Feed aggregator

Giornata raccolta farmaco: sabato aderisce anche l’Unitalsi per “un gesto di vera misericordia”

Agensir.it - Tue, 2017-02-07 19:33

Sabato prossimo “anche l’Unitalsi aderirà alla XVII Giornata di raccolta del farmaco (Grf) grazie alla quale sarà possibile acquistare uno o più medicinali da banco da donare ai poveri, assistiti dai volontari di Banco farmaceutico. Un gesto di vera misericordia”, dichiara Antonio Diella, presidente nazionale Unitalsi in merito alla XVII Giornata di raccolta del farmaco che si svolgerà l’11 febbraio in tutta Italia. In 101 province, nelle oltre 3.600 farmacie che aderiscono all’iniziativa e ne espongono la locandina, sarà possibile acquistare uno o più medicinali da banco da donare ai poveri, assistiti dai volontari di Banco farmaceutico (anche quest’anno sono più di 14mila). I farmaci acquistati saranno consegnati direttamente agli oltre 1.600 enti assistenziali convenzionati – tra i quali Unitalsi – con la Fondazione Banco farmaceutico onlus. La Giornata, aggiunge Diella, “assume un valore particolare perché proprio l’11 febbraio ricorre la Giornata mondiale del malato”. Oggi, aggiunge, “sempre più italiani hanno difficoltà ad accedere alla cure e ai medicinali e quello di sabato diventa un momento fondamentale dove ognuno di noi è chiamato a rispondere in maniera generosa per donare a tanti italiani ed immigrati la possibilità di curarsi in maniera adeguata”. La collaborazione con il Banco farmaceutico, spiega Federico Baiocco, responsabile nazionale medici Unitalsi, è nata alcuni anni fa “ed ha portato una proficua collaborazione con la nascita a Roma e Catania di due ambulatori solidali”. Quest’anno poi, grazie al sostegno di Banco farmaceutico, “potremo rifornire anche le farmacie dei treni in partenza per i pellegrinaggi a Lourdes”.

Ius soli: mons. Perego (Migrantes), legge “latita” per “paura di esporsi politicamente”

Agensir.it - Tue, 2017-02-07 19:27

Il disegno di legge “che modifica ed estende lo Ius soli, dopo l’approvazione alla Camera, è fermo, latita. Si ha paura di esporsi politicamente, per una realtà che non farebbe che migliorare e facilitare i percorsi di partecipazione, d’integrazione”. Lo dichiara il direttore generale della Fondazione Migrantes, monsignor Gian Carlo Perego, dopo la manifestazione di oggi a piazza del Pantheon a Roma, promossa dai giovani del movimento #ItalianiSenzaCittadinanza, nato sui social per protestare contro la mancata approvazione della legge, ferma al Senato da più di un anno.  La manifestazione, afferma Perego, “continua a dare voce alla campagna ‘L’Italia sono anch’io’, che aveva raccolto oltre 200.000 firme per allargare lo  ‘Ius soli'”, e “vuole essere un invito a superare paure, limitazioni, per condividere un atto politico intelligente che rappresenti la realtà dell’immigrazione oggi”.

Amoris laetitia: p. Steiner (Pastorale familiare Sardegna), “presenta l’amore nuziale in azione, mentre avviene”

Agensir.it - Tue, 2017-02-07 19:26

“Le parole del Papa permettono di scoprire aspetti dell’amore coniugale nei quali i coniugi si riconoscono. Anzi il testo Amoris laetitia presenta l’amore nuziale in azione, mentre avviene. La meditazione del testo rende intelligibile … l’amore e perciò offre ai coniugi modalità di riconoscere il loro amore in azione e possibilità concrete di farlo crescere ed approfondire. Si potrebbe dire che Amoris laetita comunica un’esperienza molto particolare agli sposi: il percepirsi abbracciati dal proprio amore nuziale”. Lo dice padre Christian Steiner, responsabile regionale della Pastorale famigliare in Sradegna, in un’intervista a “Nuovo Cammino”, quindicinale della diocesi di Ales-Terralba.
“La concretezza, la profondità e l’aderenza con le quali Francesco descrive l’amore quotidiano dei coniugi predispone a una rivoluzione familiare: l’affermarsi e il manifestarsi dell’amore nuziale nel quotidiano della vita familiare, vale a dire negli spazi specifici nei quali si svolge la vita familiare: in cucina, nel salotto, nella camera da letto, nel bagno”, sottolinea. Attualmente “nella maggior parte delle famiglie prevale ancora la cosiddetta ‘routine coniugale’ che in realtà è il prevalere dei ruoli genitoriali sui ruoli nuziali. Invece di farsi complimenti reciproci, da coniugi , per la preziosità delle persone intorno a loro, si passa il tempo a rimproverare figli e coniugi quasi nello stesso modo”. Il Papa, ricorda padre Steiner, “offre atteggiamenti alternativi. ‘Lo sguardo contemplativo deve essere coltivato’, cioè nel senso di coltivare consapevolmente la percezione amorosa reciproca dei coniugi. In questo senso Amoris laetitia è pane quotidiano per l’amore coniugale che soffre di fame nelle famiglie attuali … e anche parecchio”.

