Feed aggregator

Niger: Msf, “picco annuale di malnutrizione e malaria, trattati migliaia di bambini sotto i 5 anni”

Agensir.it - Mon, 2017-10-09 15:50

Per far fronte al picco annuale di malnutrizione e malaria in Niger, Medici senza frontiere (Msf) ha potenziato le proprie équipe nelle regioni di Zinder, Tahoua e Maradi. Più di 1.430 operatori sono impegnati nelle strutture sanitarie e nei villaggi per prevenire, identificare e trattare le malattie che colpiscono i bambini al di sotto dei 5 anni di età. In Niger, la stagione secca prima del raccolto equivale, infatti, al periodo in cui i casi di malnutrizione raggiungono il livello più alto, e coincide anche con l’arrivo delle piogge e con l’aumento delle zanzare che trasmettono la malaria. “Questa combinazione può essere letale per i bambini se non ricevono per tempo le cure. L’attenzione è posta sulla prevenzione e sulle strategie per trattare i bambini il più velocemente e il più vicino possibile alle loro comunità”, spiega Msf. In Niger, più di 800.000 bambini sono a rischio malnutrizione moderata e grave, secondo le Nazioni Unite (Ocha). Tra giugno e metà settembre, più di 6.400 bambini con malnutrizione moderata e severa, aggravata da complicazioni mediche come l’anemia, sono stati trattati nei centri di nutrimento terapeutico intensivo supportati da Msf. Dall’inizio del picco a giugno, più di 108.000 bambini sono stati trattati da Msf nei vari programmi ospedalieri e comunitari nelle regioni di Zinder, Tahoua, e Maradi.

Minori: Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza e Società italiana di pediatria insieme per promuovere salute e benessere fisico, psichico e sociale dei ragazzi

Agensir.it - Mon, 2017-10-09 15:32

“Realizzare azioni e iniziative congiunte volte a promuovere la salute e il benessere fisico, psichico e sociale delle persone di minore età”. È quanto prevede il protocollo d’intesa che l’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza ha sottoscritto questa mattina con la Società italiana di pediatria. “Si tratta di un progetto particolarmente importante – commenta la garante, Filomena Albano – attraverso il quale ci proponiamo di porre in essere tutta una serie di interventi e azioni concrete finalizzate a favorire una crescita sana di bambini e adolescenti e garantire lo sviluppo della loro personalità in tutte le sue potenzialità”. “La Società italiana di pediatria – aggiunge il presidente Sip, Alberto Villani – è da sempre impegnata nella promozione e tutela della salute fisica, psichica e sociale del bambino e dell’adolescente nella nostra società. Il protocollo d’intesa siglato oggi con l’Autorità garante è un passo decisivo per rendere più concreto questo obiettivo”.
In linea con le funzioni e i compiti dell’Autorità garante e della Società italiana di pediatria, l’intesa prevede in particolare “la promozione di attività di studio e ricerca e iniziative di divulgazione scientifica e culturale, oltre alla realizzazione di corsi di aggiornamento, perfezionamento e alta formazione rivolti a operatori sociali e sanitari e, più in generale, a tutti gli attori coinvolti nel processo di tutela e crescita”. Prevista anche “la realizzazione di una raccolta sistematica di dati che permetterà di condividere e diffondere le buone prassi emergenti”.

Iraq: messaggio finale del Sinodo caldeo, “non dimenticate la vostra identità caldea, abbracciate la lingua e l’eredità dei vostri padri”

