata, adescamento di minori a fini sessuali. Le lezioni si terranno nel secondo semestre dell’anno accademico 2017/18.

 

Diocesi: Cremona, domenica apertura straordinaria al pubblico del complesso monastico di san Sigismondo

Wed, 2017-09-13 18:01

Domenica 17 settembre il complesso monastico di S. Sigismondo, a Cremona, aprirà la proprie porte a fedeli e turisti permettendo l’accesso alla zona presbiterale della chiesa, al chiostro e al refettorio, solitamente sotto clausura. L’occasione è l’anniversario della dedicazione della chiesa, avvenuta il 15 settembre 1600. Una occasione straordinaria che si ripete ogni anno, così come anche il 1° maggio nella memoria liturgica di san Sigismondo. L’apertura sarà dalle 9 alle 10.30 e dalle 14 alle 17.30. Alle 11 in chiesa la Messa conventuale solenne presieduta dal cappellano del monastero, don Gianpaolo Maccagni. Alle 18 il canto del Vespro. L’Associazione “Amici del Monastero di S. Sigismondo” metterà a disposizione due guide per accompagnare i turisti nella visita alla chiesa e al complesso monastico. La novità di quest’anno sarà la lavanda coltivata dalle monache e artisticamente confezionata dalle volontarie. I visitatori insieme a un piccolo omaggio, riceveranno come ricordo “spirituale” una breve biografia di Madre Teresa Ortega, monaca domenicana spagnola morta in concetto di santità. In occasione dell’apertura del 17 settembre sarà possibile ammirare anche l’ultima opera realizzata per la chiesa di S. Sigismondo: il rifacimento della pavimentazione del sagrato, lavoro reso necessario per eliminare lo stato di pericolosità venutosi a creare negli anni.

Scuola: suor Alfieri (Fidae Lombardia), “sistema resta classista, regionalista e discriminatorio”

Wed, 2017-09-13 17:56

“Il nuovo anno scolastico si trascina i problemi più vecchi di un sistema scolastico che resta classista, regionalista e discriminatorio”. È quanto sostiene suor Anna Monia Alfieri, presidente di Fidae Lombardia, in occasione dell’inizio dell’anno scolastico. Per suor Alfieri, è “difficile confermare la teoria che il nostro sistema scolastico sia il primo in Europa capace di includere i bambini e i ragazzi diversamente abili quando si legge che solo nella città di Milano mancano 1.500 docenti di sostegno”. “Ancor più imbarazzante spiegare ai nostri studenti e alle loro famiglie che l’immissione in ruolo di 50mila docenti ha provocato un’emorragia di personale qualificato alla scuola paritaria, che la ministra Fedeli – ligia alla Costituzione e al buon senso – dichiara essere anch’essa, proprio come la scuola statale, una scuola pubblica che garantisce il pluralismo educativo”. Nella scuola statale, osserva, “mancano, 10mila docenti poiché, dei 50mila chiamati, questi hanno preso il ruolo al 1° settembre dichiarando o meno che il giorno 2 sarebbero rientrati a casa per congedo e varie”. “Quindi alle casse dello Stato, ergo dei cittadini, questa operazione costerà tre volte: lo stipendio del docente assente, del supplente e del supplente, sempre in agguato”. “Bizzaro – continua suor Alfieri – pensare di poter parlare di diritto di apprendere, di inclusione, di nuove metodologie in una scuola da anni ammortizzatore sociale”. Per la presidente di Fidae Lombardia, “certamente non si può parlare né di studente al centro, né tanto meno di buona scuola”. “La meraviglia – nota – è che i genitori non si rivoltino… come finalmente stanno per fare quelli di una classe 4^ primaria di Milano, situata in un popoloso quartiere periferico di Milano, la cui maestra di matematica manda da più di un anno, dalla sua residenza in Sicilia, un certificato medico ogni 3 giorni”. “Forti che la soluzione di diritto e di fatto c’è senza oneri per lo Stato – conclude – si rivendica lo studente al centro, la garanzia del diritto di apprendere senza discriminazioni economiche, il diritto dei docenti ad insegnare senza lo sfinimento di un’infornata che punta al ribasso”.