Salute: Banco farmaceutico, sabato torna in tutta Italia la Giornata nazionale di raccolta

Agensir.it - Tue, 2017-02-07 19:16

Torna sabato 11 febbraio in tutta Italia la Giornata nazionale di raccolta del farmaco (#Grf), giunta alla XVII edizione che quest’anno coincide con la Giornata mondiale del malato. In 101 province, nelle oltre 3.600 farmacie che aderiscono all’iniziativa e ne espongono la locandina, sarà possibile acquistare uno o più medicinali da banco da donare ai poveri, assistiti dai volontari del Banco farmaceutico (anche quest’anno più di 14 mila). I farmaci acquistati saranno consegnati direttamente agli oltre 1.600 enti convenzionati con la Fondazione Banco Farmaceutico onlus.
Durante la Grf del 13 febbraio 2016, sono stati raccolti 353.851 farmaci, per un controvalore di circa 2 milioni di euro. Ne hanno beneficiato oltre 557 mila persone assistite dagli enti convenzionati. In 16 anni, la Grf ha raccolto oltre 4.100.000 farmaci, per un controvalore commerciale di circa 24 milioni di euro. In 3 anni, spiega un comunicato, “la richiesta di farmaci da parte degli enti convenzionati con Banco farmaceutico è salita del 16%, a fronte del costante aumento degli indigenti assistiti: gli utenti complessivi, inoltre, sono cresciuti nel 2016 del 37,4%”. “Oltre 12 milioni di italiani e 5 milioni di famiglie – si legge dall’ultima edizione di “Donare per curare: povertà sanitaria e donazione farmaci”, rapporto realizzato da Banco farmaceutico in collaborazione con l’Osservatorio donazione farmaci – hanno dovuto limitare il numero di visite mediche o gli esami di accertamento per ragioni di tipo economico”. Di qui l’invito del presidente della Fondazione, Paolo Gradnik, “a donare col cuore” perché nel nostro Paese “ci sono 4,6 milioni di poveri (500mila in più dell’anno precedente) molti dei quali non possono spendere neanche un euro per il ticket”.

 

Diocesi: Ivrea, il vescovo Cerrato ha iniziato la Visita pastorale da Rivarolo

Agensir.it - Tue, 2017-02-07 19:04

È iniziata da Rivarolo sabato 4 febbraio la Visita pastorale all’intera diocesi del vescovo di Ivrea, mons. Edoardo Cerrato. Sarà un impegno
che si protrarrà per alcuni anni, per permettergli di incontrare le 7 vicarie e ciascuna delle 141 parrocchie della diocesi di Ivrea.Ne dà notizia il settimanale diocesano “Il Risveglio popolare”.

La prima vicaria in calendario è quella rivarolese, che si è ritrovata nel pomeriggio di domenica 5 febbraio nella chiesa abbaziale di San Benigno Canavese per la Santa Messa d’inizio ufficiale della Visita vicariale, che si chiuderà con un’Eucaristia domenica 26 novembre nella chiesa parrocchiale di Agliè. Sono ben 17 le parrocchie appartenenti alla vicaria rivarolese (senza contare frazioni e cappellanie), che è coordinata dal vicario foraneo don Luca Meinardi.

