Agensir.it

Syndicate content
Servizio Informazione Religiosa
Updated: 26 min 22 sec ago

Cooperazione internazionale: Ibo Italia, “nel 2016 attività per 85.252 ore, +42% rispetto all’anno precedente nonostante il calo dei volontari”

Wed, 2017-07-12 17:45

“Nel 2016 sono stati 806 i volontari Ibo che hanno realizzato attività per 85.252 ore, facendo registrare, rispetto all’anno prima, una crescita a due cifre per le ore donate (+42%) e, di contro, una flessione del numero dei volontari (-32%)”. Sono alcuni dei numeri contenuti nel bilancio sociale di Ibo Italia, ong di ispirazione cristiana socia Focsiv, con sede a Ferrara e Parma, che quest’anno compie 60 anni di fondazione. “Pubblicare il bilancio sociale è sempre un momento particolare”, spiega il presidente Alberto Osti. “Ogni anno, da nove anni a questa parte, proviamo a guardarci indietro – prosegue – per analizzare il nostro impegno in Italia e nel mondo, verificare l’impatto di attività e progetti, raccontare la crescita dei giovani volontari, rendicontare donazioni e finanziamenti”. Nelle 52 pagine del bilancio sociale – si legge in una nota – “si possono verificare entrate e uscite, quanto di queste vanno per le attività di mission, ma anche apprezzare il totale dei volontari coinvolti e le ore donate. Inoltre, nelle sezioni “Volontariato nel mondo”, “Cooperazione internazionale” e “Impegno in Italia” vengono dati “tutti gli aggiornamenti su progetti e attività (Perù, Ecuador, Romania, Tanzania e Ucraina)”. Nel corso del 2016, “il numero maggiore di persone coinvolte ha partecipato a Campi di lavoro e solidarietà e ad iniziative locali (campagne di sensibilizzazione, eventi di raccolta fondi)” mentre “l’impegno più grande a livello orario è stato invece quello dei volontari in Servizio civile in Italia e nel mondo”.

Disabilità: Speziale (Anffas), “l’inclusione scolastica è un diritto, non un miraggio o una gentile concessione delle istituzioni”

Wed, 2017-07-12 17:27

“La scuola è fondamentale per la crescita di tutti i ragazzi, compresi quelli con disabilità”. Per questo “l’inclusione scolastica deve essere garantita perché è un diritto, non un miraggio o una ‘gentile concessione’ delle istituzioni”. È quanto afferma Roberto Speziale, presidente nazionale Anffas onlus, realtà che ha attivato una campagna di monitoraggio su tutto il territorio per sorvegliare sulla reale applicazione dei diritti degli alunni con disabilità di ogni ordine e grado. “L’inclusione scolastica – si legge in una nota – sembra quasi essere un miraggio più che un diritto costituzionalmente garantito”. In un “panorama incerto”, secondo Anffas, “si inseriscono come nota positiva le ‘Linee Guida a supporto dell’inclusione scolastica’ prodotte dalla Regione Lombardia – su impulso di Fish e Ledha, a cui Anffas aderisce – volte ad assicurare risorse e indirizzi in vista proprio dell’inizio del nuovo anno scolastico e rappresentando una valida base da cui partire per monitorare la preparazione al nuovo anno scolastico”. “Nonostante la recente riforma nazionale – prosegue la nota – il percorso scolastico degli alunni con disabilità continua a non apparire certo e dubbi, timori e perplessità rimangono tra le famiglie”. Secondo Speziale, “come dimostra il numero sempre maggiore di famiglie che si sono rivolte ai Tribunali per vedere rispettati i diritti dei propri figli, nessuno è disposto ad accettare passivamente ulteriori mancanze”. “Attraverso questa nostra campagna desideriamo far venire alla luce tutte le eventuali disfunzioni che si riscontreranno in avvio dell’anno scolastico”, conclude il presidente, precisando che “in caso di accertate violazioni, non esiteremo a rivolgerci anche alla Magistratura”.

