Feed aggregator

Papa Francesco: su Trump, “mai do un giudizio su una persona senza ascoltarla”

Agensir.it - Sat, 2017-05-13 21:50

“Io mai do un giudizio su una persona senza ascoltarla. Non devo farlo. Ascolterò, dirò quello che penso e lui quello che pensa, ma mai ho voluto dare un giudizio senza ascoltare prima la persona”. Così Papa Francesco rispondendo alla domanda di un giornalista sul volo di ritorno da Fatima, in merito al prossimo incontro con Trump (24 maggio, in Vaticano). “Sempre – ha aggiunto il Papa – ci sono porte che non restano chiuse, e allora è importante cercare le porte che siano almeno un po’ aperte, entrare in queste porte e parlare per andare avanti, passo dopo passo. La pace è artigianale, si fa ogni giorno, così anche l’amicizia tra le persone, la stima è artigianale, si fa tutti i giorni, il rispetto dell’altro, ascoltare e camminare insieme”. Alla domanda se il Papa spera che, dopo l’incontro, Trump ammorbidisca le sue politiche, questa la risposta di Francesco: “Questo è un calcolo politico che non mi permetto di fare, sul piano religioso non faccio proselitismo”.

Papa Francesco: “Fatima è un messaggio di pace portato all’umanità”

Agensir.it - Sat, 2017-05-13 21:45

“Fatima è un messaggio di pace portato all’umanità da tre grandi comunicatori che avevano meno di 13 anni. La canonizzazione dei pastorelli è stata una cosa che all’inizio non era pianificata, perché il processo sul miracolo procedeva lentamente, poi sono arrivate le perizie e per me è stata una grande felicità”. Così Papa Francesco rispondendo alla domanda di un giornalista sul volo di ritorno da Fatima, al termine del pellegrinaggio in occasione del centenario delle Apparizioni della Beata Vergine Maria alla Cova da Iria.

“Il mondo – ha aggiunto il Papa – può sperare la pace. E con tutti io parlerò di pace. Prima di imbarcarmi sul volo da Roma ho ricevuto degli scienziati di varie religioni che partecipavano a un convegno all’osservatorio vaticano. Un ateo, senza dirmi da che Paese veniva, mi ha salutato così: ‘Io sono ateo! Le chiedo un favore: dica ai cristiani che amino di più i musulmani’. Questo è un messaggio di pace!”.

Stott, dalla chiesa agli ultimi tempi

Evangelici.net - Sat, 2017-05-13 19:35
FIRENZE - Prosegue la pubblicazione delle Guide allo studio di John Stott a cura di BE edizioni: alla nutrita serie già disponibile si aggiungono ora due volumi, "Efesini. Edificare una comunità in Cristo" e "1 e 2 Tessalonicesi. Vivere negli ultimi tempi".

Migranti: Caritas Sorrento-Castellammare, oggi corteo per dire che siamo “Tutti sulla stessa barca”

Agensir.it - Sat, 2017-05-13 19:30

Centinaia di giovani hanno partecipato oggi a Castellammare di Stabia al corteo, promosso dalla Caritas dall’Hotel Miramare fino al Teatro Supercinema,  per mostrare quanto sia bello accogliere. La Caritas diocesana di Sorrento-Castellammare di Stabia, infatti, ogni anno, nell’ambito dell’area mondialità, propone degli incontri di sensibilizzazione ai ragazzi e giovani delle scuole superiori della diocesi, su temi come la povertà e la fame nel mondo e le loro cause; le tante guerre dimenticate, i diritti umani calpestati, l’inquinamento. Quest’anno il tema proposto è stato l’accoglienza e l’integrazione degli immigrati, in un progetto intitolato “Tutti sulla stessa barca”.
“Uno slogan molto importante – spiega don Mimmo Leonetti, direttore della Caritas diocesana –, perché di fronte alle difficoltà dell’accoglienza ci sono tantissime persone che desiderano accogliere. Siamo tutti sulla stessa barca perché le speranze e le tensioni verso la vita sono uguali per tutti. Tutti insieme dobbiamo lottare per la sopravvivenza umana e sopravvivenza civile”. Ad aprire oggi il corteo mons. Francesco Alfano , arcivescovo di Sorrento-Castellammare di Stabia, mons. Giovanni Ricchiuti, arcivescovo di Altamura-Gravina-Acquaviva delle Fonti e presidente di Pax Christi Italia, il sindaco di Castellammare di Stabia, Antonio Pannullo. “La diocesi è in cammino da tempo sensibilizzando tutte le comunità parrocchiali – afferma mons. Alfano – attraverso opere-segno per accogliere, abbracciare e soprattutto integrare chi bussa alla porta dei nostri paesi. Il corteo si situa davvero nel cuore del nostro percorso perché coinvolge gli studenti mostrando che possiamo camminare insieme oltre ogni steccato”. Per il presule, “il corteo organizzato dalla Caritas diocesana ha mirato a risvegliare la città e per aprire le porte dei nostri centri, grandi e piccoli, ai bisogni di chi è nella prova ed è costretto a fuggire”.