Diocesi: Bari-Bitonto, una mostra su i “Migranti. La sfida dell’incontro”

Agensir.it - Tue, 2017-02-07 18:49

“Addentrarsi al cuore dell’esperienza di uomini e donne che hanno vissuto il dramma di guerre e sofferenze prima di decidersi a intraprendere un viaggio impervio e incerto: chi sono, perché partono, cosa cercano? Ma soprattutto, per noi, questo flusso di persone cosa ci chiede, come è possibile vivere insieme?”. Sono questi i contenuti e gli interrogativi della mostra “Migranti. La sfida dell’incontro”, realizzata in collaborazione con l’Ufficio “Migrantes” della diocesi di Bari-Bitonto, aperta fino a domani nella chiesa dei Cappuccini a Modugno (Bari) e dal 9 al 19 febbraio nella parrocchia San Marcello di Bari. I contenuti della mostra saranno presentati nei due luoghi di svolgimento, rispettivamente domani alle 20 a Modugno da Cristina Molfetta della “Fondazione Migrantes”, e il 9 febbraio alle ore 20 a Bari, insieme agli ultimi rapporti immigrazione e rifugiati della Caritas-Migrantes, da Maria Teresa Spinelli e Cristina Molfetta della “Fondazione Migrantes”, e da uno dei curatori, Giorgio Paolucci, editorialista del quotidiano “Avvenire”. Le visite, gratuite, sono accompagnate da mediatori culturali e dalla testimonianza di migranti. Domenica 19 febbraio, alle 11.30, nella parrocchia San Marcello di Bari, sarà celebrata la Santa Messa, animata dalle comunità migranti. Seguiranno il pranzo multietnico e un momento di festa e di testimonianze.

Diocesi: Torino, affidata al Sermig la parrocchia di san Gioacchino

Agensir.it - Tue, 2017-02-07 18:31

È stata affidata al Sermig la parrocchia torinese di san Gioacchino. Lo ha stabilito il vescovo, monsignor Cesare Nosiglia, nominando don Andrea Bisacchi amministratore parrocchiale. Il sacerdote è stato ordinato il 3 ottobre 2015 assieme a Lorenzo Nacheli e Simone Bernardi: sono i primi tre membri sacerdoti della Fraternità della speranza del servizio missionario giovani (Sermig). L’ingresso avverrà sabato 11 febbraio, festa della Madonna di Lourdes, durante la celebrazione eucaristica delle ore 18, presieduta dal vicario episcopale territoriale don Marco Prastaro. “Questo atto di fiducia – commenta Ernesto Olivero, fondatore del Sermig – aumenta il nostro desiderio di essere nella Chiesa, semplicemente cristiani e il nostro senso di responsabilità verso tutte le persone che incontriamo”.

Diocesi: Terni, giovedì incontro con il card. Baldisseri per la presentazione di “Amoris laetitia”

Agensir.it - Tue, 2017-02-07 18:12

Nell’ambito delle manifestazioni per la festa del patrono di Terni san Valentino, per iniziativa del Comitato diocesano per i festeggiamenti si terrà giovedì alle 17 (palazzo Gazzoli) il convegno “Amoris laetitia: chiamati alla gioia dell’amore familiare”: un incontro con il cardinale Lorenzo Baldisseri, segretario generale del Sinodo dei vescovi, per la presentazione alla città e alla comunità ecclesiale dell’esortazione apostolica “Amoris Laetitia” di Papa Francesco. L’Esortazione apostolica post-sinodale “sull’amore nella famiglia” raccoglie i risultati di due Sinodi sulla famiglia indetti da Papa Francesco: quello straordinario del 2014 , “Le sfide pastorali della famiglia nel contesto dell’evangelizzazione”, e quello ordinario del 2015, “La vocazione e la missione della famiglia nella Chiesa e nel mondo contemporaneo”, le cui relazioni conclusive sono ampiamente citate, insieme a documenti e insegnamenti dei suoi predecessori e alle numerose catechesi sulla famiglia dello stesso Pontefice. Nove i capitoli e oltre 300 i paragrafi del testo. “Il cammino sinodale ha presentato la bellezza della famiglia parlando dell’amore – si legge in un comunicato della diocesi – : esso costituisce il fondamento dell’istituto familiare, perché Dio è amore tra Persone, è Trinità e non solitudine”. In questo documento “il Santo Padre approfondisce il ‘Vangelo del matrimonio e della famiglia’ e offre concreti orientamenti pastorali che, nella continuità, acquistano un valore e una dinamica nuova”.