Giornalismo: Vetere (Uspi), con il nuovo portale ‘la vera informazione italiana’”

Wed, 2017-07-12 17:09

“Uspinews” è il nuovo servizio aggregatore di Uspi dedicato alle testate on line e alle versioni digitali dei periodici associati all’Uspi (Unione stampa periodica italiana). “Sembrava giusto fare emergere, nel panorama generale dell’informazione, le testate del nostro comparto, che si qualificano per serietà, rispetto delle leggi e del sistema dei contratti e accordi collettivi sul lavoro dipendente e autonomo. Che si qualificano per essere in rapporto stretto con il territorio, nel caso dei giornali locali, e con le proprie aree di interesse, nel caso dei periodici di nicchia”, spiega Francesco Saverio Vetere, segretario generale Uspi. Il portale è destinato a raggiungere una dimensione rilevante nel giro di pochi mesi. “Una informazione seria e qualificata, affidabile e professionale – ha ribadito Vetere -: il giornalismo per come lo intendiamo da sempre, noi di Uspi. Per questo pensiamo che Uspinews possa diventare un punto di riferimento fondamentale per chi cerca la vera ‘informazione italiana’”. Il portale è raggiungibile dagli indirizzi uspinews.it e informazioneitaliana.info.

Diocesi: Campobasso-Bojano, domani mons. Giovanni Cerio festeggia il 70° di ordinazione sacerdotale

Wed, 2017-07-12 16:51

Verrà celebrato nel pomeriggio di domani, giovedì 13 luglio, il giubileo sacerdotale di mons. Giovanni Cerio, parroco emerito di Ferrazzano (Cb) e canonico della Cattedrale di Campobasso, ordinato sacerdote il 13 luglio 1947. Alle 18.30, il vescovo di Campobasso-Bojano, monsignor GianCarlo Bregantini, presiederà la celebrazione eucaristica nella quale si farà memoria del 70° anniversario di ordinazione presbiterale di mons. Cerio. La messa solenne è stata preceduta da un triduo di preparazione che si conclude oggi. Il popolo di Dio, tutti i fedeli, confratelli, religiosi, religiose, parenti, amici e concittadini sono invitati – si legge in una nota – ad “elevare con me un inno di gratitudine a Dio che mi ha chiamato al Suo servizio per tanti anni di sacerdozio”, ha affermato commosso mons. Cerio. “Un invito – prosegue la nota – a condividere con fratellanza, comunione e amore questo speciale dono del presbitero ultranovantenne (96 anni) della diocesi. Di lui tanti sono i ricordi, i meriti, i riferimenti”. “Secondo alcune ricerche storiche – conclude la nota – la sua singolarità risiede nell’essere l’unico sacerdote al mondo che ha prestato il suo servizio presso una curia per 63 anni, ininterrottamente, come vicario e come economo”.

Ukraine: Center of the Catholic University, helping children in need not with money but with attention and education

Wed, 2017-07-12 16:51

(Bratislava) Helping children in need not only with money, but also by giving them attention and education is the aim of the Student Charity Center of the Ukrainian Catholic University in Lviv. Students of social pedagogy, psychology and information technologies spend some time with the children who, for various reasons, need special attention in the children’s care institution in Lavriv and the special school in Dobromyl, trying to approach them, help them overcome their crises, discover their potential and educate them. “It is possible either to visit once with gifts and money that quickly disappear, or to visit the kids regularly, interacting and teaching them something”, explains Yulia Palazhyi, head of the Charity. As she adds, students “want to socialize with them by paying attention and by showing them how and why to do things so that they learn how to help themselves in future. Some of them do not even know how to make tea, because at the orphanage everything is given to them and they have no inspiration to learn how to do things”. According to IT student Oksana Oleniuk, these children have a very small circle of contacts: “We want them to open up, to become more joyful. So, in addition to helping them with homework, we play with them a lot. After having listened to their stories, I appreciate more what I have, because there are some truly difficult stories among them”.

Ucraina: Centro caritativo studentesco dell’Università cattolica, aiutare i bambini bisognosi non con i soldi ma con attenzione ed educazione

Wed, 2017-07-12 16:51

(Bratislava) Aiutare i bambini in difficoltà non solo con in soldi ma anche prestando loro attenzione e offrendo loro un’educazione: è questo l’obiettivo del Centro caritativo studentesco dell’Università cattolica ucraina di Leopoli. Gli studenti di pedagogia sociale, psicologia e informatica dedicano tempo ai bambini che, per motivi vari, hanno bisogno di un’attenzione speciale presso l’istituto per bambini del villaggio di Lavriv e presso la scuola speciale di Dobromyl, cercando di interagire con loro per aiutarli a superare le crisi, scoprire il loro potenziale ed educarli. “Si può andare a visitare questi bambini una volta, portando loro regali e soldi che svaniscono in un battibaleno, oppure recarsi da loro regolarmente, interagendo con loro e insegnando loro qualcosa”, spiega Yulia Palazhyi, direttrice del Centro caritativo. Gli studenti, aggiunge, “sono desiderosi di socializzare con loro, prestano attenzione ai loro bisogni e insegnano loro come e perché si fanno le cose in modo tale che apprendano come aiutarsi in futuro. Alcuni bambini non sanno neppure come si prepara un tè perché all’orfanatrofio ricevono tutto e non sono motivati a imparare come si fanno le cose”. Secondo la studentessa di informatica Oksana Oleniuk, questi bambini hanno pochissimi contatti: “Vogliamo che si aprano, che siano più felici. Ecco perché non solo li aiutiamo a fare i compiti, ma giochiamo anche molto con loro. Inoltre, dopo avere ascoltato le loro storie, apprezzo molto di più ciò che ho perché molti di loro hanno delle storie veramente difficili”.