Famiglie: Bosisio Parini, l’8 ottobre il Meeting dedicato alle situazioni di fragilità

Wed, 2017-09-13 17:46

Sarà “Accompagnare, discernere e integrare la fragilità: una riflessione sull’esperienza familiare a partire dall’Amoris Laetitia” il tema dell’8° Meeting delle famiglie in programma per domenica 8 ottobre presso “La Nostra Famiglia” a Bosisio Parini (Lc). L’iniziativa offrirà “uno spazio e un tempo – si legge in una nota – riservato per riflettere sulla nostra capacità di vivere in positivo il limite nell’esperienza familiare e per confrontarsi, alla luce della Parola e dello scambio tra gli sposi, sul nostro stile di accompagnare, discernere e integrare le fragilità”. Perché – spiegano i promotori – “la vita di famiglia è segnata dalla fragilità”. “Riconoscere che questa condizione attraversa il quotidiano, e non è riservata solo ad alcuni, è la sfida che il santo Padre ha voluto risvegliare attraverso l’Amoris Laetitia”, proseguono, rilevando che “solo riconoscendo il limite e la povertà di ciascuno si fa spazio all’altro, in modo che il tu dell’altro apra il nostro io e lo arricchisca con la sua presenza. La finitezza è il lato buono della fragilità, perché ci fa invocare la grazia di Dio che ci trasforma”. Interverranno Ileana e Luca Carando, responsabile della commissione regionale per la Pastorale della famiglia di Piemonte e Valle d’Aosta, la biblista Rosanna Virgili, il sacerdote padovano don Giampaolo Dianin, docente di morale familiare e di pastorale della famiglia. Coordinerà i lavori mons. Franco Giulio Brambilla, vescovo di Novara e animatore di “Una Famiglia di famiglie nella spiritualità del beato Luigi Monza”. L’animazione per bambini e ragazzi sarà curata del “Gomitolo del FiloRosso”.

Sinodo giovani: p. Salobir (Optic), “a marzo 2018 un hackathon in Vaticano”

Wed, 2017-09-13 17:43

Un hackathon in Vaticano. Ad annunciarlo oggi è stato il padre domenicano Eric Salobir, durante il suo intervento al Seminario internazionale sulla situazione giovanile in preparazione alla XV Assemblea generale ordinaria prevista nell’ottobre del 2018 sul tema “I giovani, la fede e il discernimento vocazionale”. L’hackathon, evento cui partecipano esperti di diversi settori dell’informatica, da sviluppatori di software a programmatori e grafici, è promosso dal think tank “Optic”, (Order of Preachers for Technology, Information and Communication), di cui lo stesso religioso è fondatore, in collaborazione con diversi Dicasteri vaticani. Parlando sul tema “I giovani e gli scenari futuri dello sviluppo tecnologico”, padre Salobir ha definito l’evento un “concorso di progetti innovativi che metterebbe i circa cento giovani studenti partecipanti in condizione di innovare per conto della Chiesa”. L’hackathon dovrebbe avere luogo il prossimo marzo a Roma. “Affinché il tema della tecnologia venga portata all’attenzione di tutti così come la creatività dei giovani” il religioso ha lanciato la proposta di “presentare i migliori progetti del concorso ai Padri sinodali. Sarebbe – ha detto il domenicano – un bel modo di organizzare, come chiesto dal Santo Padre, un sinodo dei giovani, dai giovani e per i giovani”.