Traffico di organi: Sanchez Sorondo (Santa Sede), “è un crimine contro l’umanità”

Agensir.it - Tue, 2017-02-07 18:05

“Questi sono veri e propri crimini di lesa umanità che devono essere riconosciuti tali da tutte le autorità religiose, politiche e sociali, e sanciti dalle leggi nazionali e internazionali”. È quanto dichiara mons. Marcelo Sanchez Sorondo, cancelliere della Pontificia Accademia delle Scienze sociali, alla Radio Vaticana, a proposito dell’incontro organizzato dall’organismo vaticano presso la Casina Pio IV sul traffico i organi. L’incontro, ispirato dal Papa, alla presenza di studiosi ed esperti di tutto il mondo, vuole dare risposte concrete a un fenomeno in preoccupante e dilagante aumento, strettamente legato ad altre drammatiche piaghe: le migrazioni forzate, la povertà che stride di fronte alla ricchezza eccessiva. “Siamo riusciti anche ad aprire la discussione alle Nazioni Unite e questo ha fatto sì che, per la prima volta nella storia dell’Onu, sia stato riconosciuto che esiste la piaga del traffico umano, che si manifesta nelle nuove forme di schiavitù, nella forma del lavoro forzato, specialmente dei bambini, e nella forma anche del traffico di organi”, spiega Sorondo. “Adesso – prosegue – i 193 Paesi che sono al Palazzo di Vetro hanno un nuovo imperativo morale. Naturalmente la prima cosa che tutti hanno osservato oggi è che c’è molto silenzio intorno ad esso! Si tratta di una pratica che non si può fare senza la complicità dei medici e quindi abbiamo affrontato il tema della coscienza dei medici”.

Soluzioni pratiche? “Intanto – propone Sorondo – dire chiaramente che questo è un crimine contro l’umanità che vede, come prima causa, lo sfruttamento delle situazioni di indigenza da parte di chi ha invece disponibilità. In mezzo c’è la criminalità che sfrutta le diseguaglianze sociali per trovare nuove forme illegali di guadagno”. All’incontro in Vaticano partecipa anche la Cina, accusata in passato di alimentare il traffico di organi, prelevandoli alle persone condannate a morte. Dal 2015 nella Repubblica Popolare c’è una legge che consente solo donazioni volontarie, ma ci sono ancora passi importanti da fare: le cifre tra donatori e trapianti appaiono fortemente squilibrate.

Giappone: TV2000, domani in onda il documentario su Ukon, il samurai convertito e beatificato oggi

Agensir.it - Tue, 2017-02-07 17:18

Domani, mercoledì 8 febbraio, all’indomani della beatificazione del samurai Takayama Ukon avvenuta oggi a Osaka in Giappone, Tv2000 trasmette alle 11.10, il documentario “Ukon, la via della spada, la via della Croce”, di Lia Beltrami. Takayama Ukon è un samurai del XVI secolo che si è convertito al cristianesimo attraverso la predicazione di Francesco Saverio. Dopo molte traversie e dilemmi lascia il suo castello di Takatsuki e vive a Kanazawa dove diviene il grande Maestro del Tè. Con le persecuzioni scatenate contro i cristiani, gli viene negata la morte per spada e viene esiliato nelle Filippine.
Con linguaggio immediato e rivolto al pubblico giovanile, il film racconta il suo percorso interiore tra la spada e la croce. Oltre alla riflessione contemporanea, il Giappone medievale rivive con riprese originali di cerimonie del tè, combattimento di kendo, calligrafia, paesaggi orientali. Tv2000 è visibile sul canale 28 del digitale, 18 di TivuSat, 140 di Sky, in streaming su www.tv2000.it

Frati Assisi: a febbraio la rivista San Francesco dedicata ai diritti umani e alle moderne deportazioni

Agensir.it - Tue, 2017-02-07 17:00

“Il gelo dei diritti umani” è il titolo del numero di febbraio della rivista San Francesco, edita dai frati di Assisi. Un reportage dedicato ai migranti assiderati o uccisi dal freddo a Belgrado. Le immagini riportate nel mensile non vengono dagli archivi del passato, ma dall’attualità del presente. Ottomila persone sono state bloccate in Serbia, con temperature che raggiungono i 16 gradi sotto lo zero e senza un adeguato abbigliamento e ricovero per far fronte alle basse temperature. “In questi giorni abbiamo assistito – dichiara il direttore del mensile francescano, padre Enzo Fortunato – alla deriva dei diritti dell’uomo. C’è chi alza muri e chi la voce in segno di dissenso. Chi alza le armi e chi scappa da una morte certa. Noi preferiamo parole e gesti di umanità alla violenza verbale e fisica che sembra pervadere l’oggi”.
Sul portale sanfrancesco.org sono riportate anche le dichiarazioni dell’arcivescovo di Benevento, mons. Felice Accrocca, sulla presidenza Trump: “L’illusione che problemi complessi possano risolversi in modo semplice è dura a morire e molti politici non hanno scrupoli nel cavalcare la tigre, sempre che questa non finisca per disarcionarli… Più si sale in alto – conclude mons. Accrocca – tanto più può essere rovinosa la caduta”.