Agensir.it - Mon, 2017-10-09 15:15

“Ovunque voi siate non dimenticate la vostra identità caldea, abbracciate la lingua e l’eredità dei vostri padri nelle nuove società che offrono apertura, rinnovamento, vita e nuove opportunità di sostegno e cooperazione”. È l’appello che i membri del Sinodo caldeo lanciano ai fedeli caldei sparsi nel mondo al termine della loro annuale convocazione che si è chiusa ieri a Roma. Nel comunicato finale, “da leggere in tutti i monasteri e chiese caldei”, il Sinodo, presieduto dal patriarca di Baghdad, Louis Raphael I Sako, ribadisce che “nonostante tutti i tipi di persecuzione che abbiamo sperimentato nella nostra storia, abbiamo perseverato e mantenuto la fede e la speranza nei nostri cuori e la forza della nostra affiliazione alla Chiesa e alla nostra famiglia in uno spirito di solidarietà, di responsabilità, di sacrificio e di amore reciproco”. Nel testo si riferisce anche dell’udienza avuta con Papa Francesco (5 ottobre) che “prega ogni giorno e lavora per costruire pace e stabilità nel nostro Paese e nel mondo. Uniamo le nostre preghiere alla sua chiedendo al Signore Gesù Cristo di rendere la nostra Chiesa uno strumento di pace, un costruttore di ponti di riconciliazione. Vi chiediamo, infine, di pregare per noi perché possiamo servire in generosità, umiltà e saggezza”. Durante il Sinodo sono state affrontate questioni di primaria importanza per la Chiesa caldea, tra cui le migrazioni forzate dei cristiani, la ricostruzione dei villaggi, il ritorno degli sfollati, il diritto particolare della Chiesa, la questione liturgica e la pastorale vocazionale.

Papa Francesco: il 16 ottobre alla Fao, il 17 collegamento con l’equipaggio della stazione navale internazionale

Agensir.it - Mon, 2017-10-09 15:12

Lunedì 16 ottobre, alle 9, il Papa si recherà presso la sede della Fao di Roma, in occasione della Celebrazione ufficiale della Giornata Mondiale dell’Alimentazione. A darne notizia è la Sala Stampa della Santa Sede, con un comunicato in cui si informa inoltre che giovedì 26 ottobre, alle ore 17, dall’Auletta dell’Aula Paolo VI, Francesco si collegherà con l’equipaggio della Stazione Spaziale Internazionale.

Germania: card. Marx (Monaco-Frisinga) sul matrimonio, “la vita donataci da Dio è resa possibile dall’amore dell’uomo e della donna”

Agensir.it - Mon, 2017-10-09 14:56

Il matrimonio fra marito e moglie è dato da Dio: il card. Reinhard Marx lo ribadisce con fermezza. Ha anche utilizzato una festa con i coniugi della sua arcidiocesi di Monaco-Frisinga per una valutazione politica sull’evoluzione riguardo il matrimonio tra persone dello stesso sesso recentemente divenuta legge in Germania. Il cardinale (che è anche presidente della Conferenza episcopale tedesca, Dbk) ha celebrato una eucaristia giubilare per centinaia di coppie sposate, ieri nella cattedrale di Frisinga: “L’uomo e la donna devono stare insieme” – ha detto Marx –; le leggi possono cambiare, tuttavia quella è l’immagine che Dio ci ha dato”. Il cardinale ha ringraziato le coppie durante l’omelia: “Questa vita, che ci è stata data da Dio, è stata resa possibile dall’amore dell’uomo e della donna, che avete accettato e progettato insieme al vostro coniuge”. In un matrimonio ci sono “la riconciliazione, il nuovo inizio, la comune sopportazione della sofferenza e della morte, così come la gioia insieme, le feste, la nascita di nipoti”, tante vicende che portano a un atteggiamento di gratitudine, ha aggiunto Marx. Allo stesso tempo, i cristiani devono poter contare sull’aiuto di Dio, anche nella malattia, nella vecchiaia e nella fragilità. Molte coppie sposate da 50 o 60 anni hanno partecipato alla celebrazione festiva: erano presenti anche due sposi uniti in matrimonio da 74 anni.