Ambiente: Bartolomeo I (patriarca ecumenico), “salvaguardarlo significa tutelare la vita”

Wed, 2017-09-13 17:30

“Salvaguardare l’ambiente significa salvaguardare la vita”. Lo ha detto oggi pomeriggio a Bologna il patriarca ecumenico di Costantinopoli, Bartolomeo I, nel corso della lectio magistralis tenuta all’Assemblea legislativa della Regione Emilia Romagna dove gli è stata conferita anche la cittadinanza regionale onoraria. “Come dice anche il nostro fratello Papa Francesco nell’enciclica Laudato si’ – ha proseguito – il preservare la natura e il servizio del prossimo sono inseparabili”. “Vi è un profondo legame tra la giustizia ambientale e la giustizia sociale”, ha osservato il patriarca ecumenico, rilevando che “l’abominio dell’egoismo umano nei confronti della creazione ha portato alle più grandi crisi umanitarie, dove i poveri sono diventati più poveri a scapito di una piccola élite mondiale”. Sottolineando come “resta immutata la forza e l’importanza della nostra Chiesa, anche di fronte alle sfide del mondo attuale, dove è sempre più necessario spegnere i fondamentalismi di qualsiasi tipo per favorire il dialogo franco tra religioni, culture, ideologie e sistemi economici”, Bartolomeo I ha affermato che “il mondo della fede può essere veramente un potente alleato negli sforzi per affrontare tutte le crisi che attanagliano le nostre società: la giustizia ambientale e sociale, il combattere fondamentalismo e razzismo, la capacità di accoglienza cosciente e sostenibile, la salvaguardia della cultura e delle tradizioni, il valore della biodiversità e della salvaguardia biologica”. Rivolgendosi “a voi, che tessète le regole del convivere sociale”, Bartolomeo I ha augurato “un successo non solamente economico, ma di coscienza umana e di capacità di incontro con un mondo, che deve diventare migliore, sapendo percepire in esso il soffio della vita che viene dall’alto”.

Francescani: Chieti, dal 15 al 17 settembre il “Festival del Creato – un mondo di relazioni”

Wed, 2017-09-13 14:24

Sarà la Villa comunale di Chieti ad ospitare da venerdì 15 a domenica 17 settembre la seconda edizione del “Festival del Creato – un mondo di relazioni”. Il Festival è nato un anno fa per iniziativa dell’Ordine francescano secolare d’Abruzzo e dei Frati minori conventuali di Abruzzo e Molise, coadiuvati dalla Consulta dei laici di Chieti e supportati dall’arcidiocesi di Chieti-Vasto. La manifestazione francescana fa parte del circuito Off del più longevo “Festival francescano” di Bologna e nel 2016 ha affrontato un tema delicato e attuale, ragionando sull’ecologia integrale promossa dall’Enciclica “Laudato si’” di Papa Francesco. Il tema al centro della seconda edizione sarà invece quello delle “relazioni”. “L’essere comunità è realtà creazionale”, si legge nel manifesto scientifico, “e infatti l’intento del Festival è proprio quello di far comprendere, attraverso la chiave gioiosa e divertente di una festa, che la comunità cristiana può diventare un laboratorio in cui si sperimenta che l’amore gratuito e reciproco è la novità, è il ‘nuovo parlare’ che dobbiamo apprendere necessariamente”. In programma tre giorni di workshop, conferenze, laboratori per gli studenti, spettacoli teatrali e musical, concerti, spiritualità, attività di piazza e testimonianze sul tema della relazione tra persone e tra queste ultime e la fede, Dio, la natura, per intrecciare un dialogo aperto con tutti, in un percorso che include credenti e non credenti. Tra i relatori che interverranno anche mons. Bruno Forte, arcivescovo di Chieti-Vasto, mons. Emidio Cipollone, arcivescovo di Lanciano-Ortona, Vincenzo Vitiello, docente di teologia politica all’Università San Raffaele di Milano, Francesco Ciglia, docente di filosofia morale all’Università di Chieti-Pescara, Maria Cristina Bordin, regista Rai, Adriano Sella, missionario del creato e dei nuovi stili di vita, e Nando Bonini, il chitarrista che dal 1993 collabora con Vasco Rossi e che è entrato a far parte dell’Ordine francescano secolare.