Diocesi: Assisi, domani iniziative per la festa della mamma. Al via programma per inaugurazione santuario della Spogliazione

Agensir.it - Sat, 2017-05-13 19:17

Anche la diocesi di Assisi–Nocera Umbra–Gualdo Tadino celebra la festa della mamma attraverso diverse iniziative: la messa on line di una delle ultime interviste fatte al fondatore della festa, il parroco di Tordibetto, don Otello Migliosi nel 1992; la Messa presieduta dal vescovo, mons. Domenico Sorrentino, domani, alle ore 10, a Tordibetto, e la conversazione che ci sarà alle ore 21 in Vescovado e che rientra nel programma della settimana della Spogliazione che si aprirà ufficialmente con la celebrazione eucaristica nel santuario alle ore 11 presieduta da padre Matteo Siro, ministro provinciale dei Frati minori cappuccini e animata dai Cantori di Assisi. “Non potevamo non tenere in considerazione questa ricorrenza – spiega mons. Sorrentino – soprattutto perché sono sessant’anni da quando don Otello ebbe l’intuizione di valorizzare la figura femminile nel suo ruolo di mamma. Oggi siamo alla deriva. Per don Otello far festa alla mamma era chiamare in gioco l’intera famiglia. La mamma è la mamma! Intorno a lei la famiglia si ricompone. E la famiglia non è un qualcosa di marginale. È fondamento e nucleo della società, altrettanto della Chiesa. Ecco perché domani rifletteremo sulla figura di mamma Pica e di madre Chiesa rispetto al gesto clamoroso della spogliazione di Francesco”.
La conversazione sarà anche l’occasione per conoscere gli aspetti di studio della reliquia del mantello del vescovo Guido che coprì San Francesco. Interverranno: padre Francesco De Lazzari, rettore della chiesa Nuova, la restauratrice Maria Giorgi, il critico d’arte Elvio Lunghi, la psicologa Rosaria Gavina, il collaboratore della Pro Civitate Christiana Mauro Iuston, Patrizia Picasso del Museo diocesano di San Rufino e l’Anonima Frottolisti che eseguirà alcuni intermezzi musicali. Per quanto riguarda la reliquia sarà portata in processione solenne con la partecipazione di tutte le Confraternite e del Gonfalone del Comune di Assisi domenica pomeriggio dalla basilica di Santa Chiara (ore 16,30) fino al nuovo santuario dove rimarrà esposta per tutta la settimana. Alle 17,30 è prevista la presentazione dell’Istituto Serafico, opera-segno per eccellenza della diocesi e alle 18 il dialogo, moderato da don Tonio Dell’Olio, tra mons. Matteo Maria Zuppi, arcivescovo di Bologna, e il sindaco di Assisi, Stefania Proietti. Info: www.diocesiassisi.it.

Diocesi: Pescara-Penne, lunedì un incontro su “Il lavoro che vogliamo: libero, creativo, partecipativo e solidale”