Germany: card. Marx (Munich-Freising) about marriage, “God-given life is made possible by the love of man and woman”

Agensir.it - Mon, 2017-10-09 14:56

Marriage between husband and wife is given by God: card. Reinhard Marx firmly reiterates it. He also used a party with the married couples of his archdiocese of Munich-Freising for a political assessment of same-sex marriage that has recently been signed into law in Germany. The cardinal (who is also the president of the German Bishops Conference, Dbk) celebrated a jubilee Eucharist for hundreds of married couples, in Freising cathedral, yesterday: “Man and woman must be together” – Marx said –; laws may change, however that is the image God gave us”. During the sermon, the cardinal thanked the couples: “This God-given life has been made possible by the love of man and woman, that you have accepted and planned with your spouse”. In a marriage, there are “reconciliation, the new beginning, the shared endurance of pain and death, as well as joy together, the feasts, the birth of grandchildren”, many events that lead to a grateful attitude, Marx added. At the same time, Christians must be able to rely on God’s help, even in sickness, old age and weakness. Many couples that have been married 50 or 60 years attended the festive celebration: there were also a couple that had been joined in marriage for 74 years.

Siria: p. Girgies (Damasco), “cristiani a rischio scomparsa in Medio Oriente”. L’impegno della Custodia di Terra Santa in Siria

Agensir.it - Mon, 2017-10-09 14:38

“I cristiani in Medio Oriente non sono una minoranza: sono originari della Terra Santa e il rischio che scompaiano è molto alto”. A ribadirlo è padre Raimondo Girgies, francescano, superiore del Memoriale di San Paolo e vicario generale a Damasco, in questi giorni in Italia per visitare la mostra allestita nella chiesa di san Bernardino, a Crema, dedicata agli 800 anni della presenza francescana in Terra Santa. “Noi frati francescani – spiega al Sir il vicario – facciamo il possibile per sostenere i nostri fratelli: a Damasco siamo in tre conventi e stiamo per avviare un progetto che assicurerà un contributo economico a circa 500 famiglie e 200 studenti universitari. Ci occupiamo anche di 60 ragazzi al Catechismo, ai quali forniamo materiale scolastico e distribuiamo i regali a Natale”. Un altro fronte che vede impegnati i frati riguarda i malati: “Il cancro miete tante vittime a causa dell’aria avvelenata dalle bombe e al Memoriale San Paolo mettiamo gratuitamente a loro disposizione 30 stanze, ciascuna con quattro o cinque letti. In questo modo la presenza della Chiesa è forte e costante. Paghiamo le cure ospedaliere, gli affitti delle case e le utenze a 100 famiglie. In attesa che arrivi la pace”. “Quando la situazione sarà di totale tranquillità, la Custodia di Terra Santa avvierà diversi progetti a favore delle comunità cristiane in Siria. Il compito non mi riguarda solo come francescano, ma come siriano: lavoro per il mio Paese, conosco bene il mio popolo, lo amo e rimango per aiutarlo” conclude il francescano.

Caritas Piacenza: sabato 14 ottobre convegno sulla povertà. Sempre più persone senza beni primari

Agensir.it - Mon, 2017-10-09 14:04

Aumenta il numero di persone e di famiglie che devono rinunciare ai beni primari, a Piacenza. Il tasso di deprivazione materiale, che tiene conto anche della possibilità di fare un pasto adeguato almeno una volta ogni due giorni, dal 2008 al 2013 è raddoppiato, passando dall’8% al 16,4%. Il dato è contenuto nel quarto rapporto “La città in controluce: volti, legami, storie di povertà a Piacenza”, che sarà presentato, sabato 14 ottobre, al centro “Il Samaritano”, in occasione del convegno delle Caritas parrocchiali, aperto dal vescovo mons. Gianni Ambrosio. Ad anticipare la notizia è il settimanale diocesano “Il Nuovo Giornale”. In base al rischio di povertà, nel Piacentino le persone che vivono sotto questa soglia sarebbero tra le 27.200 prima della crisi e le 28.700 alla fine della crisi, passando dal 9,8% del 2008 al 10,1% del 2016. Quelle che risultano vivere in una situazione di deprivazione materiale invece sono aumentate da 22.200 a 47.000.