Diocesi: Grosseto, la Caritas ringrazia la storica cuoca della mensa che lascia il servizio dopo 27 anni

Wed, 2017-07-12 16:40

Un’icona mariana, per dire il grazie della Caritas diocesana di Grosseto per un servizio durato ininterrottamente 27 anni e che ora termina. E’ il gesto con cui questa mattina gli operatori e i volontari hanno salutato Ione Palmieri, la storica cuoca della mensa dei poveri, durante una ordinaria mattinata di lavoro. Palmieri iniziò la sua esperienza di volontariato nel 1990 insieme al marito Carlo. Il servizio era partito a fine anni ‘80 su impulso dell’allora direttore, il padre vincenziano Fernando Coletta. In quei primi anni la mensa serviva fra i 200 e i 300 pasti all’anno; oggi si è superata la quota delle 30mila unità. Palmieri è stata la responsabile della mensa, occupandosi di ordinare il cibo da cucinare e di gestire i turni dei volontari, affinché l’organizzazione fluisse sempre nel miglior modo possibile. “Iniziammo con poche donne – ricorda Palmieri –. Oggi siamo una ventina di volontari che si alternano durante l’arco della settimana”. “Cucinare ai poveri? È stato un privilegio – commenta la volontaria -. Tante volte quando li incontro fuori di qui mi viene spontaneo domandarmi: ‘Avranno mangiato?’ Certo, a volte mi fanno anche arrabbiare, ma è normale, è la vita. Posso dire che ho sempre cucinato con amore e mettendoci tutto l’impegno che potevo”.

Carmelitani: p. Millán Romeral (priore generale), “rispondere con creatività e gioia alle sfide presenti nel nostro mondo”

Wed, 2017-07-12 16:34

“Maria, Madre e Bellezza del Carmelo, Stella del Mare, ci guidi nel nostro cammino, affinché sappiamo rispondere con creatività e gioia alle sfide presenti nel nostro mondo, a volte così complesso”. È l’auspicio espresso da padre Fernando Millán Romeral, priore generale dell’Ordine carmelitano, nella lettera alla Famiglia Carmelitana per la festa di Maria Madre del Carmelo. “Mi auguro che queste celebrazioni – osserva il priore generale – toccheranno il nostro cuore, ispireranno il nostro vivere il carisma e trasformeranno la nostra vita in modo che possiamo essere sempre più fedeli ai valori evangelici”. Nella lettera, padre Millán Romeral ricorda due particolari ricorrenze. La prima è il centenario delle apparizioni di Fatima. “Nella sesta apparizione, avvenuta nel mese di ottobre 1917 – scrive – i pastorelli dissero che la Vergine apparve con i tratti della Madonna del Carmine che era venerata nella loro parrocchia”. In questo centenario, “la famiglia carmelitana rinnova in qualche modo la sua devozione mariana”. Inoltre, aggiunge il priore generale, “ricordiamo in modo particolare anche tutti i malati della famiglia carmelitana”. Millán Romeral menziona poi “il 75° anniversario della morte del beato Tito Brandsma nel campo di concentramento di Dachau e il 50° anniversario della morte del grande teologo carmelitano Bartolomé F. M. Xiberta”. “Entrambi – osserva – si distinguevano per la loro grande devozione mariana e scrissero molto sul ruolo della Vergine Maria nella storia della salvezza”. “Ci aiutino a vivere la nostra devozione mariana con la medesima autenticità ed esigenza di vita che essi hanno mostrato”, conclude.

