Feed aggregator

Epifania: Ospedale San Camillo-Forlanini, la Befana e Peppa Pig per i piccoli ricoverati della Pediatria e della Chirurgia pediatrica

Agensir.it - Fri, 2018-01-05 17:54

Dolci calze ricolme, giochi, libri e poi la compagnia “fantastica” di Beppa Pig e le sue bolle di sapone. Due appuntamenti distinti per i piccoli ricoverati dell’Ospedale San Camillo-Forlanini, a Roma, per domani, sabato 6 gennaio, alle 14.30 con la Befana di solidarietà dei lavoratori Usb e domenica 7 gennaio alle 10 con le bolle di Peppa Pig invitata da Assotutela. Due momenti all’insegna della solidarietà e vicinanza ai bambini ricoverati, alle loro famiglie e ai professionisti medici e sanitari dell’azienda che, quotidianamente si impegnano per la tutela e la cura della salute di tutti.
Domani saranno i lavoratori del commercio a portare la Befana nei due reparti di Pediatria e Chirurgia pediatrica. Giochi e piccola elettronica di consumo messi a disposizione da Unicoop Tirreno. Mentre domenica 7 gennaio alle 10 sarà la volta di Peppa Pig con la sua “ballon art” invitata da Michel Emi Maritato, presidente di Assotutela. “Sarà un’Epifania diversa – ha sottolineato il direttore generale, Fabrizio d’Alba -: queste due iniziative sono un bel segnale per la nostra azienda. Arrivano da istanze diverse ma con a cuore priorità comuni. Il sorriso dei piccoli degenti, i diritti dei malati e la difesa della sanità pubblica”.

Solidarietà: Moncler e Unicef lanciano un progetto per proteggere i bambini poveri dal freddo

Agensir.it - Fri, 2018-01-05 17:41

Moncler e Unicef annunciano una partnership a favore di tanti bambini che, nel mondo, hanno bisogno di aiuto e assistenza. Attraverso il progetto “Warmly Moncler for Unicef” i bambini di diverse aree del mondo e le loro famiglie riceveranno indumenti e kit per l’inverno per proteggersi dal freddo. A livello globale, milioni di bambini vivono in situazioni di estrema emergenza e hanno bisogno di tutto: cibo, acqua, indumenti adeguati, assistenza sanitaria, un luogo sicuro in cui poter stare. In inverno, senza l’accesso a ripari riscaldati, coperte e abiti caldi, molti bambini e le loro famiglie lottano quotidianamente per la sopravvivenza. “I bambini che nel mondo già vivono in condizioni di forte vulnerabilità con l’arrivo dell’inverno devono affrontare un nemico in più: il freddo, che può compromettere la loro salute, fino a minacciarne la sopravvivenza – ha dichiarato Paolo Rozera, direttore generale di Unicef Italia -. Garantire ad ognuno di loro indumenti e servizi adeguati per riscaldarsi è un gesto di grande solidarietà. Ringraziamo Moncler per aver deciso di unirsi all’Unicef in questa importante iniziativa”. Il progetto garantirà ai bambini e alle loro famiglie kit per l’inverno – contenenti: coperte termiche, cappelli, guanti, sciarpe, scarpe e calzini -, combustibile per riscaldare le case, le aule scolastiche e gli spazi dove i bambini possono giocare e aiuti salva vita come cibo, acqua pulita e medicinali.

Epifania: mons. Zuppi (Bologna), visita ai bimbi ricoverati al Rizzoli e Messa dei popoli in cattedrale