Incidenti sul lavoro: Acli, “si investa più sulla sicurezza, soprattutto verso i più anziani”

Agensir.it - Mon, 2017-10-09 13:45

“Si investa più sulla sicurezza, soprattutto verso i lavoratori più anziani”. È la richiesta delle Acli in occasione della Giornata nazionale per le vittime degli incidenti sul lavoro che, secondo le Acli, “rappresenta un invito a contrastare questo drammatico fenomeno, che non accenna a diminuire”. “Anzi – si legge in una nota – nei primi otto mesi del 2017, l’Inail ha registrato un aumento dell’1,3% delle denunce di infortunio. I dati peggiori li fa registrare il settore dell’industria e servizi, con un aumento di oltre il 9%”. Secondo Emiliano Manfredonia, presidente del Patronato Acli, “è possibile immaginare che l’aumento degli infortuni sia influenzato anche dal fatto che i datori di lavoro possano aver offerto ai propri lavoratori standard qualitativi più bassi in riferimento all’informazione e formazione sulla sicurezza”. Secondo le Acli, “una seconda possibile ragione di questi numeri in costante aumento potrebbe essere legata al sistema di adeguamento automatico dei requisiti previdenziali che allontana il traguardo per raggiungere la pensione”. “È facile immaginare – aggiunge Manfredonia – che un lavoratore destinato a mansioni gravose e pericolose sia maggiormente esposto al rischio di infortuni lavorativi a causa della riduzione delle capacità funzionali e il deterioramento delle condizioni di salute”. Secondo i dati dichiarati dall’Inail, prosegue la nota, “a fronte di un aumento generalizzato dell’1,3%, i lavoratori tra i 60 e 64 anni fanno registrare il numero più alto di denunce con un drammatico 7.7%”. “Come già suggerito da tempo dal Parlamento europeo nonché dall’Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro, in futuro – conclude il presidente del Patronato Acli – sarà sempre più necessario prevedere percorsi sulla sicurezza nei luoghi di lavoro rivolti ad una forza lavoro matura al fine di individuare e prestare assistenza nello sviluppo di politiche in questo settore”.

Papa Francesco: a patriarchi e arcivescovi maggiori, quello del Papa è un “primato diaconale”

Agensir.it - Mon, 2017-10-09 13:45

“Sono felice di essere con voi, padri e capi delle Chiese orientali cattoliche, per condividere gioie e dolori dei fedeli affidati alle vostre cure pastorali”. Queste le parole di saluto rivolte dal Papa ai patriarchi e agli arcivescovi maggiori, ricevuti oggi in udienza nell’ambito dell’assemblea plenaria della Congregazione per le Chiese orientali in corso dal 9 al 12 ottobre, nella ricorrenza del centenario dell’istituzione del dicastero.
“La sollecitudine per tutte le Chiese si manifesta anche attraverso la comunione gerarchica con il vescovo di Roma, successore di San Pietro”, ha proseguito Francesco: “Proprio l’essere vescovo di Roma è fondamento del ministero petrino, che è servizio di presidenza alla carità e nella carità”. “Sono convinto che si debba dare impulso e valorizzare nella Chiesa il nesso che lega la collegialità al primato petrino, per esercitare un ‘primato diaconale’, quello del Servus servorum Dei”, l’invito del Papa, che ha ricordato che “tra i compiti del Successore di Pietro, come fu per l’elezione dell’apostolo Mattia, vi è quello di assicurare buoni vescovi alle Chiese particolari sparse nel mondo”. “A voi e ai vostri Sinodi chiedo di collaborare a questo servizio così importante, per individuare uomini adatti a tale ministero”, ha concluso Francesco prima di lasciare la parola alle domande dei presenti. Il Papa visiterà il Pontificio Istituto orientale giovedì prossimo, 12 ottobre, alle ore 9, in piazza Santa Maria Maggiore, dove si svolge la plenaria.

Papa Francesco: riceve in udienza il presidente della Repubblica di Germania

Agensir.it - Mon, 2017-10-09 13:28

Il Papa ha ricevuto in udienza, nel palazzo apostolico vaticano, il presidente della Repubblica federale di Germania, Frank-Walter Steinmeier, il quale si è successivamente incontrato con il cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato vaticano, accompagnato da monsignor Paul Richard Gallagher, segretario per i Rapporti con gli Stati. “Durante i cordiali colloqui – si legge nel comunicato diffuso dalla Sala Stampa della Santa Sede – è stato espresso compiacimento per i buoni rapporti e la proficua collaborazione tra la Santa Sede e la Germania e fra la Chiesa e le Istituzioni del Paese. Apprezzamento è stato manifestato pure per il positivo dialogo interreligioso ed ecumenico, in particolare fra cattolici e protestanti nella ricorrenza del quinto centenario della riforma luterana”. Ci si è quindi soffermati “su alcune questioni di comune interesse, tra cui la situazione economica e religiosa in Europa e nel mondo, con particolare riferimento al fenomeno delle migrazioni e alla promozione di una cultura di accoglienza e di solidarietà”.