Formazione: Università Europea di Roma, domani Open day per conoscere l’ateneo e i corsi di laurea

Wed, 2017-07-12 16:32

L’Università Europea di Roma (Uer) vivrà domani, giovedì 13 luglio, la giornata di orientamento ai corsi di laurea triennali, magistrali e magistrali a ciclo unico. “Sarà un’occasione – si legge in una nota – per conoscere gli ambienti di studio, scoprire gli elementi distintivi e di eccellenza che l’Uer riserva ai suoi studenti: un percorso di crescita professionale e umana, un contesto accademico di alto livello, un’attenzione specifica alla formazione della persona”. Dalle 11, dopo il saluto del rettore, padre Pedro Barrajón, in aula magna, verranno illustrati i corsi di laurea e i relativi sbocchi professionali. “Docenti e studenti – prosegue la nota – presenteranno l’offerta formativa dei corsi e l’esperienza di studio nell’Uer, per capire che cosa significa studiare economia, psicologia, giurisprudenza, scienze della formazione primaria, turismo”. Alle 12 è in programma la prova di ammissione con la simulazione del test d’ingresso a scienze della formazione primaria. In contemporanea si svolgerà l’“Open genitori” perché “un giusto coinvolgimento dei genitori è molto importante nella scelta universitaria dei più giovani”. Per questo motivo, è stato pensato “uno spazio dedicato a genitori e insegnanti affinché possano meglio conoscere l’ambiente formativo che accoglierà i loro ragazzi”.

Bambini rom e sinti: Cagliari, dal 17 al 20 luglio il Campus “Estate con Ceferino 2017”

Wed, 2017-07-12 16:27

Dal 17 luglio al 20 luglio si svolgerà il Campus “Estate con Ceferino 2017”, rivolto ai bambini rom e sinti, dai 5 agli 11 anni, dei Campi di Selargius e Monserrato nella diocesi di Cagliari. La Pastorale Migrantes (settore Rom e Sinti) dell’arcidiocesi di Cagliari e i Giovani per un Mondo unito del Movimento dei Focolari organizzano il Campus come un contributo alla “sfida” dell’integrazione a cui siamo tutti chiamati, per vivere un’“occasione di speranza e fiducia” con i bambini che vi parteciperanno, spiegano i promotori. Le attività ludico-laboratoriali si svolgeranno le mattine presso il Centro di aggregazione sociale comunale di via M. Pira a Selargius. Il “Campus” si aprirà lunedì con la proiezione del film: “Dimmi che destino avrò”. Sarà presente il regista Peter Marcias e Gianni Loy (presidente della fondazione Anna Ruggiu). Giovedì 20 la conclusione con festa finale in cui verranno presentati i risultati dei laboratori. Si suonerà e ballerà danze tipiche della cultura rom e sinti. Durante il “Campus” momenti formativi con esperti sul tema dell’accoglienza e dell’integrazione.

Acqua potabile: Unicef-Oms, “3 persone su 10 non ne hanno accesso in casa. In 4,4 miliardi senza servizi igienico-sanitari sicuri”

Wed, 2017-07-12 16:14

“Circa 3 persone su 10 nel mondo, ovvero 2,1 miliardi, non hanno accesso ad acqua sicura subito disponibile a casa, e 6 su 10, cioè 4,4 miliardi, non hanno accesso a servizi igienico-sanitari sicuri”. Sono alcuni dati contenuti in “Progress on drinking water, sanitation and hygiene: 2017 update and sustainable development goal baselines”, il rapporto del programma congiunto di monitoraggio di Organizzazione mondiale della sanità (Oms) e Unicef. “Troppe persone – si legge in una nota – non hanno ancora accesso all’acqua e ai servizi igienico sanitari, in particolare nelle aree rurali”. Questo fa sì che “ogni anno 361mila bambini sotto i 5 anni muoiono per diarrea” oltre a causare “la trasmissione di malattie come colera, dissenteria, epatite A e tifo”. Dal rapporto emerge che “884 milioni di persone non hanno ancora servizi di base per l’acqua potabile” e, tra queste, “263 milioni fanno viaggi di oltre 30 minuti per raccogliere acqua da fonti fuori dalla casa e 159 milioni bevono ancora acqua non trattata da fonti di superficie come corsi d’acqua o laghi”. “In 90 Paesi – denunciano Oms e Unicef – i progressi per i servizi igienico-sanitari sono troppo lenti, per questo l’obiettivo di una copertura universale entro il 2030 non verrà raggiunto”. Così “2,3 miliardi di persone non hanno ancora servizi igienico sanitari di base” e, di queste, “600 milioni condividono i bagni o le latrine con altre persone e 892 milioni – la maggior parte in aree rurali – defecano all’aperto”. “L’acqua pulita e i servizi igienico sanitari a casa non dovrebbero essere un privilegio solo per le persone benestanti o che vivono in centri urbani”, commenta Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Oms. Secondo Anthony Lake, direttore generale dell’Unicef, “acqua pulita e servizi igienico-sanitari efficaci sono essenziali per la salute di ogni bambino e comunità – e sono fondamentali per costruire società più forti, in salute e più eque”.
Una buona igiene è uno dei più semplice ed efficaci modi per prevenire la diffusione di malattie. Per la prima volta, gli Obiettivi di sviluppo sostenibile stanno monitorando la percentuale di persone che hanno servizi igienici a casa per lavarsi le mani con sapone e acqua. Secondo il nuovo rapporto, “l’accesso ad acqua e sapone per lavarsi le mani varia in maniera consistente nei 70 paesi per i quali i dati sono disponibili, dal 15% della popolazione in Africa Sub sahariana al 76% in Africa Occidentale e Africa Nord Orientale”.