Safer Internet Day: Austria, successo del servizio consulenza sociale online promosso dalle chiese cattolica ed evangelica

Agensir.it - Tue, 2017-02-07 16:56

Sono più di 10mila le e-mail alle quali hanno risposto i 63 volontari e consulenti del Telefonseelsorge (Servizio sociale telefonico) dell’Alta Austria: è il dato più rilevante che è emerso durante la conferenza stampa di presentazione del “Safer internet day”. La conferenza era promossa insieme dalle Chiese cattolica ed evangelica che appoggiano l’associazione del telefono sociale austriaco. I temi delle e-mail sono tipici, secondo Silvia Breitwieser, direttrice del Telefonseelsorge Alta Austria: “Molte persone che hanno problemi di bullismo, dipendenza, autolesionismo trovano più semplice scriverne rispetto al discuterne al telefono”. E il rapporto e la fiducia risultano più evidenti su Internet, secondo Breitweiser. Dall’avvio del servizio di consulenza via internet, il 12 gennaio 2012, il numero di richieste via e-mail è salito costantemente: perché un “grande vantaggio della consulenza on-line è l’indipendenza da qualsiasi ora del giorno”, ha detto Doris Bauer, project manager del servizio online di consulenza telefonica. “Molte e-mail partono tra la mezzanotte e l’una del mattino, e i malati potrebbero scrivere di notte di tutto ciò che hanno nell’anima”, sottolinea Bauer, che conferma la risposta di Telefonseelsorge entro 48 ore. A utilizzare le e-mail sono soprattutto persone tra i 15 e 21 anni, per il 71% donne, che manifestano problemi di relazioni affettive, conflitti coi genitori, esclusione dal gruppo, ma anche problemi di cyberbullismo e di offese sessuali.

United Kingdom: Catholic Church, “National Marriage Week”. Mgr. Doyle, “rediscover the beauty of family life”

Agensir.it - Tue, 2017-02-07 16:43

The Catholic Church in England and Wales celebrates the 20th edition of the “National Marriage Week”. The 2017 edition aims to “draw attention to the value of marriage, for individuals, family life and civil society”. The website of the Bishops’ Conference reports that “Guidelines for the Preparation of Couples for Marriage” were published to mark the occasion as an instrument aimed at giving “a life-long pastoral accompaniment by the community, flexible and gradual, meeting each couple where they are”. The publication comes “in response to the Pope’s call in Amoris Laetitia”, and is the “fruit of several years’ work, including a survey of marriage preparation providers and a conference” on the subject in 2011. The Guidelines are “intended to be descriptive rather than prescriptive” and “suggest a range of actions for parishes and dioceses”, including the creation of “teams with clergy and lay people sharing together in accompaniment of marriage and family life”. The teams need to be “well trained and well informed”, allowing for “a flexibility of approaches in delivery and content”. Like the National Week that will end on 14 February, the Guidelines are “a great opportunity to rediscover together the beauty of marriage and family life according to God’s plan”, commented Mgr. Peter Doyle, Chair of the Bishops’ Conference Committee for Marriage and Family Life.

Regno Unito: Chiesa cattolica, “settimana nazionale per il matrimonio”. Mons. Doyle, “riscoprire bellezza della famiglia”