Agensir.it - Sat, 2017-05-13 19:02

“La settimana sociale di Cagliari: denunce, buone pratiche e proposte”. Questo il titolo del secondo incontro del progetto di formazione “Il lavoro che vogliamo: libero, creativo, partecipativo e solidale” sostenuto dall’arcidiocesi di Pescara-Penne in preparazione alla Settimana sociale di Cagliari 2017. Al salone della parrocchia Spirito Santo, in Pescara, lunedì 15 maggio, alle 20.45, interverrà mons. Filippo Santoro, arcivescovo di Taranto e presidente del Comitato scientifico delle Settimane sociali. “Il nostro contributo e la nostra esperienza – afferma padre Aldo D’Ottavio, responsabile della pastorale sociale e del lavoro dell’arcidiocesi di Pescara-Penne – sono importanti per il tavolo di discussione nazionale. Ci ritroveremo a Cagliari dal 26 al 29 ottobre e la novità di quest’anno è che il momento a cui aderiranno i rappresentanti di ogni diocesi d’Italia sia il più partecipativo possibile”.
L’appuntamento pescarese, aperto a tutti, allora, sarà un’occasione per entrare nel vivo della 48ª Settimana sociale e per “far emergere – conclude padre D’Ottavio – le situazioni di crisi del territorio, insieme alle eventuali buone pratiche, perché l’analisi identifichi i problemi, ma racconti anche la trasformazione di cooperazione”.

Diocesi: Reggio Calabria-Bova, al via la quinta edizione del progetto formativo “Chiese aperte”

Agensir.it - Sat, 2017-05-13 18:54

L’arcidiocesi di Reggio Calabria-Bova, attraverso l’Ufficio beni culturali, promuove dal 2013 il progetto “Chiese aperte”, rivolto a volontari associati “impegnati in iniziative di custodia, tutela e valorizzazione degli edifici di culto di rilevante interesse storico”. Giunto alla sua quinta edizione, l’intervento, finanziato con il contributo 8×1000 alla Chiesa cattolica e attuato dall’associazione di volontariato Did.Ar.T. Didattica arte territorio, nel 2017 è dedicato al tema “La Bellezza narrata: itinerari di arte e fede a Reggio Calabria”. Le emergenze architettoniche e storico-artistiche coinvolte sono site – spiega una nota diocesana – nel centro storico e nelle sue immediate adiacenze: in particolare, le chiese degli Ottimati, del Carmine, del Santo Cristo o dell’Arciconfraternita dei Bianchi, della Madonna dei Poveri al Trabocchetto (detta chiesa di Pepe), di San Pietro al Calopinace, della Graziella, di Sant’Antonio ad Archi, cui si aggiungono, costituendone un sito di eccellenza, le rovine della chiesa medievale di San Giovanni extra muros (sec. XII) presso via Giudecca.
Il progetto Chiese aperte 2017 prevede lo svolgimento di un corso di formazione rivolto a quanti, volontari e indipendentemente dalle parrocchie di provenienza, “siano interessati ad acquisire le competenze necessarie per contribuire a vario titolo a iniziative di promozione e valorizzazione del patrimonio culturale ecclesiastico diocesano”. Il corso si svolgerà dal 26 maggio al 1° luglio, articolandosi in due incontri settimanali (venerdì pomeriggio e sabato), dei quali alcuni nei siti di interesse A fine progetto è previsto il rilascio di un attestato di partecipazione. Info e iscrizioni: www.reggiocalabria.chiesacattolica.it) o contattando l’associazione Did.Ar.T. tel. 3891968047.

Disagio: Anteas, al via la fase finale del progetto “Antenne sociali”

Agensir.it - Sat, 2017-05-13 18:42

Generare esperienze di cittadinanza attiva contro il disagio e le solitudini. Questo è l’obiettivo del progetto “Antenne sociali” promosso da Anteas (Associazione nazionale tutte le età attive per la solidarietà) in collaborazione con Fitus (Federazione italiana per il turismo sociale), con il supporto delle Anteas regionali e dei livelli di maggiore prossimità, corrispondenti a un territorio più circoscritto, come paese, cittadina, quartiere. “Pensiamo che una comunità non possa restare a guardare senza riuscire a vedere tante persone e famiglie che in quanto sole finiscono per essere invisibili agli occhi di tutti”, dice Sofia Rosso, presidente nazionale di Anteas, spiegando il significato di “Antenne sociali” giunto alla fase finale.
Il progetto vedrà 18 momenti d’incontro per la restituzione dei risultati in altrettanti territori. Si comincia oggi a Campolongo Maggiore (Veneto) e si conclude il 19 giugno a Guspini (Sardegna). Mentre, l’evento nazionale di chiusura si svolgerà a Roma il 21 giugno. “Insieme possiamo sperimentare nuove possibilità per fronteggiare vecchi e nuovi rischi sociali connessi alle solitudini, di anziani, di famiglie fragili e anche di giovani che si rinchiudono nelle loro case – ha proseguito la presidente -. Costruire ‘Antenne sociali’ capaci di intercettare le solitudini e le fragilità sociali è una grande sfida per costruire una alternativa credibile e sostenibile. Vogliamo realizzare una rete diffusa tra tutti i soggetti della comunità: dagli operatori sociali del comune ai commercianti, dalle parrocchie alle associazioni di volontariato, dalle persone singole a quelle che fanno parte delle associazioni, dalle imprese al sindacato”.
Antenne Sociali fa “crescere le capacità di captare i segnali delle fragilità”, ha sottolineato Rosso, nonché “stimola a lavorare sulla qualità delle relazioni con i soggetti più fragili, offrendo loro ascolto attivo, oltre che, concrete prestazioni di servizio”, favorendo al tempo stesso “un lavoro di rete più strutturato e continuativo, chiamando in causa soggetti già presenti in un dato territorio per sperimentare insieme protocolli di azione comune”. Info: www.anteasnazionale.it