Il Cortile di Francesco: padre Gambetti (Sacro Convento Assisi), “in cammino per nuove prospettive”

Wed, 2017-09-13 14:05

“Popoli, fedi, culture, esperienze e competenze riunite insieme ad Assisi per camminare – non semplicemente pensare – e generare nuove prospettive, che promuovano sensibilità e approcci capaci di guardare la realtà con distensione, serenità e fiducia”. Lo afferma il custode del Sacro Convento di Assisi, padre Mauro Gambetti, nel suo indirizzo di saluto ai partecipanti al Cortile di Francesco – filosofi, politici, religiosi, giornalisti, manager, artisti – che si confronteranno da domani a domenica prossima sul tema “Cammino”, nell’ambito del Cortile di Francesco. “L”itinerare’, come tratto proprio dell”humanun’, oltre ad accomunare tutti gli uomini, costituisce nello stesso tempo – aggiunge il custode – una provocazione alla ricerca della verità, che può unire in un incontro a un tempo inclusivo e rispettoso delle differenze. Coltiviamo la speranza di avanzare insieme con i fratelli verso una pienezza di verità e amore!”.
In questo cammino – sottolinea padre Gambetti – “Francesco d’Assisi si fa nostro compagno di viaggio. La sua testimonianza coinvolge e affascina per la chiarità della meta che lo sostiene nel cammino, la prossimità e l’inclusività, l’autenticità che lo caratterizza, la libertà, per l’amore più grande di ogni altro amore che lo attrae e lo muove: il Vangelo, la persona di Gesù Cristo, riconosciuto quale via, verità e vita”.
Al Cortile di Francesco dal 14 al 17 settembre si terranno incontri, conferenze e workshop. Info: www.cortiledifrancesco.it

Corruzione: Alberti (filosofo), “la sfida è cambiare mentalità”. Al via iniziative nelle diocesi

Wed, 2017-09-13 13:58

“Oggi è fondamentale attivare modelli di comportamento contro la corruzione: in politica, nelle professioni e in qualunque ambito deve emergere una condotta seria, non solo dal punto di vista morale ma intellettuale”: lo dice in una intervista al Sir il filosofo Vittorio V. Alberti che ha scritto con il card. Peter Turkson – e la prefazione di Papa Francesco – il libro “Corrosione” (Rizzoli). La lotta alla corruzione è una delle grandi sfide del pontificato di Papa Francesco. Nel mese di giugno si è svolto in Vaticano un Dibattito internazionale sulla corruzione organizzato dal Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, a cui è seguito un documento finale della “Consulta internazionale sulla giustizia, la corruzione e il crimine organizzato, le mafie” pubblicato ad inizio agosto, con linee guida per passare a gesti concreti. Tra queste, la possibilità di una scomunica ai mafiosi e ai corrotti. Nelle Chiese locali già se ne inizia a discutere: il primo incontro sarà il 16 settembre nell’arcidiocesi di Monreale (Pa). “Nel momento in cui ci sono episodi che logorano la vita civile, individuale e collettiva, si interviene con la politica, con le leggi, con la repressione. Ma il problema gravissimo e difficile da risolvere è quello della mentalità e della cultura”, osserva Alberti. Perché “il corrotto o il corruttore sono persone che generalmente si credono più svegli degli altri, ossia assumono quella specie di superbia o spocchia per cui, se si è all’interno di questo circuito mentale, ci si sente più intelligenti e più in contatto con la vita reale. Dietro c’è una visione dell’essere umano pessimistica: il mondo non cambia, l’umanità è pessima, per sopravvivere devi essere così. Non c’è speranza. È una condizione radicalmente anti-cristiana”.  Intanto “si dovrà ragionare in modo molto serio sul tema della scomunica ai corrotti – afferma Alberti -, perché non è una questione semplice”. Le vittime di tratta presenti all’incontro in Vaticano hanno già cominciato a proporre iniziative a livello di base: nelle periferie, nelle scuole, negli ospedali. Papa Francesco ha chiesto che le intenzioni di preghiera del febbraio 2018 siano dedicate alla corruzione. Anche con l’associazione Libera saranno realizzate forse iniziative nelle scuole.