Agensir.it - Fri, 2018-01-05 17:37

In mattinata, la visita ai reparti pediatrici degli istituti ortopedici Rizzoli, nel pomeriggio la Messa con le comunità straniere che vivono a Bologna. Ecco i principali appuntamenti dell’arcivescovo mons. Matteo Zuppi, nella solennità dell’Epifania, domani, sabato 6 gennaio. Alle 10, il presule celebrerà la Messa nella chiesa di San Michele in Bosco. A seguire, visiterà i bimbi ricoverati al Rizzoli. Ad accogliere mons. Zuppi, il direttore generale dell’ospedale, Mario Cavalli, e il parroco di San Michele, don Lorenzo Testa. Alle 15, l’arcivescovo attenderà l’arrivo dei Magi in Piazza Maggiore. Il corteo, composto da vari figuranti, partirà dalla Montagnola e, sfilando per via Indipendenza, giungerà fino alla capanna di Betlemme, realizzata sul sagrato di San Petronio. Alle 17.30, mons. Zuppi presiederà la “Messa dei popoli” nella cattedrale di San Pietro, alla presenza delle comunità straniere che vivono a Bologna. La liturgia sarà animata da un coro in 15 lingue: italiano, latino, romeno, francese, inglese, polacco, spagnolo, arabo, swahili, filippino, malayalam, singalese, tigrino, ucraino, cinese e bengalese. La celebrazione sarà trasmessa in diretta da Nettuno Tv.

Radio: InBlu lancia “ATuXTv” condotto da Mariano Sabatini

Agensir.it - Fri, 2018-01-05 17:20

La programmazione tv delle grandi reti e dei network (Rai, Mediaset, La7, Sky, Netflix) sotto la lente d’ingrandimento. InBlu Radio, il network delle radio cattoliche della Cei, lancia il nuovo programma “ATuXTv”, condotto e ideato dal giornalista e critico televisivo, Mariano Sabatini, in onda da domani, 6 gennaio, ogni sabato pomeriggio alle ore 18.15. “Sono molto felice – afferma Sabatini – di intraprendere questa nuova avventura professionale in un momento in cui si assottiglia la voglia di ascoltare o leggere voci dissenzienti applicate al piccolo schermo. Non a caso quasi tutti i quotidiani hanno espunto spazi di questo genere, preferendo lisciare il pelo ai teledivi. Fare critica televisiva in una zona franca, su una radio fortemente radicata sul territorio nazionale come InBlu è davvero una prospettiva esaltante, di questo ringrazio Paolo Ruffini e Paola Gallo”.
La nuova rubrica settimanale si occuperà di tutti i palinsesti e le piattaforme, sempre nella convinzione che la tv, conclude Sabatini, “va presa a piccole dosi, ma soprattutto scegliendola bene”.

Senza dimora: Comunità di Sant’Egidio, “inaccettabile la morte di 3 persone in un solo giorno. Aumentare i rifugi notturni”

Agensir.it - Fri, 2018-01-05 17:20

“Nella sola giornata di oggi si sono registrate dolorosamente altre tre morti di persone che vivevano per strada: un quarantaduenne a Rovereto, ritrovato senza vita nel garage di un supermercato, un sessantenne che dormiva su una panchina a Verona e Ionut, un giovane senza dimora di nazionalità rumena, nei pressi della stazione Tiburtina, a Roma. Aveva appena trent’anni”. Lo ricorda un comunicato appena diffuso dalla Comunità di Sant’Egidio, che celebrerà, nei prossimi giorni, il suo funerale.
“È inaccettabile che ogni inverno si ripeta la stessa tragedia perché la vera emergenza non è il freddo – ampiamente prevedibile in questa stagione – ma l’isolamento e l’indifferenza”, si legge nella nota. Di qui l’appello “perché le istituzioni siano più sensibili e allarghino la loro rete di protezione sociale, a partire dai rifugi notturni, ancora oggi carenti”. Allo stesso tempo la Comunità di Sant’Egidio si rivolge a tutti gli italiani “perché facciano la loro parte fermandosi di fronte a chi ha bisogno e offrendo il loro aiuto, che spesso può significare una svolta: l’esperienza di molti anni di amicizia con i senza dimora ci ha dimostrato che, con un accompagnamento, dalla strada – e dalle difficoltà della vita – si può anche uscire”. Info: www.santegidio.org

Epifania: Napoli, domani il card. Sepe in visita ad Arturo, ferito da baby gang, e poi Messa per la Festa dei Popoli