Festa dell’Europa: mons. Perego (Migrantes), “muri dentro e fuori ritornano e la libertà di partire e di restare sembra oggi un diritto non esigibile”

Agensir.it - Sat, 2017-05-13 18:30

La storia di questi ultimi cinquant’anni della Chiesa in Europa è stata “certamente storia di solidarietà: impegno per la cooperazione, per il condono del debito estero dei Paesi più poveri, micro-progetti più che grandi progetti, iniziative diocesane, campagne nazionali, fondazioni internazionali, obiezione di coscienza alle armi e impegno per la pace, sviluppo di modelli di cooperazione e di autonomia, l’attenzione ai nuovi migranti dopo la caduta del muro di Berlino nel 1989, progetti e iniziative ecumeniche come i recenti corridoi umanitari per tutelare i richiedenti asilo sono alcuni dei segni concreti di una solidarietà della Chiesa in Europa”. A dirlo, questo pomeriggio, mons. Gian Carlo Perego, direttore generale della Fondazione Migrantes e arcivescovo di Ferrara-Comacchio, intervenendo, insieme all’economista Stefano Zamagni, a un incontro sulla solidarietà all’annuale Festa dell’Europa in corso a Trento con al centro il tema “Siamo Europa”.
Per mons. Perego, occorre anzitutto “valorizzare” e “non depredare le risorse dei Paesi più poveri”; “sostenere lo sviluppo economico interno ai Paesi più poveri, favorendo la produzione propria”, “distribuire con massima efficacia ed equità le risorse”. Lo sguardo del presule è quindi andato alle migrazioni dei popoli “che nascono anche da mancati impegni dell’Europa in ordine alla pace, alla giustizia sociale, alla cooperazione, dal potere crescente delle multinazionali sulle terre, dallo sfruttamento delle risorse senza condivisione, da nazionalismi, protezionismi e populismi che rischiano di ricostruire i muri abbattuti, sono il segno più concreto e evidente del tradimento del principio della solidarietà”. A giudizio di Perego “sembra mancare oggi un ‘progetto europeo’ che trovi nella solidarietà il suo punto di forza per dare futuro al nostro Continente. Anche la destrutturazione degli istituti di solidarietà, frutto dei movimenti sociali e storicamente garantiti nei Paesi europei, rischia di indebolire l’accesso ai diritti sociali. E senza solidarietà si muore, perché vengono a mancare la vita (il tasso di mortalità nei 28 Paesi europei è superiore al tasso di natalità), le relazioni, i legami, lo scambio, che sono le fondamenta per avere un avvenire di dialogo sociale e di pace, di sviluppo”. “Muri dentro e fuori ritornano e la libertà di partire e la libertà di restare sembra oggi un diritto non esigibile”. Il direttore di Migrantes ha concluso “guardando al Mediterraneo e a come quel Mare confine d’Europa sia oggi il segno di una solidarietà ancora ferita dalle troppe morti e dal tentativo di indebolire l’azione congiunta di istituzioni e società civile nel salvare migranti in mare”.