Diocesi: Monreale, mons. Pennisi apre la raccolta di grano nei terreni affidati all’Associazione Speranza e Carità di Biagio Conte

Wed, 2017-07-12 16:08

Inaugurazione, ieri a Tagliavia, nel corleonese, della raccolta del grano nei terreni che l’arcidiocesi di Monreale ha affidato all’Associazione Speranza e Carità di Biagio Conte. Alla presenza dell’arcivescovo mons. Michele Pennisi, e dell’assessore all’Agricoltura della Regione Sicilia, Antonello Cracolici, che ha donato l’affitto della mietitrebbia, i fratelli dell’associazione hanno restaurato un antico rudere di una vecchia casa rurale presente nei terreni del santuario e lì hanno offerto a tutti i partecipanti pane, formaggi e pomodori locali. Don Pino Vitrano, braccio destro di fratel Biagio, ha spiegato come le varietà delle sementi di grano, “Core” e “Tumminia” (offerte da varie aziende siciliane) danno un raccolto che riesce a coprire il fabbisogno della comunità per più di sei mesi. Da quando nel 2013, mons. Salvatore Di Cristina, allora arcivescovo di Monreale, ha affidato in comodato all’Associazione Speranza e Carità diversi ettari, sono stati tanti i passi compiuti dalla Comunità di Biagio Conte anche in termini di dialogo interreligioso con musulmani ed ebrei. Diverse opere nella casa rurale di Tagliavia sono state realizzate da alcuni artigiani musulmani e lo scorso aprile la Comunità ha donato 60 kg di farina del grano raccolto da queste terre alla comunità ebraica con cui hanno impastato il pane per celebrare la loro pasqua.

Diocesi: Civitavecchia, da stasera a Tarquinia Lido le catechesi della pineta

Wed, 2017-07-12 15:41

Prendono il via nella serata di oggi, mercoledì 12 luglio, le catechesi della pineta nell’ambito delle iniziative promosse dalla parrocchia Maria SS. Stella del mare di Tarquinia Lido. Il ciclo, che proseguirà nei prossimi mercoledì con inizio alle 21, è organizzato dalle associazioni e dai movimenti ecclesiali della zona. Continua, intanto, la rassegna “La vita nuova nel Cristo Risorto”, declinata nelle diverse esperienze della vita cristiana, che si concluderà il 29 agosto. Tra gli altri appuntamenti in programma, il 14 luglio e l’11 agosto si terranno due incontri, curati dallo psicologo Romolo Sega su “Innamoramento e amore”, ospitati nel giardino della parrocchia. La statua del Cristo Risorto Sommerso verrà posata il 22 luglio al Porto Clementino. Qui il 12 agosto ci sarà l’omaggio floreale effettuato da gruppi subacquei. Il 6 agosto, alle 21, l’associazione “Donizzetti” di Villalba di Guidonia curerà il concerto “Vissi d’arte, vissi d’amore”. Come da tradizione, poi, il 15 agosto nella solennità dell’Assunta, verrà celebrata la messa seguita dalla processione.