Agensir.it - Tue, 2017-02-07 16:43

La Chiesa cattolica in Inghilterra celebra la 20ma edizione della “settimana nazionale per il matrimonio”: l’edizione 2017 ha come obiettivo di “attirare l’attenzione sul valore del matrimonio per gli individui, la vita familiare e la società civile”. In quest’occasione sono state pubblicate le “linee guida per la preparazione delle coppie al matrimonio”, strumento che vuole offrire “un accompagnamento pastorale lungo tutta la vita da parte della comunità, flessibile e graduale per incontrare ogni coppia lì dove è”, spiega il sito della Conferenza episcopale. Il sussidio nasce “come risposta all’appello di Papa Francesco nell’Amoris laetitia” ed è “frutto di un lavoro di anni, sulla base dei risultati di un’indagine tra chi si occupa di preparazione al matrimonio e una conferenza sul tema, nel 2011”. Il loro scopo è “descrittivo, anziché prescrittivo; indicano una serie d’iniziative per le parrocchie e le diocesi”, tra cui la creazione di “gruppi di sacerdoti e laici impegnati insieme nell’accompagnamento al matrimonio e alla vita familiare”, che siano “ben preparati e competenti”, e che garantiscano “una flessibilità di approcci nel servizio e nei contenuti”. Come anche la settimana nazionale, che si concluderà il 14 febbraio, le linee guida sono “una grande occasione per riscoprire insieme la bellezza del matrimonio e della vita familiare secondo il disegno di Dio”, ha commentato mons. Peter Doyle, presidente del comitato episcopale per il matrimonio e la vita familiare.

Safer internet day: don Di Noto (Meter), “grave il cyberbullismo, ma si parli anche di pedofilia on line”

Agensir.it - Tue, 2017-02-07 16:35

“Va bene difendere i bambini dal cyberbullismo e dalle forme distorte e altamente nocive per i minori, specialmente i più piccoli. Dobbiamo ammettere che qualcosa ci è sfuggita al controllo e siamo fortemente in ritardo per la education e come affrontare le periferie digitali, le nuove e incontrollate favelas tecnologiche. Stiamo vigili e attenti a cavalcare le mode del momento dimenticando che la vita virtuale ha conseguenze, spesso ed evidenti, nella vita reale. Grave il bullismo e il cyberbullissmo, ma nessuna parola in merito alla pedofilia on line, alla pedopornografia e alla digitalizzazione del corpo che viene ridotto a merce”. È la denuncia di don Fortunato Di Noto, fondatore dell’Associazione Meter onlus, che interviene così in occasione del Safer Internet Day. “Le Società di informatica e quelle che gestiscono il web hanno delle responsabilità enormi e non possiamo rifugiarci nell’autocontrollo o nella autodeterminazione e responsabilità. Non è per fare una polemica gratuita, ma tacere dell’esistenza e del rischio criminale che è presente nel web è davvero un atteggiamento che trovo cieco. Veramente cieco”, prosegue.

Per Di Noto, “parliamo tanto di cyberbullismo (e questo è doveroso e sacrosanto, la violenza è sempre da bandire, senza se e senza ma), ma taciamo sull’enorme tragedia della pedofilia e la sua diffusione on line, come se fosse marginale”, considerando “tale fenomeno come un incidente di percorso o qualche foto prodotta nel passato”. Eppure, “se solo in Europa ci sono 18 milioni di bambini abusati, con una proporzione di 1 ad 1 abbiamo 18 milioni di abusatori, stupratori o come li volete chiamare. Vogliamo fare una proporzione di 1 a 2? Sono almeno 9 milioni tra pedofili e abusatori. Dire che è un esercito è appena vicino alla realtà dei fatti”. Don Fortunato chiarisce: “Si parla molto di chiudere i siti pedofili. Per quello che mi riguarda non è la soluzione del problema: i siti vengono spostati su un altro server e la vergogna continua: quello che mi interessa è identificare le vittime e gli autori di queste vergogne per sbatterli in galera. Com’è che nessuno dice niente?”. L’Associazione Meter onlus sta già elaborando il nuovo report nel quale illustrerà i dati e i risultati dell’attività compiuta nel 2016: “Vi posso garantire che vi lasceranno a bocca aperta”, conclude Di Noto.

Giornata contro la tratta: Milano, convegno promosso da Caritas, Pime e Mani Tese. Gualzetti, “no ai muri, sì ai corridoi umanitari”