Diocesi: Oria, domani la Festa della famiglia a Villa Castelli

Agensir.it - Sat, 2017-05-13 18:10

Domani, domenica 14 maggio, a partire dalle ore 16, a Villa Castelli (Br) si terrà la Festa della famiglia, promossa dall’Ufficio per la pastorale familiare della diocesi di Oria. L’appuntamento conclude l’itinerario, iniziato nello scorso mese di novembre, del VII seminario di pastorale familiare, quest’anno dedicato al tema “L’Amoris Laetitia e il rinnovamento della pastorale familiare”, costituito da otto incontri tenuti nei vari comuni della diocesi oritana.
Nella chiesa vecchia di Villa Castelli – sita alle spalle del Municipio – si svolgeranno i vari momenti dell’atteso evento diocesano, un pomeriggio all’insegna della condivisione e della festa con la presenza del vescovo Vincenzo Pisanello. Si rifletterà in merito a “Famiglia, riflesso dell’amore divino” e sarà inoltre visitabile una mostra che presenterà i contributi provenienti dai gruppi di famiglie delle varie comunità parrocchiali della diocesi elaborati sul tema cardine del seminario svoltosi nell’anno pastorale in corso. Alle ore 19 la Festa della Famiglia proseguirà con il concerto dei “Mienmiuaif”, la wedding band conosciuta come “il duo con l’anello” composta dai giovani coniugi Giuseppe Signorin e Anita Baldisserotto.

Diocesi: Napoli, lunedì la cerimonia conclusiva della quinta campagna di sensibilizzazione sulla sicurezza stradale, “‘A Maronna t’accumpagna…ma chi guida sei tu!”

Agensir.it - Sat, 2017-05-13 17:51

Lunedì 15 maggio, alle ore 10, a Napoli, presso il Museo diocesano in Largo Donnaregina, si terrà la cerimonia conclusiva della quinta campagna di sensibilizzazione sulla sicurezza stradale, “‘A Maronna t’accumpagna…ma chi guida sei tu!”, realizzata dall’Aci e dalla diocesi di Napoli, con l’adesione del Papa e del presidente della Repubblica. Lo ricrda, oggi, una nota della diocesi di Napoli. Nel corso della manifestazione saranno premiati i ragazzi vincitori del concorso abbinato alla campagna, con le rispettive parrocchie e scuole, nonché gli appartenenti alle forze dell’ordine che si sono resi protagonisti di meritorie attività a tutela della mobilità e della sicurezza stradale. Interverranno il card. Crescenzio Sepe, arcivescovo metropolita di Napoli, il presidente dell’Anac Raffaele Cantone, il sottosegretario di Stato Antimo Cesaro, il direttore nazionale del Servizio di Polizia stradale Giuseppe Bisogno, il coordinatore della struttura tecnica per l’indirizzo strategico e lo sviluppo del Ministero dei Trasporti, Ennio Cascetta, il presidente nazionale dell’Aci, Angelo Sticchi Damiani, il procuratore generale di Napoli, il presidente dei Seminari giuridici dell’Aci Napoli, Luigi Riello, e il presidente dell’Automobile Club Napoli, Antonio Coppola. Sono previste testimonianze dell’attore di Made in Sud Mino Abbacuccio e della Società Sportiva Calcio Napoli. La manifestazione sarà condotta dall’attrice Veronica Mazza.

Diocesi: Terni-Narni-Amelia, domani una giornata di approfondimento sul cyberbullismo

Agensir.it - Sat, 2017-05-13 17:30

Il servizio di Pastorale diovanile diocesana di Terni-Narni-Amelia e l’Anspi – associazione di oratori e circoli, organizzano, in collaborazione con gli uffici Scuola, Catechesi, Famiglia e Comunicazioni sociali della diocesi, una giornata di approfondimento sull’attuale e urgente tema del cyberbullismo. Il convegno si terrà domani, domenica 14 maggio, alle ore 16.30 al Museo diocesano di Terni. L’incontro è rivolto a famiglie, sacerdoti, educatori, insegnanti, animatori, operatori pastorali, al quale interverranno per analizzare il fenomeno in vari aspetti e ambiti educativi i rappresentanti della Polizia postale, Ivano Zoppi presidente di Pepita onlus, associazione impegnata da anni in progetti di sensibilizzazione sulla tematica del cyberbullismo nelle scuole, Marco Moschini, docente dell’Università degli Studi di Perugia, Elisabetta Lomoro, direttrice dell’Ufficio comunicazioni sociali della diocesi di Terni-Narni-Amelia. Contemporaneamente, presso l’oratorio San Gabriele della cattedrale di Terni, si svolgerà un laboratorio “Io clicco positivo” di informazione e prevenzione al fenomeno del cyberbullismo rivolto ad animatori junior e curato dai formatori di Pepita onlus.