Festival filosofia: Borsari (Comitato scientifico), “vita sociale è palcoscenico”

Wed, 2017-07-12 15:39

“Le arti si misurano per la loro esposizione e oggi arte ed esposizione di sé finiscono per coincidere”. Lo ha detto Michelina Borsari, membro del Comitato scientifico del Consorzio per il Festival filosofia – che ha diretto per 16 edizioni, lasciando il posto a Daniele Francesconi per l’edizione di quest’anno –  durante la presentazione, a Roma, della “tre giorni” in programma a Modena, Carpi e Sassuolo dal 15 al 17 settembre. “Oggi tutto deve essere creativo”, ha esordito Borsari a proposito del tema della diciassettesima edizione del Festival, le arti: “Tutti siamo in cerca di talenti, li cerchiamo oppure mettiamo i nostri a disposizione degli spettatori”. “L’artificiale – ha proseguito – è una patina che avvolge non solo cose e merci, ma l’intera vita sociale, che è sempre più un teatro dove tutti noi siamo messi in scena”. Di qui “l’ambivalenza continua dell’umano”, in un mondo in cui “si rinuncia persino alla bellezza, trasferita negli oggetti d’uso, ma non all’aura, soprattutto a quella che ha un valore di mercato”. Oltre alle lezioni magistrali e alle lezioni sui “classici”, il Festival prevede un vasto programma creativo – non collaterale, ma parte integrante dell’evento – di cui saranno protagonisti, tra gli altri, il premio Oscar Nicola Piovani, Alessandro Preziosi, Luca Barbareschi, Alessandro Bergonzoni. Quasi trenta le mostre proposte, tra cui un intervento di “Street art” di Eron e un’installazione di luce di Mario Nanni. Non mancheranno i mercati di libri e le iniziative per bambini e ragazzi.

Festival filosofia: Bodei (Comitato scientifico), oggi domina “l’estetica della rete”

Wed, 2017-07-12 15:27

“Riflettere sulle arti in un’epoca di estetizzazione del mondo, dove il design esce dalle botteghe artistiche e invade città e regioni”. È questo, ha detto il filosofo Renzo Bodei, presidente del Comitato scientifico, uno degli obiettivi del Festival filosofia di Modena, Carpi e Sassuolo, in programma dal 15 al 17 settembre per riflettere sul significato di “arti” con oltre 50 relazioni magistrali affidate a grandi protagonisti del pensiero contemporaneo, mostre, concerti, spettacoli, letture, iniziative per bambini e cene filosofiche. La manifestazione, che lo scorso anno ha sfiorato le 200mila presenze e in sedici anni ha superato i due milioni, è stata presentata oggi a Roma, presso la sede dell’Associazione Stampa Estera. Quasi duecento, tutti gratuiti, gli appuntamenti della diciassettesima edizione, che vedrà come relatori, tra gli altri, Enzo Bianchi, Massimo Cacciari, Brunello Cucinelli, Roberto Esposito, Umberto Galimberti, Michela Marzano, Salvatore Natoli, Massimo Recalcati, Emanuele Severino, oltre allo stesso Bodei e a Tullio Gregory, autore del “menu” delle cene filosofiche. Tra gli stranieri, Gilles Lipovetsky, Jean Luc Nancy e Marc Auge. Il sociologo francese Lipovetsky, ha anticipato Bodei, teorico dell’ipermodernità e dell’iperindividualismo, parlerà di “capitalismo estetico”: la nostra epoca iperconsumistica, in altre parole, “si fonda su un mondo estetico di produzione, dove l’estetica è entrata nell’economia come forma di plusvalore”. Altro tema su cui si indagherà, nella tre-giorni emiliana, l’estetica della Rete.

Diocesi: Trapani, una Summer page con info su Messe, musei, itinerari. Per i giovani “Trekking biblico” nella riserva dello Zingaro