Minori stranieri: padre Baggio (Santa Sede), “emigrare oggi significa affrontare grandi sacrifici e i bambini sono quelli a pagare il prezzo più alto”

Agensir.it - Mon, 2017-10-09 13:25

“Molti minori sono transitati in territorio italiano per recarsi in altri Paesi europei ma di loro non si ha più traccia. È stata denunciata la scomparsa di 28mila minori stranieri al 31 dicembre 2016, il 45% in più rispetto all’anno precedente. Non si sa quanti siano finiti nelle mani della criminalità”. Lo ha detto, questa mattina, padre Fabio Baggio, sottosegretario della sezione migranti e rifugiati del Dicastero per il servizio dello sviluppo umano integrale, in occasione della presentazione nella sede romana dell’Università Cattolica del progetto “Resilienza assistita. Buone pratiche nazionali e internazionali d’accoglienza di minori non accompagnati”. Padre Baggio ha indicato “la particolare attenzione” di Papa Francesco nei confronti dei minori stranieri soli, ai quali ha dedicato il messaggio per la Giornata del migrante e del rifugiato di quest’anno, come aveva già fatto Benedetto XVI nel 2008. “Emigrare oggi significa affrontare grandi sacrifici e i bambini sono quelli a pagare il prezzo più alto, specialmente quando emigrano soli – ha spiegato il sottosegretario -. I fanciulli sono il gruppo più vulnerabile, quelli irregolari si devono nascondere e non godono di un accesso equo all’istruzione e alle cure mediche”. I rischi a cui vanno incontro molti adolescenti sono quelli di “essere avviati alla prostituzione, presi nel giro della pornografia, resi schiavi del lavoro minorile o arruolati come soldati”. “Nonostante le misure adottate da molteplici programmi nazionali, queste sfide sono complesse. Papa Francesco chiede di rispondere con tre verbi: proteggere, integrare e puntare a soluzioni durature”.

Minori stranieri: padre Baggio (Santa Sede), “assicurarsi che i ragazzi migranti siano sempre protetti da ogni forma di abuso”

Agensir.it - Mon, 2017-10-09 13:20

“La linea tra la migrazione e il traffico di esseri umani a volte può farsi molto sottile. È necessario avviare azioni comuni e coordinate nei Paesi di origine, di transito e di destinazione per assicurare che i minori migranti siano sempre protetti da ogni forma di abuso. Oltre allo scambio di informazioni, la cooperazione tra le organizzazioni e le istituzioni, sia religiose sia civili, deve declinarsi nella costruzione di reti transnazionali di protezione e assistenza”. Lo ha detto questa mattina padre Fabio Baggio, sottosegretario della sezione migranti e rifugiati del Dicastero per il servizio dello sviluppo umano integrale, in occasione della presentazione nella sede romana dell’Università Cattolica del progetto “Resilienza assistita. Buone pratiche nazionali e internazionali d’accoglienza di minori non accompagnati”. “Il Santo Padre si rammarica per la scarsità di politiche adeguate a livello globale per l’assistenza e l’inclusione di migranti minorenni – ha riferito il sottosegretario – e insiste sul dovere di risolvere e regolarizzare la loro protezione. Misure semplicistiche e decisioni affrettate possono, però, incrementare la fragilità dei minori di fronte ai subdoli inganni di criminali e trafficanti”. Per questo motivo, Papa Francesco auspica una collaborazione tra operatori e forze dell’ordine ma anche alleanze strategiche tra direttori dei centri e amministrazioni locali, “tese all’inclusione lavorativa e sociale degli assistiti”. Padre Baggio ha ribadito anche il “no” della Santa Sede a “forme di detenzione dei minori stranieri solo a motivo del loro status”.