Agensir.it - Fri, 2018-01-05 17:03

Domani, sabato 6 gennaio 2018, alle ore 9.30 il card. Crescenzio Sepe si recherà all’Ospedale Monaldi per portare una carezza e un regalo ad Arturo, il ragazzo gravemente ferito da una baby gang in via Foria, nello scorso mese di dicembre.
Alle ore 11, poi, l’arcivescovo sarà in cattedrale dove presiederà la celebrazione eucaristica nella ricorrenza della Festa dei Popoli, organizzata dall’Ufficio diocesano Migrantes, diretto da don Pasquale Langella. Interverranno tutti i gruppi etnici che vivono a Napoli, con vestiti, canti e danze dei propri Paesi di origine. Al termine della celebrazione ci sarà il rito della Befana e il cardinale consegnerà doni ai figli degli immigrati, offerti dal Movimento Cristiano lavoratori e dal Sovrano Militare Ordine di Malta. 500 bambini individuati tra i più bisognosi della città appartenenti alle varie etnie (polacchi, eritrei, bulgari, cinesi, ucraini, libici, sudan, ecc) sono i destinatari dei regali. “I bambini sono il nostro futuro e ancor più i piccoli immigrati. Un segnale di vicinanza anche per i tanti che, attraversando il mare, tentano la fortuna. La loro sorte ci sta a cuore e per questo motivo anche quest’anno abbiamo voluto dedicare soprattutto a loro la giornata dell’Epifania. Abbiamo raccolto giocattoli per consentire loro di trascorrere una giornata all’insegna della pace e della serenità. Un segnale di dialogo tra le tante culture che convivono pacificamente nella nostra città dove vivono migliaia di migranti”, dichiara il presidente provinciale di Mcl Michele Cutolo.
Nel pomeriggio, alle ore 18, nella basilica santuario del Gesù Vecchio, in via Giovanni Palladino, il card. Sepe, accolto dal Rettore mons. Alfonso Punzo, presiederà la solenne Celebrazione Eucaristica, in occasione del Primo Sabato Privilegiato dedicato alla Madonna Immacolata di don Placido.

Diocesi: Milano, domani mattina per l’Epifania celebrazione in Duomo presieduta dall’arcivescovo Delpini

Agensir.it - Fri, 2018-01-05 17:02

In occasione della solennità dell’Epifania del Signore, nella mattinata di domani, sabato 6 gennaio, l’arcivescovo di Milano, mons. Mario Delpini, presiederà la celebrazione eucaristica delle 11 in duomo. Il solenne pontificale sarà trasmesso in diretta su Chiesa Tv (canale 195) e in streaming su www.chiesadimilano.it. Alle 20.30, Radio Mater manderà in onda in differita l’omelia dell’arcivescovo.
Alle 16, sempre in duomo, mons. Delpini presiederà i Secondi Vespri dell’Epifania.

Desaparecidos: Roma, il 21 gennaio torna la “Corsa di Miguel”

Agensir.it - Fri, 2018-01-05 16:10

Scatterà domenica 21 gennaio il via della diciannovesima edizione della “Corsa di Miguel”, dedicata al maratoneta e poeta Miguel Benancio Sanchez, desaparecido argentino ucciso nel 1978. Ai nastri di partenza della 10 chilometri, in piazzale Farnesina, a Roma, diversi podisti delle società che provengono da zone colpite dal terremoto nel 2016, che potranno usufruire dell’iscrizione gratuita alla gara. Parteciperanno atleti di Norcia Run, protagonisti di un arrivo all’interno dello stadio Olimpico mano nella mano un anno fa, e del Cus Camerino. Ad affrontare la gara anche oltre cento pazienti con diabete dell’Associazione nazionale italiana atleti diabetici. La “Corsa di Miguel 2018” sarà presentata giovedì 11 gennaio, alle 11.30, al Maxxi di via Guido Reni. Intanto, continuano le iscrizioni alla competizione sul web, al sito www.lacorsadimiguel.it, ma anche per la non competitiva dei 10 chilometri e per la “Strantirazzismo” di tre chilometri, rivolta a scuole, famiglie e associazioni, nei negozi Cisalfa di Roma e nelle 60 edicole “migueliste” sparse in giro per la città (la mappa su https://www.lacorsadimiguel.it/iscrizione-in-edicola/).