Teologia e immigrazione: Acli Vicenza, serata su “Il dono della libertà (Libro dell’Esodo), riflessioni sul popolo ebraico”

Agensir.it - Sat, 2017-05-13 17:17

“Il dono della libertà (Libro dell’Esodo), riflessioni sul popolo ebraico”: è il titolo di un incontro pubblico che si terrà martedì 16 maggio alle 20.30 alla parrocchia di San Giuseppe (Maddalene), in Strada Maddalene a Vicenza, promosso da Acli, Fap Acli della provincia di Vicenza, in collaborazione con il Punto Famiglia e il Coordinamento dei circoli Acli della Città di Vicenza. Relatore della serata di approfondimento, che apre la trilogia di incontri “Teologia e immigrazione”, sarà Ferruccio Mercante. L’incontro, sostengono i promotori, “fa parte di una ricca stagione formativa di diciotto appuntamenti, in corso nella provincia berica fino a giugno 2017”. “Le Acli e la Fap Acli della provincia di Vicenza, in collaborazione con il Punto Famiglia ed i Circoli Acli – commenta il presidente provinciale delle Acli di Vicenza, Carlo Cavedon – propongono un programma di incontri rivolti ai soci e alla comunità su temi di interesse generale. Il nucleo centrale, dal quale si origina la summa delle tematiche presentate, è costituito dalla Laudato si’ di Papa Francesco, che opera una riflessione su un’ecologia integrale e, come tale, provocante la coscienza dei popoli e ogni aspetto del vivere umano”. Nel corso della serata il relatore “spiegherà come Gesù Cristo ha condotto la Chiesa al Concilio Vaticano II e a Papa Francesco e si interrogherà sulle sfide che abbiamo di fronte”. Sempre nella Parrocchia di San Giuseppe (Maddalene), la rassegna proseguirà con altre due serate, il 25 maggio e il 20 giugno. Per informazioni visitare il sito www.aclivicenza.it.

Libri: Roma, mercoledì 17 maggio all’Ospedale Bambino Gesù si presenta “Io e il Papu”

Agensir.it - Sat, 2017-05-13 17:08

Mercoledì 17 maggio, alle ore 11, presso l’Ospedale pediatrico Bambino Gesù (piazza Sant’Onofrio, 4 – Roma), sarà presentato il libro “Io e il Papu” dell’autore Luigi Garlando. “Il racconto dell’amicizia tra un uomo speciale, ispirato a Papa Francesco, e un bambino che per ricominciare a vivere ha bisogno di lui”, si legge in una nota. Interverranno padre Antonio Spadaro, direttore de La Civiltà Cattolica; Mariella Enoc, presidente dell’Ospedale pediatrico Bambino Gesù; Luigi Garlando, caporedattore della “Gazzetta dello Sport” e autore del libro edito da Rizzoli. L’incontro sarà moderato da Saverio Simonelli, giornalista e scrittore.

Solidarietà: frati Sacro Convento Assisi, ritorna per il quindicesimo anno consecutivo “Con il Cuore, nel nome di Francesco”

Agensir.it - Sat, 2017-05-13 17:00

Ritorna per il quindicesimo anno consecutivo “Con il Cuore, nel nome di Francesco”, la serata di solidarietà dei frati di Assisi, condotta da Carlo Conti e trasmessa in diretta su Rai1, che aiuta e sostiene chi soffre e chi si trova in difficoltà. Sabato 10 giugno in prima serata, dalla piazza inferiore della basilica di san Francesco, si alterneranno sul palco artisti della musica italiana e testimoni di solidarietà e fraternità. Ogni anno i frati del Sacro Convento di Assisi organizzano una maratona di beneficenza per aiutare il prossimo per un’umanità più solidale.
Da lunedì 15 maggio sarà possibile prenotare i biglietti per poter assistere all’evento di musica, cultura e spiritualità chiamando il numero 075/812238 nei giorni feriali, dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 17. Info: www.conilcuore.info

Papa Francesco a Fatima: dopo partenza, telegramma al presidente portoghese per ringraziare per “la calda accoglienza e l’ospitalità”