Agensir.it - Tue, 2017-02-07 16:26

“Il 90 per cento dei migranti arrivati in Europa negli ultimi anni è vittima dei trafficanti di esseri umani. Molti di loro – uomini, donne e bambini – sono ridotti in condizioni di vera e propria schiavitù per lo sfruttamento sessuale e lavorativo. Nel mondo sono tra i 21 e i 35 milioni le vittime di tratta e lavoro forzato. E in Italia, il fenomeno riguarda dalle 50 alle 70mila donne costrette a prostituirsi e circa 150mila uomini, in gran parte giovani migranti, sfruttati per il lavoro schiavo”. Lo si legge in una nota firmata da Caritas Ambrosiana, Mani Tese e Pime che propongono domani, 8 febbraio, in occasione della Giornata contro la tratta di persone, il convegno “Migrazioni e traffico di esseri umani”. L’appuntamento si terrà presso la sede del Pime, in via Monte Rosa 81 a Milano dalle 9.30 alle 13.30. Nel pomeriggio, dalle 15.00 alle 17.00, sono previsti laboratori dedicati agli insegnanti. Luciano Gualzetti, direttore di Caritas Ambrosiana, afferma in proposito: “I muri non fanno altro che fornire nuovi clienti ai mercanti di esseri umani. Se vogliamo sconfiggere l’orribile pratica del traffico che ha assunto proporzioni impressionanti, dobbiamo consentire l’immigrazione regolare, rivedendo nel nostro Paese la legge Bossi-Fini e aprendo corridoi umanitari per chi ha diritto all’asilo. Arroccarsi in difesa è una soluzione populista che alla fine pagheremo tutti caramente”.

Diocesi: mons. Turazzi (San Marino-Montefeltro), “essere incisivi con una presenza responsabile e significativa per la costruzione del bene comune”

Agensir.it - Tue, 2017-02-07 16:07

“Oggi, la nostra società, come quella europea, è un amalgama di fattori diversi: pensieri ed esperienze, luci e ombre, riferimento a radici profonde e apertura a nuovi orizzonti. Una laicità benintesa ha permesso, e ora incoraggia, che ogni gruppo e ciascuna persona diano il meglio di sé nell’accoglienza dell’altro”. Inizia così il messaggio del vescovo di San Marino-Montefeltro, mons. Andrea Turazzi, in concomitanza con i festeggiamenti in onore della compatrona, Sant’Agata. Un’occasione di riflessione anche sulle tematiche di attualità: “L’esperienza di una socialità cristianamente ispirata non ha precluso la convivenza di sensibilità diverse, ma, anzi, ne ha garantito la vera libertà di manifestarsi”. Il vescovo Turazzi prosegue il messaggio evidenziando il lavoro dei prossimi mesi del Consiglio grande e generale della Repubblica di San Marino che sarà chiamato a confrontarsi su progetti di legge e istanze d’Arengo, “alcune delle quali toccano questioni delicate: temi etici, scelte educative, rapporti con le istituzioni cattoliche che rappresentano la stragrande maggioranza dei sammarinesi. Ho grande rispetto delle istituzioni civili e democratiche della Repubblica – spiega il presule -; non è mio compito, tantomeno mia volontà, intervenire politicamente. Credo, tuttavia, mi sia consentito, per quanto concerne materie in cui la Chiesa è diretta interessata, di propormi per un dialogo e un confronto che possa chiarire e facilitare l’accoglienza e il rispetto di legittime esigenze”.

Insomma, chiarisce mons. Turazzi, “disponibilità e non richiesta di privilegi. Credo sia parimenti legittimo rivolgere un appello ai cattolici a essere più presenti nell’impegno civile e nel confronto culturale con argomenti di ragione, nella coerenza con la propria visione antropologica”. Il vescovo invita a “essere incisivi con una presenza responsabile e significativa per la costruzione del bene comune, anche nel pluralismo delle appartenenze. È necessario dare voce alla coscienza di tanti cattolici che si ispirano a un grande patrimonio ideale e a valori irrinunciabili. No a uno spirito intollerante. Sì a un atteggiamento responsabile e disinteressato. Sempre con uno stile di rispetto e accoglienza dell’altro”.

Diocesi: Terni-Narni-Amelia, i gettoni di presenza di alcuni consiglieri comunali di Amelia per l’Emporio della solidarietà