Pena di morte: Ue e Consiglio d’Europa, “incompatibile con la dignità umana”. Moratoria mondiale

Agensir.it - Mon, 2017-10-09 13:14

“Ferma e inequivocabile” è l’“opposizione alla pena capitale, sempre e comunque” espressa da Federica Mogherini, Alto rappresentante dell’Unione europea per gli affari esteri e la politica di sicurezza, e Thorbjørn Jagland, segretario generale del Consiglio d’Europa, in una dichiarazione congiunta in occasione della Giornata internazionale contro la pena di morte. “Incompatibile con la dignità umana”, è un “atto disumano e degradante”, senza “alcun effetto deterrente accertato e rende irreversibili e fatali gli errori giudiziari”, si legge nel testo. Questa pratica è stata “messa al bando in tutti gli Stati membri dell’Ue e del Consiglio”, ad eccezione della Bielorussia, che nella dichiarazione è esortata a “introdurre una moratoria quale passo decisivo per l’avvicinamento del Paese alle norme giuridiche paneuropee”. Le due istituzioni rivolgono un “pressante appello” ai Paesi del mondo dove ancora è in vigore perché “istituiscano senza indugio una moratoria sulle esecuzioni” e “commutino le condanne a morte non eseguite in pene detentive”. Soddisfazione è espressa per “la tendenza globale verso l’abolizione della pena di morte”, in atto già nei due terzi di tutti i Paesi del mondo. E un impegno è ribadito: a sostenere nel contesto delle Nazioni Unite “la tendenza abolizionista nel mondo”, con “tutti i mezzi disponibili per combattere la tortura e le altre gravi violazioni dei diritti umani connesse all’imposizione e all’applicazione della pena di morte”.

Diocesi: Pescara-Penne, domani il card. Bassetti presiede le celebrazioni per il patrono Cetteo

Agensir.it - Mon, 2017-10-09 12:46

Sarà il card. Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Cei, a presiedere la celebrazione eucaristica per la solennità di san Cetteo, patrono della città di Pescara e dell’arcidiocesi. La solenne liturgia sarà celebrata alle 18 di domani, martedì 10 ottobre, nella cattedrale intitolata al santo vescovo. “Sono molto felice di poter accogliere il card. Bassetti nella nostra diocesi – afferma mons. Tommaso Valentinetti, arcivescovo di Pescara-Penne – per la prima volta a Pescara da quando è presidente della Cei e all’indomani del Consiglio permanente della Chiesa italiana, in cui il presidente stesso è intervenuto con importanti parole riguardo all’esigenza di operare uniti per ‘rammendare’ il tessuto sociale del Paese”. Per questo, nella sua breve permanenza a Pescara, Bassetti visiterà alcune opere-segno della Chiesa locale, incontrando gli ospiti e gli operatori del dormitorio e della mensa, nella “Cittadella dell’accoglienza”, i malati della Casa famiglia “il Samaritano” e i lungodegenti della Fondazione Paolo VI. “È senza dubbio un’occasione per ridire il nostro impegno all’accoglienza, al dialogo e il nostro sostegno alle povertà che ci circondano e che si fanno prossime al nostro territorio, siano esse materiali che spirituali”, osserva mons. Valentinetti. “La presenza del cardinale – conclude – ci sprona ad essere sempre di più tra la nostra gente, con la semplicità eloquente del Vangelo, e a rinnovare il servizio essenziale all’umanità ferita”.