Wed, 2017-07-12 15:23

“Sono lieto di accogliervi a nome di tutta la comunità cristiana”. Inizia così il messaggio – in italiano e in inglese – con cui il vescovo Pietro Maria Fragnelli dà il benvenuto ai turisti che arrivano in questo periodo nel territorio di Trapani. Una locandina diffusa nelle parrocchie dei centri turistici della diocesi con un qr code che punta al sito internet della diocesi e in particolare a una “Summer page” con info pensate appositamente per i turisti, è lo strumento semplice con cui la Chiesa di Trapani si fa presente a chi arriva per trascorrere le vacanze. Una pagina dove scaricare o cercare gli orari delle Sante Messe feriali e festive, quelli per visitare le chiese del centro storico aperte e i “Misteri” di Trapani, i riferimenti per conoscere la rete dei musei di arte sacra: il Museo diffuso di “Erice la Montagna del Signore”, il Museo di arte contemporanea “San Rocco” dov’è in corso la mostra evento di Adrian e Ferdinand Paci, il museo di arte sacra della basilica di Alcamo, il museo del santuario di San Vito Lo Capo, le mostre temporanee presso il santuario di Custonaci e la chiesa madre di Castellammare del Golfo.
Nella pagina anche la proposta di alcuni possibili itinerari attraverso i quali è possibile conoscere la diocesi, col suo territorio ricco di bellezze naturali dove la fede ha incontrato l’arte e la cultura donando ai visitatori un patrimonio di grande bellezza. Cinque gli itinerari proposti. Quest’anno alla “Summer page” si unisce un “tasto” tutto giovanile con una serie di proposte, per ragazzi e giovani ma non solo, dedicato a chi desidera vivere durante le ferie estive occasioni di meditazione, di approfondimento spirituale e di festa. Tra le proposte quella di Trekking biblico nella riserva naturale orientata dello Zingaro con pernottamento in sacco a pelo sull’interessante “Il cammino dell’uomo” di Martin Buber (sabato 22 e domenica 23 luglio); il campo fuori le mura a Marettimo “Non seppellirti nelle tue scarpe” con ragazzi da diverse aere del paese, la missione in spiaggia ad Alcamo Marina, i campi di lavoro e preghiera, l’eremo giovani e gli appuntamento di ritiro spirituale presso il santuario di Sant’Anna.

Diocesi: Genova, il card. Pietro Boetto riconosciuto “Giusto tra le Nazioni”

Wed, 2017-07-12 15:04

Il card. Pietro Boetto, arcivescovo di Genova dal 1938 al 1946, è stato dichiarato “Giusto tra le Nazioni” dal Dipartimento dei Giusti tra le Nazioni di Gerusalemme che ha sede allo Yad Vashem, l’Ente nazionale per la Memoria della Shoah. A dare la notizia è stata l’arcidiocesi di Genova attraverso il settimanale diocesano “Il Cittadino” che pubblicato copia del carteggio intercorso tra il Dipartimento e la diocesi genovese. “La decisione – si legge nella prima pagina – onora la sua nobile e coraggiosa persona e nello stesso tempo la nostra Chiesa genovese che, per l’aiuto prestato agli ebrei perseguitati dai nazi-fascisti, annovera in tale elenco anche mons. Francesco Repetto, mons. Carlo Salvi e mons. Emanuele Levrero”. Nato a Vigone nel 1871, il card. Boetto fece il suo ingresso a Genova in forma ufficiale e solenne l’8 maggio 1938 periodo in cui cominciarono ad arrivare a Genova numerosi ebrei con la speranza di poter fuggire nelle Americhe o in Palestina e “a più di una persona il cardinale pagò il viaggio”. Il porporato, “non solo ha aperto le porte dell’arcivescovado agli ebrei genovesi, a tutti gli ebrei, gli oppressi ed i perseguitati politici – si legge ancora – ma ha anche aperto le porte del seminario per dare ospitalità a quanti n’avevano bisogno”. Per l’opera incessante svolta in favore della città, e per il ruolo attivo avuto nella resa delle truppe tedesche, il comune di Genova attribuì a Boetto il titolo di “Defensor Civitatis”, il mondo della politica lo ricorda come “Cardinale della Liberazione”, mentre il mondo del lavoro lo definì “Cardinale degli operai”.

Diocesi: Lamezia Terme, domenica mons. Cantafora inaugura a Conflenti la Fazenda da Esperança “Rifugio Santa Maria della Bellezza”

Wed, 2017-07-12 14:46

Sarà il vescovo di Lamezia Terme, mons. Luigi Cantafora, ad inaugurare, domenica prossima, la Fazenda da Esperança “Rifugio Santa Maria della Bellezza” in località Querciuola a Conflenti. La Fazenda, a pochi passi dal Monastero delle Sorelle Povere di Santa Chiara si propone di accogliere, in un ambiente sano nel nome del Vangelo, ragazzi che vivono momenti di difficoltà. Sarà la terza comunità in Italia dopo quella in Puglia e una maschile a Lamezia Terme mentre nel mondo ce ne sono 111, nate, nel 1983 in Brasile dall’intuizione di un giovane, Nelson Giovanelli, che voleva fare qualcosa per alcuni ragazzi che si drogavano nel suo quartiere. All’inaugurazione parteciperanno anche i fondatori della Fazenda da Esperança e 50 giovani provenienti da diversi paesi del mondo.