Agensir.it - Tue, 2017-02-07 15:48

Devolvere il gettone di presenza per la partecipazione alle sedute del Consiglio comunale e delle Commissioni consiliari permanenti all’associazione San Martino, che gestisce l’Emporio solidale di Amelia. È l’iniziativa che hanno preso alcuni consiglieri comunali del gruppo “Vivere Amelia”, nella cittadina umbra, che va a integrare i fondi per il servizio devoluti dalla Chiesa cattolica, dalla Fondazione Carit e da diversi benefattori. L’emporio della solidarietà di Amelia-Narni, promosso dalla Caritas diocesana di Terni-Narni-Amelia e dall’associazione di volontariato San Martino, ha preso il via sei mesi fa e finora sono state 239 le persone che hanno usufruito del servizio, per un totale di 80 nuclei familiari, con 78 minori di cui 4 disabili. Dei 161 adulti, 28 sono disabili. All’emporio sono stati distribuiti 13.902 prodotti in prevalenza alimentari, prodotti per l’igiene personale, prodotti per l’igiene della casa, attraverso il particolare sistema di acquisto proprio degli empori solidali, che avviene attraverso una tessera a punti con validità trimestrale consegnata a ogni beneficiario, dove ogni punto-cuore corrisponde a circa dieci centesimi di euro. L’iniziativa dei consiglieri comunali, commenta la diocesi in una nota, rappresenta “un segno di condivisione del progetto realizzato con la collaborazione delle forze del territorio e istituzionali, a sostegno delle famiglie amerine e narnesi in condizione di disagio economico e sociale, apprezzato dalla Caritas e dall’associazione di volontariato San Martino che ringraziano per la disponibilità morale ed economica manifestata”.

Diocesi: Mazara del Vallo. In Caritas nasce il consultorio familiare, servizio gratuito sostenuto coi fondi 8×1000 Cei

Agensir.it - Tue, 2017-02-07 15:32

A Mazara del Vallo, nell’ambito del progetto “Chiesa, famiglia di famiglie”, è nato il Consultorio familiare di ispirazione cristiana “Marcello e Anna Maria Inguscio”, presso la sede della Caritas diocesana, in via Casa Santa, 41. All’interno del Consultorio sono garantite la consulenza sociale e psicologica e il raccordo con altri servizi del territorio per una presa in carico globale dei bisogni della famiglia. “Presso il Consultorio – spiega la diocesi – la persona viene accompagnata all’orientamento e al sostegno dell’individuo che vive un particolare disagio, in un approccio di consulenza familiare, uno spazio rivolto alla famiglia che, in un momento di difficoltà, conflitto, dubbi, crisi, ha la necessità o il desiderio di confrontarsi con un esperto esterno”. Il progetto “Chiesa, famiglia di famiglie” è promosso dalla Caritas diocesana e dalla Fondazione San Vito onlus e sostenuto coi fondi 8×1000 della Cei. Il servizio gratuito viene garantito presso il Consultorio, aperto dalle 15,30 alle 18 il martedì e dalle 9,30 alle 13 il giovedì. Info: tel. 0923908286 oppure 0923906044.

Terremoto e nevicate: 76mila beni artistici, librari ed archivistici salvati tra Marche e Abruzzo

Agensir.it - Tue, 2017-02-07 15:14

Sono oltre 76mila i beni recuperati dai carabinieri del Nucleo tutela patrimonio culturale (Tpc) di Ancona in Marche e Abruzzo, martoriate  dalle scosse e dalle eccezionali nevicate del mese scorso: oltre 6mila opere di pregio e 70mila beni archivistici e librari. L’equipe specializzata lavora in stretta sinergia con altre squadre e gruppi operativi di esperti e ognuna con competenze diverse per la tutela del bene da salvare. Tutte le operazioni, infatti, vengono portate a termine, oltre che dal Nucleo specializzato dei carabinieri, anche grazie alla sinergia con i funzionari del ministero dei Beni culturali, con la squadra dei vigili del fuoco e con i funzionari responsabili degli Uffici beni culturali incaricati dalle varie diocesi. In alcuni casi, come nell’Ascolano, sono intervenuti anche i volontari del gruppo Alpini. Nel corso di molte operazioni sono intervenuti inoltre, sia i Caschi Blu della cultura dei carabinieri sia i battaglioni mobili di Bari e Bologna. Ultimo intervento da parte dell’unità di crisi regionale quello a Castel Raimondo nella frazione di Brontoleto con il recupero di beni d’arte nel complesso di San Lorenzo, in provincia di Macerata, grazie alla collaborazione intercorsa tra carabinieri e vigili del fuoco: una pala d’altare raffigurante la Vergine con Bambino, San Lorenzo Martire e San Giovanni Battista.

Menù ad Accesso Rapido

Accesso rapido

La Parola
Ragazzi
Scie di Luce
Servizi La Stanza
Media
Cattolici  Protestanti  Ortodossi  Ecumenismo  Vita Quotidiana
  • ° Vita Pubblica
  • ° Lui & Lei
  • ° Matrimonio
  • ° Figli
  • ° Ricette
  • ° Viaggi


 Notizie