Sciopero Ilva: Bentivogli (Fim Cisl), “l’adesione alla mobilitazione a Taranto, Genova, Novi Ligure è totale”

Agensir.it - Mon, 2017-10-09 12:28

“La giornata è iniziata in tutti gli stabilimenti Ilva, con la mobilitazione dei lavoratori, proclamata dalle organizzazioni sindacali a sostegno della trattativa. Dai primi dati l’adesione a Taranto, Genova, Novi Ligure è totale. I lavoratori hanno ben compreso che le basi su cui si articola il piano industriale vanno radicalmente modificate”. Lo sottolinea il segretario nazionale della Fim Cisl, Marco Bentivogli. “Continuiamo a ribadire, come in tutti questi anni, che è possibile modificare il piano affinché si rilanci la produzione dell’acciaio, si salvaguardi l’ambiente e si escludano licenziamenti”, aggiunge. “In questi anni troppo tempo perso e tante incertezze hanno pregiudicato le condizioni di partenza di questa trattativa. AMInvestCo deve sapere che queste sono le nostre condizioni per andare verso un’intesa su cui anche il Governo deve fare la sua parte in maniera attiva”, conclude.

Sciopero Ilva: arcivescovo di Taranto, “vicinanza ai lavoratori”. “La città, per troppo tempo divisa, faccia sentire la propria voce”

Agensir.it - Mon, 2017-10-09 12:18

“Vicino ai lavoratori”. L’arcivescovo di Taranto, mons. Filippo Santoro, ribadisce al Sir di essere accanto ai lavoratori di Ilva, oggi in sciopero dopo l’annuncio di migliaia di esuberi, più di 3000 solo a Taranto, da parte di AmInvestCo. “Sono preoccupanti le notizie che mi giungono in merito al passaggio di proprietà di Ilva, faccio mie le ansie dei lavoratori e della città tutta”, afferma. “Il momento richiede fermezza nel perseguire innanzitutto la salvaguardia del lavoro, della salute e dell’ambiente, così come abbiamo ripetuto ogni qual volta ne abbiamo avuto occasione – sottolinea Santoro -. Se da un lato le dichiarazioni dei ministri ci invitano alla fiducia, faccio mia la voce dei tarantini che non possono accontentarsi di rassicurazioni generiche: al Governo chiediamo impegni sottoscritti con le parti che garantiscano la piena occupazione e il rispetto dei diritti acquisiti degli operai. Attendiamo, pertanto, rassicurazioni ufficiali. Lo stesso dicasi per il calendario delle prescrizioni ambientali”. Per l’arcivescovo, infatti, “un solo giorno di ritardo nell’applicazione dell’Aia è un giorno in più di oltraggio all’ambiente, un giorno in meno di salute per i tarantini. Oggi ce lo ricorda il vento da Nord che li obbliga a restare in casa, a chiudere le finestre, ad aver paura di respirare. Non possiamo essere tranquilli”. Per questi motivi, precisa l’arcivescovo di Taranto, “esprimo la mia vicinanza ai lavoratori del siderurgico che hanno indetto per lunedì 9 lo sciopero. Taranto, per troppo tempo divisa, lacerata, deve trovare lo slancio per far sentire forte la propria voce in un momento così cruciale della sua storia”.

Minori stranieri: Baldassarre (assessore Roma Capitale), “qui c’è una grande azione quotidiana per l’accoglienza”

Agensir.it - Mon, 2017-10-09 12:08

“A Roma c’è una grande azione quotidiana per l’accoglienza. Vogliamo che sia sostenibile e diffusa su tutto il territorio”. Lo ha detto Laura Baldassarre, assessore alla Persona, scuola e comunità solidale di Roma Capitale, in occasione del convegno “Resilienza assistita. Buone pratiche nazionali e internazionali d’accoglienza di minori non accompagnati”, organizzato questa mattina nella sede dell’Università Cattolica. Sono 2.625 i minori stranieri soli presi in carico nel 2016 dal Comune di Roma. La maggior parte sono maschi (2.442) e provengono dall’Egitto. “In tutta Italia sono 245 le comunità che accolgono i minori presi in carico da Roma Capitale – ha spiegato Baldassarre -. Stiamo rivedendo il sistema alla luce della nuova legge. Ma rileviamo difficoltà nell’affidamento familiare dei minori, previsto e privilegiato dalla normativa”. L’assessore ha comunicato anche un aggiornamento sul numero dei tutor. “Più di 300 persone hanno aderito finora alla formazione come tutore volontario. È un buon dato. Abbiamo fatto un monitoraggio dell’azione finora realizzata e adesso stiamo riscrivendo il piano sociale cittadino. Vogliamo farlo avendo un’attenzione permanente su questo aspetto”. E, infine, un annuncio: “Creeremo dei forum dedicati ad accoglienza e inclusione per avviare un dialogo con istituzioni e associazioni per mettere a sistema le buone prassi diffuse sul territorio”.