Papa Francesco: oggi pomeriggio in visita all’Ospedale pediatrico Bambino Gesù a Palidoro

Agensir.it - Fri, 2018-01-05 16:03

Oggi pomeriggio Papa Francesco si è recato in visita all’Ospedale pediatrico Bambino Gesù nella sede di Palidoro, a circa 30 chilometri a nord di Roma, proseguendo l’esperienza dei “Venerdì della Misericordia” che hanno caratterizzato il Giubileo della Misericordia. Ha visitato i diversi reparti, ha salutato i bambini ricoverati e ha scambiato alcune parole di conforto con i genitori che assistono i loro bambini in queste faticose e dolorose prove. Festa a sorpresa, quindi, per i centoventi piccoli ricoverati nella sede del Bambino Gesù a Palidoro: a poche ore dall’Epifania, il Pontefice ha voluto andare di persona a visitarli per salutarli e consegnare a ciascuno un dono e un sorriso.

Libri: Rai1, domani a “Tg1 Dialogo” in studio la scrittrice Dacia Maraini

Agensir.it - Fri, 2018-01-05 15:52

Il ritorno del libro di carta, il successo delle manifestazioni di promozione della lettura, il contributo della letteratura al dialogo interculturale, alla nuova soggettività della donna e alla parità di genere. Di tutto questo si occupa domani, dalle 8,20, su Rai1 la rubrica “Tg1 Dialogo”, a cura di Piero Damosso, con il commento di padre Enzo Fortunato, direttore della rivista San Francesco del Sacro Convento di Assisi. In studio, la scrittrice Dacia Maraini che riflette sulla resistenza del libro nell’era tech e sul ruolo delle donne dopo lo scandalo Weinstein.

Perù: mons. Simón Piorno (Chimbote), “sbagliato concedere ora indulto a Fujimori, Paese destabilizzato mentre è in arrivo il Papa”

Agensir.it - Fri, 2018-01-05 15:35

“Non era il momento giusto per concedere l’indulto all’ex presidente Fujimori. Il Perù è destabilizzato e proprio mentre si trova ad affrontare questa congiuntura arriverà Papa Francesco, per cui ritengo che la sua accoglienza sarà condizionata dal fatto di trovarsi nel mezzo di una crisi nazionale”. Lo afferma al Sir il vescovo di Chimbote (regione costiera di Ancash) mons. Ángel Francisco Simón Piorno, in seguito alla contestata decisione del presidente Pedro Pablo Kuczynski di concedere l’indulto ad Alberto Fujimori, presidente tra il 1990 e il 2000, finito in carcere per gravi reati.
Oggi l’ex dittatore ha 79 anni e stava scontando una condanna a 25 anni per due massacri contro civili e per l’uccisione di due giornalisti. Aveva altre condanne per complessivi 20 anni per peculato, distrazione di fondi riservati e fuga di capitali in Svizzera. L’ex presidente non è mai stato però abbandonato da una parte dei peruviani: la figlia Keiko per due volte è riuscita ad arrivare ad un passo dalla presidenza e il suo movimento, Fuerza Popular, ha la maggioranza in parlamento e i suoi voti sono stati decisivi, qualche giorno prima dell’indulto, per bloccare la procedura di impeachment di Kuczynski, coinvolto nella tangentopoli continentale nota come caso Odebrecht.
Prosegue il Vescovo di Chimbote: “Non mi ha infastidito l’indulto in sé, ma il momento in cui è stato dato e reso pubblico. L’impressione è che l’indulto sia stato il prezzo per non mettere in stato d’accusa il presidente. Questa è l’impressione che ha la gente, speriamo che il motivo reale sia un altro”. Per mons. Simón, che si riferisce ad un video diffuso da Fujimori attraverso i social network, “non basta chiedere perdono per non aver fatto bene alcune cose, ma, io credo, ci dev’essere un riferimento esplicito alle uccisioni che ha causato”.
Commenta da Bogotá Cristiano Morsolin, esperto di diritti umani in America Latina ed autore di pubblicazioni sulla violenza verso i minori durante il periodo della dittatura Fujimori: “Varie ong cattoliche italiane come Mlal-Progetto mondo di Verona, Associazione Solidarietà paesi emergenti Aspem di Cantù, Terra Nuova di Roma, fin dagli anni ’90 sono stati in prima linea nel denunciare la violazione sistematica dei diritti umani in Perù, che tra 1980 e il 2000 ha provocato 69.000 vittime. L’indulto a Fujimori è un segnale negativo perché l’impunità indebolisce la già fragile democrazia peruviana, come riportato anche da Ong internazionali, come Human Right Watch, e dalla Corte interamericana diritti umani (Cidh). Sicuramente Papa Francesco approfondirà la questione dei diritti umani nel suo imminente viaggio in Perù”.