Agensir.it - Sat, 2017-05-13 16:59

Papa Francesco è ripartito dal Portogallo alle 15,50 locali, 16,50 in Italia. Precedentemente, lasciata la Casa “Nossa Senhora do Carmo” di Fátima, il Santo Padre si è trasferito in auto alla Base aerea di Monte Real per la cerimonia di congedo dal Portogallo. Al suo arrivo, il Papa è stato accolto dal presidente della Repubblica, Marcelo Nuno Duarte Rebelo de Sousa, nell’edificio della Torre di Controllo. Alla cerimonia di congedo erano presenti circa 700 fedeli. Francesco è salito a bordo di un A320/TAP che è decollato alle ore 15.50 per rientrare in Italia. L’atterraggio a Roma-Ciampino è previsto per le ore 19.45. Subito dopo la partenza in aereo da Monte Real, Papa Francesco ha fatto pervenire al presidente della Repubblica del Portogallo nel quale ha espresso la sua “profonda gratitudine” allo stesso presidente e a tutto l’amato popolo portoghese “per la calda accoglienza e l’ospitalità”. Dopo aver assicurato la sua “preghiera”, il Pontefice ha invocato sulla Nazione “benedizioni divine di pace e gioia”.

Benedetto XVI: Napoli, martedì 16 mattinata di studio alla Pftim per i 90 anni del Papa emerito

Agensir.it - Sat, 2017-05-13 16:57

La sezione san Tommaso d’Aquino della Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia meridionale (Pftim), a Napoli, ospiterà martedì 16 maggio una mattinata di studio dedicata a Benedetto XVI, in occasione dei 90 anni del Papa emerito, che proprio in questa sede, da cardinale, inaugurò l’anno accademico 1994/95. Il convegno, che si svolge a un mese esatto dal compimento dei 90 anni da parte di Benedetto XVI, “sarà un’occasione – si legge in una nota – per riflettere sull’opera teologica e sul magistero di uno dei maggiori teologi del Novecento”. Nel corso della mattinata, con inizio alle 11, sarà presentato il volume “Joseph Ratzinger Benedetto XVI – Immagini di una vita” (Edizioni San Paolo), scritto dai giornalisti Maria Giuseppina Buonanno e Luca Caruso. Moderati da Giuseppe Falanga, docente e direttore delle pubblicazioni della Pontificia Facoltà Teologica, dopo l’introduzione ai lavori del vicepreside, Gaetano Di Palma, interverranno monsignor Gennaro Acampa, vescovo ausiliare di Napoli, Luca Caruso, responsabile dell’ufficio stampa della Fondazione Vaticana “Joseph Ratzinger-Benedetto XVI”, e Antonio Ascione, docente e segretario generale della Facoltà Teologica. Il volume, in 9 capitoli accompagnati da 120 fotografie, alcune delle quali inedite, ripercorre le principali tappe della vicenda umana e spirituale di questo “umile lavoratore nella vigna del Signore” restituendo – conclude la nota – “tutta la ricchezza umana, teologica e pastorale di Joseph Ratzinger-Benedetto XVI”.

Riforma Terzo settore: Rosso (Anteas), “c’è bisogno di maggior confronto e di un approfondimento dei decreti attuativi”

Agensir.it - Sat, 2017-05-13 16:51

“La riforma interessa tutte le realtà di volontariato, coinvolgendo circa 300mila organizzazioni per un milione di lavoratori e 5 milioni di volontari. Numeri significativi che danno il peso e il senso di quanto sia strategico questo settore in Italia”, ha detto Sofia Rosso, presidente Anteas nazionale, commentando l’approvazione ieri dei decreti attuativi della delega sulla riforma del Terzo settore, da parte del Consiglio dei ministri.  “Una riforma però che necessita di un maggior confronto – ha proseguito Sofia Rosso -. Del resto, questo principio di esercizio democratico della partecipazione ai processi decisionali è stato più volte posto all’attenzione del governo”.
“L’auspicio, a questo punto è quello d’invitare il Parlamento a verificare l’ipotesi di una proroga per un maggiore approfondimento dei decreti attuativi al fine di arrivare ad una stesura largamente condivisa”, ha affermato Rosso, aggiungendo che “Anteas nazionale intende porre l’accento sulla necessità di omogeneizzare le norme relative al volontariato e alla promozione sociale, così come dichiarato nel testo della legge di riforma”.