Brexit: Barnier (Commissione), “Ue ha chiarito la sua posizione, ora attendiamo di conoscere quella del Regno Unito”

Wed, 2017-07-12 14:35

(Bruxelles) “Abbiamo pubblicato nove documenti Ue su diversi temi: la posizione dell’Ue è chiara, abbiamo bisogno di sapere adesso qual è la posizione del Regno Unito in modo da poter avanzare”. Lo ha ripetuto più volte stamane Michel Barnier, capo negoziatore Ue per il Brexit, dopo un incontro del Collegio dei commissari Ue. La Commissione ha infatti messo sul tavolo della prima fase negoziale alcune questioni particolari, tra cui i diritti dei cittadini, la finanza, i nuovi confini. Si tratta di “convergere verso soluzioni comuni” anche se al momento ci sono “assai numerose differenze di ambizioni” ha segnalato Barnier. Per esempio sui diritti dei cittadini la “posizione britannica non permette reciprocità”, per cui i cittadini britannici all’estero sono tutelati secondo i diritti Ue ma “i cittadini Ue nel Regno Unito sono sottoposti al diritto britannico” e alle sue restrizioni. Disaccordo c’è anche sui regolamenti finanziari o ancora sulla “Common Travel Area” tra Irlanda e Regno Unito, ha citato Barnier, che ritiene essenziale “assicurarsi di essere su una medesima linea politica, prima di cercare soluzioni tecniche”. Temi della seconda fase negoziale, che inizia la settimana prossima, saranno “l’Euratom o le procedure giudiziarie in corso alla data dell’uscita”: “più in fretta avanzeremo realmente” nel chiarire i temi negoziali, “più presto cominceremo a parlare delle relazioni future”. Barnier, che negozierà solo col governo May, ascolterà però “i diversi punti di vista nel dibattito”.

Giffoni Film Festival: domani l’inaugurazione della Multimedia Valley dedicata alla creatività e alla cultura nel Sud Italia

Wed, 2017-07-12 14:29

Un’area totalmente dedicata alla creatività e alla cultura nel Sud Italia: Giffoni Multimedia Valley è pronta ad accogliere start-up e giovani per promuovere le loro capacità d’impresa. Ad inaugurare il primo lotto dell’innovativo spazio dedicato al “cultural entertainment” e alle produzioni audiovisive, domani, giovedì 13 luglio alle 10.30, saranno il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, il sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri Maria Elena Boschi, il sindaco di Giffoni Valle Piana, Antonio Giuliano, il presidente di Giffoni Experience, Piero Rinaldi, e il direttore Claudio Gubitosi.
Giffoni Multimedia Valley si estende su un’area di circa 45mila metri quadrati dove prenderanno vita la Mediateca regionale, il Museo “Testimoni del Tempo”, due sale di proiezione tecnologicamente avanzate, una sala convegni per attività diverse, nuovi uffici e aree parcheggio. “Una struttura modello per il Sud ed esempio di una Giffoni che cresce, diventa capitale della creatività, crea occupazione e indotto. L’entrata a regime della Multimedia segnerà il futuro di un’area, quella dei Picentini, che grazie a Giffoni ha magnetizzato su di sé l’attenzione internazionale, creando un polo d’attrazione culturale destinato ad allargare gli spazi – fisici e ideali – della Cittadella del Cinema che, in questa prospettiva, si identifica come la prima pietra dell’intero progetto”, si legge in una nota diffusa oggi. “Questo è il risultato e una vittoria della rete istituzionale che ha visto insieme in questi ultimi 16 anni il Comune di Giffoni Valle Piana, la Provincia di Salerno, la Regione Campania e il Governo italiano”, sottolinea la nota.
Dopo il taglio del nastro, i riflettori saranno puntati sulla quinta edizione di “School Movie Cinedù – Rassegna cinematografica per gli Istituti scolastici”. Alle ore 11, infatti, è prevista la cerimonia di premiazione alla presenza di Vincenzo De Luca e di Maria Elena Boschi che consegneranno le statuette alle scuole dei comuni vincitori. Nel pomeriggio il primo evento speciale atteso al Giffoni 2017, in collaborazione con la 20th Century Fox, all’insegna della saga campione d’incassi de “Il pianeta delle scimmie”.

Menù ad Accesso Rapido

Accesso rapido

La Parola
Ragazzi
Scie di Luce
Servizi La Stanza
Media
Cattolici  Protestanti  Ortodossi  Ecumenismo  Vita Quotidiana
  • ° Vita Pubblica
  • ° Lui & Lei
  • ° Matrimonio
  • ° Figli
  • ° Ricette
  • ° Viaggi


 Notizie