Diocesi: Gaeta, mons. Vari domenica benedice fonte battesimale della chiesa di Santa Maria Maggiore a Itri

Agensir.it - Fri, 2018-01-05 15:18

Domenica 7 gennaio, nella festa del Battesimo del Signore, alle ore 18.30, nella chiesa parrocchiale di Santa Maria Maggiore a Itri (Piazza Annunziata 7) l’arcivescovo di Gaeta Luigi Vari presiede la Messa per la benedizione del fonte battesimale. “Si tratta di un momento di grande valore spirituale per la comunità guidata dal parroco don Guerino Piccione che vede realizzato un fonte battesimale fisso e dignitoso per il quale è stata utilizzata una antica vasca marmorea. Attorno al fonte è stata collocata una scultura in marmo raffigurante il battesimo di Gesù al fiume Giordano, opera ideata e realizzata dall’architetto Maria La Rocca”, spiega una nota della diocesi. Il parroco don Guerino Piccione afferma: “Il fonte è stato collocato ai piedi del presbiterio dove anticamente c’era il pulpito. In questo modo si crea un tutt’uno secondo un cammino catecumenale: il fonte per il Battesimo, l’ambone per la Parola di Dio, l’altare per l’Eucaristia. Un cammino indicato dal rituale stesso per la collocazione del fonte nella chiesa”.

Sanremo: la Siae consegna i doni per l’Epifania ai piccoli pazienti dell’Ospedale dopo il furto natalizio

Agensir.it - Fri, 2018-01-05 15:00

Dopo il furto dei doni di Natale destinati ai bambini dell’Ospedale pediatrico di Sanremo, oggi, per l’Epifania, sono stati consegnati dei regali ai bambini ricoverati nell’Ospedale grazie all’iniziativa promossa dalla Società italiana autori ed editori (Siae) insieme al Teatro Ariston di Sanremo. “Le potenzialità terapeutiche dell’arte e della creatività sono infinite – ha affermato il direttore generale Siae, Gaetano Blandini – per questo la missione di Siae vive non solo nel sostegno alle realtà emergenti legate allo spettacolo, ma anche nel favorire l’utilizzo dei mezzi e dei repertori autoriali al fine di migliorare le condizioni di disagio ed emergenza, siano esse sociali, economiche o sanitarie. Sappiamo che questi doni sono solo un contributo simbolico. Da parte di Siae e di tutti i suoi autori, auguro ai piccoli ospiti dell’Ospedale di Sanremo di essere sempre dalla parte della musica”. “Ringrazio a nome di tutta la Giunta la Siae – ha sottolineato il vicepresidente assessore alla Sanità della Regione Liguria, Sonia Viale – per aver voluto contribuire a restituire il sorriso a questi bambini”. La Direzione dell’Asl1 ha così commentato l’iniziativa: “Un’inaspettata e gradita sorpresa dal mondo della musica e dello spettacolo, che ha voluto regalare una giornata particolare ai nostri piccoli pazienti. Sarà davvero una Epifania speciale”.
La Siae sostiene diversi progetti musicali per supportare nelle cure e nelle riabilitazioni i piccoli pazienti ricoverati; in particolare, dal 2014 è al fianco dell’Ospedale pediatrico Bambino Gesù, dell’Istituto Giannina Gaslini e dell’Ospedale pediatrico Meyer, sia attraverso l’acquisto di strumentazioni per la diagnosi precoce della sordità infantile sia con la donazione di tablet con musica e giochi per i bambini. La Siae sostiene anche attività culturali negli ospedali come lo special stage di officine buone, coinvolgendo artisti emergenti in esibizioni nelle strutture ospedaliere.

Diocesi: Vercelli, domani mons. Arnolfo ordina diacono Luciano Condina

Agensir.it - Fri, 2018-01-05 15:00

In occasione della solennità dell’Epifania, l’arcivescovo di Vercelli, mons. Marco Arnolfo, ordinerà diacono Luciano Condina nel corso della celebrazione eucaristica che presiederà domani, alle 17.30, nella cattedrale di sant’Eusebio. Classe 1975, Condina “è originario di Nichelino, ma – si legge in una nota – ha vissuto 12 anni a Orbassano, dove ha collaborato attivamente con il parroco di allora, don Marco Arnolfo, coordinando in particolare i gruppi giovanili. Avendo poi manifestato la sua chiamata vocazionale, è stato invitato da mons. Arnolfo a intraprendere il percorso di formazione al sacerdozio nella diocesi eusebiana”. Attualmente Condina collabora a livello pastorale con la parrocchia Nostra Signora di Lourdes del Villaggio Concordia di Vercelli.