Rome Half Marathon Via Pacis: Raggi, “un messaggio al mondo di pace e di dialogo tra culture e popoli”

Wed, 2017-09-13 13:53

No a violenza, guerre in nome della religione, razzismo, bullismo, discriminazioni. Sì a costruire ponti di dialogo, amicizia, pace, all’insegna dell’inclusione, della condivisione e della solidarietà. È il messaggio che il mondo della corsa lancerà domenica 17 settembre con la Rome Half Marathon Via Pacis, mezza maratona competitiva di 21,097 km. Un percorso unico, che snodandosi su lunghi tratti di lungotevere e attraversando il centro della città, unisce i più importanti luoghi di culto religioso – basilica di San Pietro, moschea, sinagoga, chiesa valdese e chiesa ortodossa – con le bellezze architettoniche e archeologiche più ammirate al mondo per tagliare il traguardo di nuovo in piazza San Pietro e depositare in alcune colonne trasparenti, che simboleggiano le colonne della pace, il proprio messaggio ispirato all’hashtag dell’iniziativa #IoCorroPerché. Accanto alla mezza maratona, una 5 km non competitiva per consentire anche ai “non sportivi” di partecipare: famiglie, bambini, anziani, persona con disabilità. Partenza da piazza San Pietro alle 9 per la 21 km; alle 9.20 per la 5 km. L’iniziativa, promossa da Roma Capitale e dal Pontificio Consiglio della cultura in collaborazione con la Fidal (Federazione italiana di atletica leggera) e con il patrocinio del Coni e del Cip (Comitato italiano parilimpico) e il sostegno della Roma e della Lazio, è stata presentata oggi a Roma presso la sede della Rai (Rai Sport la trasmetterà per un’ora in differita dalle 14.15 alle 15.1). “Un evento che abbiamo fortemente voluto – spiega la sindaca Virginia Raggi –  perché il Vaticano e la Fidal, nostri partner, hanno ragionato insieme a noi sull’importanza di un evento sportivo che unisse le persone e i popoli. Nello sport qualunque differenza, in questo caso religiosa, si annulla”. “Soprattutto in questo momento storico – conclude citando l’hashtag – #IoCorroPerché da Roma parte un messaggio al mondo di pace e di dialogo tra culture e popoli”.

C9: Burke, “il card. Maradiaga ha guidato una riflessione sui testi del Papa relativi alla riforma della Curia”

Wed, 2017-09-13 13:50

Durante il C9 che si è concluso oggi, “c’è stata anche una riflessione sui testi del Papa relativi alla riforma della Curia, guidata dal Card. Óscar Rodriguez Maradiaga”. Lo ha riferito il direttore della Sala Stampa della Santa Sede, durante il briefing di oggi. “I testi – ha precisato –  sono soprattutto quelli del tradizionale incontro natalizio con la Curia Romana, ma anche dei due Concistori – febbraio e ottobre 2015 – e del cinquantesimo anniversario del Sinodo dei Vescovi”. Il Consiglio di Cardinali si è riunito per tre giorni: lunedì 11, martedì 12 e mercoledì 13 settembre. Erano presenti tutti i membri del Consiglio meno il card. George Pell e il card. Laurent Monsengwo Pasinya. Il Papa si è unito al gruppo solo a partire da martedì mattina, dopo il viaggio  in Colombia, ed è stato assente questa mattina per l’udienza generale. Le sessioni di lavoro si sono svolte al mattino dalle 9 alle 12.30 e nel pomeriggio dalle 16.30 alle 19 e sono state dedicate ad uno studio sullo status delle proposte consegnate dal Consiglio al Papa per la riforma della Curia.  Fra le altre cose – ha riferito Burke – i cardinali hanno riflettuto sul recente Motu Proprio “Magnum Principium” per le ricadute sui compiti della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti. È stato anche ascoltato monsignor Rino Fisichella, presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione, sul lavoro del suo dicastero. Questo pomeriggio interverrà ai lavori del Consiglio il cardinale Fernando Filoni, prefetto di “Propaganda Fide”. I membri del C9 hanno, infine, eseguito una rilettura degli Statuti del Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita, nato il 1° settembre 2016.