Comunicazioni sociali: Padula (Aiart), Settimana e Festival “occasione per celebrare un mondo complesso e affascinante”

Agensir.it - Sat, 2017-05-13 16:41

“La Settimana della Comunicazione e il Festival sono un’occasione per celebrare un mondo complesso e affascinante”. Lo scrive in una nota Massimiliano Padula, presidente dell’associazione di telespettatori e cittadini mediali Aiart, a proposito dei due eventi promossi da Paoline e Paolini per dare maggiore risalto al tema del Messaggio papale per la Giornata mondiale delle comunicazioni sociali (28 maggio): “Comunicare speranza e fiducia nel nostro tempo”. Padula interverrà il 24 maggio al Festival di Cesena (in programma dal 19 al 29 maggio, è organizzato da Corriere Cesenate e Ufficio diocesano per le comunicazioni sociali) alla tavola rotonda “Web e navigazione senza pericoli. Binomio possibile?”. Per il presidente dell’Aiart occorre “uno sguardo sempre più attento al nuovo panorama mediale, costante presenza nel dibattito e nello scenario pubblico e un coinvolgimento maggiore di tutte le realtà regionali”. L’Aiart, spiega, “vuole accompagnare l’attività di tutela degli utenti con un progetto integrato di formazione a una ‘medialità consapevole’, a un’espressione e a una narrazione sui media che rispetti la dignità della persona, esalti il bello, il vero, il giusto. La sfida è complessa (alcuni sostengono, forse a ragione, impossibile da vincere) ma noi vogliamo provarci”. Anzitutto attraverso “uno stile e un linguaggio inclini al confronto e poi mediante strumenti concreti”. Le “pagine del bimestrale ‘Il Telespettatore’ – prosegue – ne sono un esempio: da qualche mese, cerca di essere ancora di più un piccolo luogo di confronto a 360°, sbilanciato sulle specificità di un’associazione di cittadini mediali. Mentre ‘La Parabola’ l’abbiamo trasformata in una collana edita da un editore nazionale e il primo volume sarà ispirato a un importante anniversario: i 50 anni del primo evento trasmesso in mondovisione”. “Proveremo – conclude Padula – ad analizzare come è cambiata la visione in questi ultimi cinque decenni definendo il concetto di ‘endovisione’: ovvero il passaggio da una visione sempre meno mondiale e generalizzata a una dimensione sempre più personale e riflesso della nostra coscienza”.

Scienza e fede: Roma, mercoledì 17 incontro su “Animali fantastici e macchine futuribili ci parlano del divino?” con mons. Lorizio

Agensir.it - Sat, 2017-05-13 16:26

Sarà dedicato al tema “Animali fantastici e macchine futuribili ci parlano del divino?” l’incontro che si terrà mercoledì 17 maggio, alle 17, presso il Bibliocaffè letterario di via Ostiense 95, a Roma. Relatore sarà mons. Giuseppe Lorizio, professore ordinario di Teologia fondamentale all’Università Lateranense e coautore del testo “La teologia tra scienza e fantascienza”. L’obiettivo dell’iniziativa, inserita nel ciclo di “Incontri di riflessione su uomini, animali e macchine” promosso da Sefir (Scienza e fede sull’interpretazione del reale), è quello di “riflettere sugli abbondanti riferimenti alle ‘cose ultime’ presenti nella fantascienza, nel genere fantasy”. “Attraverso esempi presi da alcuni film che ormai possiamo ritenere ‘classici’, come la trilogia di ‘Matrix’, ‘Avatar’ e ‘Dio esiste e vive a Bruxelles’ nonché da alcune serie televisive, quali ‘Star wars’ e ‘West world’ – si legge in una nota – ci si interrogherà sul modo di raccontare la creazione, con riferimento a demiurghi più o meno pasticcioni e alla redenzione, spesso attuata da un ‘eletto’, dove non mancano certo i riferimenti spesso impliciti alla rivelazione ebraico-cristiana, senza prescindere da ricorsi a forme neo-pagane o neo-gnostiche della religiosità postmoderna”. “Si tratta di una sorta di cripto-teologia, che – conclude la nota – va riconosciuta, quindi letta e interpretata e alla cui decifrazione la teologia può offrire un contributo non marginale, ma necessario perché la ricezione di tali contenuti non sia ingenua e superficiale, ma il più possibile profonda e critica”.

Menù ad Accesso Rapido

Accesso rapido

La Parola
Ragazzi
Scie di Luce
Servizi La Stanza
Media
Cattolici  Protestanti  Ortodossi  Ecumenismo  Vita Quotidiana
  • ° Vita Pubblica
  • ° Lui & Lei
  • ° Matrimonio
  • ° Figli
  • ° Ricette
  • ° Viaggi


 Notizie