Diocesi: Alba, oggi e domani iniziative per la Festa dei popoli

Agensir.it - Fri, 2018-01-05 14:44

In occasione dell’Epifania, sono in programma ad Alba alcune iniziative promosse dall’Ufficio Migrantes per la Festa dei popoli. Questa sera, alle 21, il salone di via Mandelli ospiterà una tavola rotonda sul tema “Accogliere, proteggere, promuovere, integrare i migranti e i rifugiati”. Parteciperanno il vescovo di Alba, mons. Marco Brunetti, il sindaco Maurizio Marello, don Paolo Rocca, direttore diocesano di Migrantes, don Luigi Alessandria, direttore della Caritas diocesana, gli operatori della Comunità Papa Giovanni XXIII e Giovanni Allocco dell’Associazione Aurora. Domani, sabato 6 gennaio, mons. Brunetti presiederà alle 10.30 la messa in cattedrale a cui parteciperanno attivamente gli stranieri provenienti da tutti i paesi della diocesi. Il ritrovo è fissato per le 9.30 in piazza Duomo. Al termine della celebrazione eucaristica, i presenti si trasferiranno nei locali dell’oratorio del duomo per il pranzo dell’amicizia.

Diocesi: Prato, domani una Messa con le comunità cattoliche straniere

Agensir.it - Fri, 2018-01-05 14:28

Una Messa con le comunità cattoliche straniere presenti a Prato sarà celebrata domani, sabato 6 gennaio, alle 15,30, in cattedrale. A presiederla sarà il vescovo, mons. Franco Agostinelli, nel giorno del sedicesimo anniversario della sua ordinazione episcopale. La celebrazione multilingua sarà animata dai canti e dalle preghiere delle cappellanie straniere. La prima lettura sarà proclamata in inglese e la seconda in cinese, mentre il Vangelo in italiano. Saranno presenti le comunità: nigeriana, cinese, rumena, filippina, pakistana, polacca e ucraina. Al termine della Messa, la festa si sposterà sul sagrato del duomo. La prima iniziativa è nel segno della tradizione: i bambini presenti in piazza saranno chiamati a dare un bacio alla statua di Gesù Bambino. Il momento sarà accompagnato dai canti e dalle danze promosse dalla comunità nigeriana assieme a quella rumena e filippina. Poi mons. Agostinelli proclamerà i primi tre classificati nel concorso diocesano dei presepi delle parrocchie. Infine, saranno estratti i biglietti vincenti della lotteria di Natale.

Epifania: Exodus e Progetto Arca, domani merenda in musica e regali per 100 senzatetto alla Stazione centrale di Milano

Agensir.it - Fri, 2018-01-05 14:11

“Una ricca merenda in musica per offrire a chi non ha niente e vive per strada la possibilità di chiudere in allegria questo ciclo di feste e trascorrere serenamente anche l’Epifania”. L’appuntamento, organizzato da Fondazione Exodus e Fondazione Progetto Arca onlus, si svolgerà domani a Milano, dalle 14 alle 17 nella sala musica di Sos Stazione centrale, nel sottopassaggio tra via Tonale e via Pergolesi.
“Sono attese circa 100 persone senza dimora, alle quali i volontari delle due fondazioni offriranno una merenda preparata nelle cucine di Progetto Arca: the, caffè, succhi di frutta, ma anche torte, brioches e tramezzini. A ogni ospite verrà inoltre consegnato in dono uno zainetto contenente un kit igienico con asciugamano, sapone, spazzolino, dentifricio, salviettine e un cambio intimo (maglietta, slip, calze)”, si legge in una nota. Ad allietare l’atmosfera, inoltre, sarà l’esibizione della Bar Boon Band, gruppo musicale formato dai senza dimora della Stazione centrale, oltre ad altri artisti, cantautori e musicisti di strada.
Alberto Sinigallia, presidente di Progetto Arca e già volontario quando Sos Stazione centrale muoveva i primi passi, commenta così la collaborazione tra le due onlus in occasione dell’evento: “Siamo felici di contribuire alla festa di Sos, con cui condividiamo una forte passione per questo lavoro e impegno rivolto alle persone senza dimora. Le feste possono essere un momento difficile per chi ha perso tutto; grazie a occasioni come queste vogliamo trasformarle in un’occasione di incontro, speranza e rinascita anche per i meno fortunati”. Info: www.progettoarca.org