Scuola: card. Bassetti, ” solo insieme è possibile educarsi, pur nella diversità di ruoli e competenze, a crescere come persone mature e responsabili”

Wed, 2017-09-13 13:47

Un “messaggio augurale” e di “incoraggiamento” a studenti, docenti, personale della scuola e genitori, per l’inizio dell’anno scolastico: lo rivolge oggi il card. Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Cei, che fin da ora dà appuntamento alla prossima Settimana della scuola, che si terrà dal 5 all’11 marzo 2018. “Papa Francesco – ricorda il porporato nel suo messaggio –, parlando da Barbiana, cioè dalla piccola scuola di un grande prete e maestro, don Lorenzo Milani, ha detto che la cosa essenziale da insegnare e da apprendere ‘è la crescita di una coscienza libera, capace di confrontarsi con la realtà e di orientarsi in essa guidata dall’amore, dalla voglia di compromettersi con gli altri, di farsi carico delle loro fatiche e ferite, di rifuggire da ogni egoismo per servire il bene comune’. Per raggiungere tale obiettivo è certamente necessario applicarsi nella docenza e nello studio delle diverse materie, come anche offrire una buona organizzazione della vita scolastica”. Occorre soprattutto, però, “coinvolgersi con le persone che condividono il medesimo cammino di crescita, perché la ‘disciplina’ della libertà e dell’impegno solidale si apprende principalmente nelle relazioni che animano la comunità scolastica. Dove tutti sono insegnanti e tutti sono allievi, perché solo insieme è possibile educarsi, pur nella diversità dei ruoli e delle competenze, a crescere come persone mature e responsabili. La capacità di accogliere l’altro e di decidere di fare del proprio meglio per il bene comune ha nella scuola una formidabile palestra, soprattutto in questa stagione, che vede crescere in modo più rilevante proprio nelle nostre classi la percentuale di studenti immigrati di prima, seconda e persino terza generazione”.
«Vivete quindi l’esperienza della scuola come quella di una grande comunità – evidenzia il cardinale –, in cui tutti, senza eccezioni, possono e devono dare il proprio contributo di sapienza e di umanità. Il futuro del nostro Paese, il suo sviluppo armonico e la custodia del suo territorio, come la concordia del corpo sociale, si costruiscono a scuola, grazie all’impegno di tutti. Che non manchi, dunque, l’apporto di alcuno alla grande famiglia della scuola e, anzi, tutti siano incoraggiati a condividere le proprie idee ed esperienze, perché l’apprendimento del sapere risulti significativo per l’esistenza”.

Ue: Discorso sullo stato dell’Unione. Gruppi politici divisi su Juncker. “Visione e ambizione”. “Un’Europa lontana dalla realtà”