Diocesi: Torino, il seminario apre le porte ai giovani e lancia nuove attività

Agensir.it - Mon, 2017-10-09 11:39

Il seminario maggiore di Torino, con l’avvio del nuovo anno pastorale, offre nuove occasioni di ritiro, riflessione e condivisione per i giovani. Ai ragazzi delle scuole superiori (14-19 anni) viene proposta l’iniziativa “Sulla tua Parola”, quattro serate di preghiera sul tema “Veniamo anche noi con te!” a partire dal 19 ottobre, dalle 19.30 alle 22.30. A quelli dai 19 anni in su, la comunità del seminario rivolge l’invito a partecipare alle veglie eucaristiche dal 9 novembre, tra le 20.45 e le 22. Tra le iniziative, di cui dà notizia il settimanale della diocesi di Torino “La Voce e il Tempo”, anche le tradizionali settimane comunitarie per i ragazzi, dai 14 ai 19 anni, che si terranno dal 19 al 24 novembre e dal 18 al 23 febbraio con momenti di preghiera e fraternità. Ancora novità in calendario come il cammino di introduzione alla vita spirituale “Passi verso l’incontro con Dio”, organizzato per i giovani, dai 19 anni in su, la domenica pomeriggio dal 29 ottobre, tra le 16,30 e le 19. Aperta a loro anche la lectio divina mensile della comunità del seminario, dal 26 ottobre.

Minori stranieri: mons. Feroci (Caritas Roma), “li vogliamo aiutare a risalire sulla barca della speranza”

Agensir.it - Mon, 2017-10-09 11:16

“Per noi è una grande opportunità per riflettere e impegnarci assieme sull’accoglienza dei minori soli”. Lo ha detto questa mattina mons. Enrico Feroci, direttore della Caritas di Roma, nella sede romana dell’Università Cattolica, durante la presentazione del progetto “Resilienza assistita. Buone pratiche nazionali e internazionali d’accoglienza di minori non accompagnati”, con il quale gli esperti dell’ateneo formeranno gli operatori della Caritas diocesana. Sono stati ottomila i minori soli accolti dal 1988 nei centri della Caritas di Roma “con ferite nel corpo e nell’anima”. Dopo aver ricordato don Luigi di Liegro, fondatore della Caritas di Roma di cui ricorre lunedì il 20esimo anniversario della morte, mons. Feroci ha sottolineato l’attenzione del Papa per i “minori abbandonati ai quali viene negato il diritto a una crescita sana. Sembra assurdo che una società al top come la nostra abbia smagliature così assurde”. La maggior parte degli ospiti delle strutture della Caritas proviene dall’Eritrea e dall’Africa subsahariana. “Negli ultimi mesi 43 di loro sono stati inseriti in un programma di rilocalizzazione, ma solo 10 hanno avuto la possibilità di lasciare Roma – ha raccontato Feroci – per raggiungere le mete che desideravano”. “Molti dei nostri operatori – ha aggiunto – di fronte a certi loro bisogni si rendono conto di essere impossibilitati ad agire. Abbiamo il dovere, quindi, di fornire loro delle capacità per potersi relazionare nel modo migliore con i minori. Vogliamo aiutare i ragazzi che accogliamo a risalire sulla barca della speranza per ricominciare il loro viaggio”.

Menù ad Accesso Rapido

Accesso rapido

La Parola
Ragazzi
Scie di Luce
Servizi La Stanza
Media
Cattolici  Protestanti  Ortodossi  Ecumenismo  Vita Quotidiana
  • ° Vita Pubblica
  • ° Lui & Lei
  • ° Matrimonio
  • ° Figli
  • ° Ricette
  • ° Viaggi


 Notizie