Wed, 2017-09-13 13:45

(Strasburgo) “L’Europa ha bisogno di coraggio, di proposte, di fatti. Il discorso di Juncker va in questa direzione”. Mandred Weber, tedesco, capogruppo Ppe a Strasburgo, commenta il Discorso sullo stato dell’Unione reso questa mattina in emiciclo dal presidente della Commissione europea. “Vogliamo difendere i nostri valori e il nostro way of life in questo mondo in rapida trasformazione”. Gianni Pittella, italiano, capogruppo dei Socialisti e democratici afferma: “Senza Europa si è più soli e indifesi”. Molti gli appunti al discorso di Juncker, soprattutto sulla riforma dell’asilo e sul versante dei diritti sociali e del lavoro. Syed Kamall, britannico, leader dei Conservatori: “No a una Europa protezionista” che si intravvede, a suo avviso, nelle parole di Juncker. “Su migrazioni, sicurezza e occupazione l’Ue deve solo svolgere un ruolo di appoggio agli Stati”, senza invasioni di campo. Guy Verhofstadt, belga, leader dei Liberali: “Il discorso di Juncker – afferma – mi è piaciuto. È pieno di visione e di ambizione. Ora il quadro è cambiato in Europa con le vittorie di tanti leader pro-Europa, dall’Austria alla Francia”. Il francese Patrick Le Hyaric, della Sinistra unitaria, è molto critico: “Quella di Juncker è un’Europa che non corrisponde alla realtà, ai problemi del lavoro, dell’inquinamento, dei diritti sociali. Le famiglie non arrivano alla fine del mese…”. Nigel Farage, britannico, ritenuto tra i “padri” del referendum sul Brexit: “Il modo in cui l’Ue tratta Polonia e Ungheria sembra quello dei tempi del comunismo. Juncker non ha imparato niente dal Brexit. E Verhofstadt si sbaglia: L’ondata populista non finirà, siamo solo all’inizio”.

Regno Unito: funerali card. Murphy-O’Connor. Mons. Stack, “sacerdote fino al midollo, sicuro della sua chiamata”

Wed, 2017-09-13 13:30

“Pieno di gioia e riconoscenza per gli infermieri e i medici che l’hanno curato durante gli anni della malattia e impaziente di andarsene perché aveva compiuto il suo compito. Probabilmente messaggiava agli angeli di darsi da fare”. Con queste parole l’arcivescovo cattolico di Cardiff, George Stack, ha descritto il cardinale Cormac Murphy-O’Connor, guida della Chiesa cattolica di Inghilterra e Galles dal 2000 al 2009, scomparso lo scorso 1 settembre, a 85 anni, durante l’omelia per il suo funerale celebrato oggi dall’attuale primate cardinale Vincent Nichols. Davanti ai fedeli che riempivano la cattedrale di Westminster, chiesa madre del cattolicesimo inglese, dove il corpo del pastore era esposto da ieri mattina, monsignor Stack, che ha collaborato con Murphy-O’Connor per dieci anni come vescovo ausiliario di Westminster, l’ha descritto come “un sacerdote fino al midollo, consapevole dei suoi limiti ma sicurissimo della sua chiamata”. “Un uomo davvero dotato che avrebbe avuto successo in qualunque carriera, medicina, musica, golf o anche rugby ma che decise, da giovanissimo, di farsi prete come i suoi due fratelli”, ha aggiunto l’arcivescovo Stack, che ha anche ricordato l’avvio, da parte del cardinale, del “Nolan Committee”, la commissione contro gli abusi sui bambini che è “il più robusto meccanismo di questo tipo possibile e un modello per altre istituzioni”.

Papa Francesco: ai leader mondiali, “la guerra è negazione di ogni diritto”

Wed, 2017-09-13 13:30

“La guerra è negazione di ogni diritto. Preghiamo per quelli che hanno la responsabilità di evitare la guerra tra i popoli”. È il tweet di oggi di Papa Francesco, mentre i leader mondiali sono riuniti nel Palazzo di Vetro dell’Onu a New York per l’Assemblea generale delle Nazioni Unite, occasione annuale di un confronto socio-politico sullo sviluppo e il futuro del Pianeta.

UK: card. Murphy-O’Connor’s funeral service. Mgr. Stack, “a priest to the core, confident in his call”

Wed, 2017-09-13 13:30

“Full of joy and gratitude for the nurses and doctors who took care of him during the years of his illness and raring to go, because he had accomplished his mission. He probably texted the angels to hurry up”. It is with these words that the Catholic archbishop of Cardiff, George Stack, described cardinal Cormac Murphy-O’Connor, leader of the Catholic Church of England and Wales from 2000 to 2009, who died on September 1st at the age of 85, during the sermon for the funeral service, officiated today by the current primate, cardinal Vincent Nichols. In front of the devotees who crowded Westminster Cathedral, the mother church of English Catholicity, where the shepherd’s body had been on display since yesterday morning, monsignor Stack, who had worked with Murphy-O’Connor for ten years as auxiliary bishop of Westminster, described him as “a priest to the core, aware of his limits but firmly confident in his call”. “A really talented man who would have been successful in any career, whether medicine, music, golf or even rugby, but who decided, at a very young age, to become a priest like his two brothers”, added archbishop Stack, who also mentioned the cardinal’s establishment of the “Nolan Committee”, the committee in charge of investigating child abuse, which is “the strongest ever mechanism of its kind and an example for other institutions”.

Caritas italiana: seminario e dossier “All’ombra del muro” con focus sulla Terra Santa

Wed, 2017-09-13 13:02

Il Dossier di Caritas italiana “All’ombra del muro”, con dati e testimonianze sulle ormai oltre 60 barriere nel mondo a carattere repressivo-difensivo e con focus specifico proprio sulla questione del muro israelo-palestinese, sarà presentato il 15 settembre a Roma e disponibile sul sito www.caritas.it. Il muro tra Israele e Palestina dal 2002 non ha mai smesso di ampliarsi e condiziona ogni giorno la vita di 4,81 milioni di palestinesi. Il Dossier riporta inoltre l’esperienza del progetto di gemellaggi avviato fra Caritas Gerusalemme, parrocchie locali e Caritas diocesane italiane. Il contesto di presentazione sarà l’incontro del 14 e 15 settembre che Caritas italiana organizza a Roma per un approfondimento sulla situazione in Siria e in Terra Santa nello scenario mediorientale, con uno sguardo ai contesti in Nord Africa e Corno d’Africa. Il seminario punta ad approfondire, con l’aiuto di testimoni ed esperti, il complesso e mutevole scenario del Medio Oriente, a livello politico, sociale e diplomatico. Giovedì 14 settembre presso la Casa San Juan de Avila , in via Pietro de Francisci 158, con inizio alle ore 11 è previsto l’intervento di Gianni Rufini, direttore di Amnesty international Italia su “La Siria nel Medio Oriente: quale ricostruzione e sviluppo?” A seguire don Claudio Monge, domenicano, teologo delle religioni, parroco a Istanbul affronterà il tema del dialogo interreligioso nel contesto mediorientale e del contributo della Chiesa cattolica. Nel pomeriggio i partecipanti si confronteranno sulla strategia della presenza di Caritas italiana in Medio Oriente, Nord Africa e Corno d’Africa con una panoramica degli interventi in atto. Venerdì 15 settembre a The Church Palace, in via Aurelia 481, si svolgerà dalle 10 alle 13 l’incontro “Oltre i muri e gli stereotipi: incontri e racconti di comunità” in collaborazione con la Caritas diocesana di Roma e l’Ordine Regionale dei Giornalisti del Lazio.  Tra i relatori, don Claudio Monge, teologo delle religioni e parroco a Istanbul e mons. Pierbattista Pizzaballa, amministratore apostolico del Patriarcato di Gerusalemme dei Latini.

Menù ad Accesso Rapido

Accesso rapido

La Parola
Ragazzi
Scie di Luce
Servizi La Stanza
Media
Cattolici  Protestanti  Ortodossi  Ecumenismo  Vita Quotidiana
  • ° Vita Pubblica
  • ° Lui & Lei
  • ° Matrimonio
  • ° Figli
  • ° Ricette
  • ° Viaggi


 Notizie