Diocesi: Aversa, domenica commemorazione per i vent’anni dalla morte di mons. Nicola Comparone

Agensir.it - Fri, 2018-01-05 13:54

“Venti anni fa ci fu la scomparsa di uno tra i figli illustri della diocesi normanna: il vescovo mons. Nicola Comparone, nato ad Aversa nel 1924 e deceduto a Piedimonte Matese nel 1998”. Lo ricorda una nota della diocesi di Aversa. La comunità parrocchiale di S. Lorenzo Fuori le Mura e la famiglia religiosa delle “Suore Vittime Espiatrici di Gesù Sacramentato” ricorderanno la sua figura nella commemorazione del ventennale domenica prossima, 7 gennaio, alle ore 18, presso la basilica di S. Lorenzo Fuori le Mura di Aversa. La concelebrazione eucaristica sarà presieduta dal vescovo di Aversa, mons. Angelo Spinillo.
Nato ad Aversa nel popoloso Borgo San Lorenzo e vissuto al servizio della Chiesa locale, “mons. Nicola Comparone ha esercitato il ministero sacerdotale come educatore di generazioni di laici e chierici, professore, canonico, cancelliere vescovile, vicario generale, infine, promosso e consumato come vescovo di Alife-Caiazzo. Due decenni fa, dunque, la vigilia dell’Epifania fu un grave lutto per varie diocesi: Aversa, Alife, Caiazzo. L’aveva stroncato una ischemia improvvisa a Piedimonte Matese, dove l’obbedienza e le necessità della Chiesa lo avevano chiamato”, conclude la nota.

Papa Francesco: “Dio passa lungo le strade polverose della nostra vita e ci chiama alla gioia”

Agensir.it - Fri, 2018-01-05 13:40

“Dio passa lungo le strade polverose della nostra vita e, cogliendo la nostra nostalgia di amore e di felicità, ci chiama alla gioia”. Lo scrive oggi Papa Francesco in un tweet.

Dio passa lungo le strade polverose della nostra vita e, cogliendo la nostra nostalgia di amore e di felicità, ci chiama alla gioia.

— Papa Francesco (@Pontifex_it) January 5, 2018

Corridoi umanitari: Caritas Ventimiglia-San Remo, accolta una giovane eritrea col figlio giunti dalla Libia

Agensir.it - Fri, 2018-01-05 13:21

Yordanos, 28 anni e un figlio di 5, in fuga dalla guerra e dalle violenze in Eritrea ha trovato accoglienza nel centro della Caritas di Ventimiglia, a San Remo. Una storia di stenti e sofferenze la sua. Partita quasi due anni fa dal suo Paese di origine, è giunta poco prima di Natale in Italia, grazie al primo corridoio umanitario aperto con la Libia, per via dell’impegno della Cei e del governo italiano. “È stata sottoposta ad alcune visite mediche: le condizioni della ragazza e del figlio sono risultate buone, ma è molto provata per quello che ha vissuto durante il viaggio”, spiega Marco Morraglia, responsabile dell’area stranieri della Caritas di Ventimiglia-San Remo. Dopo il suo arrivo, ha raccontato agli operatori le ragioni della fuga dall’Eritrea. Figlia di agricoltori, Yordanos ha frequentato la scuola fino alle medie. Poi, il servizio militare e la difficoltà a trovare un lavoro in un Paese in guerra. Il compagno è un ingegnere nautico e lavora in Angola. Dopo aver attraversato a bordo di un camion con tanti altri profughi il Sudan, Yordanos è giunta in Libia, dove è rimasta per sette mesi in una casa. Con lei un centinaio di persone. “Lì racconta di avere visto scene che l’hanno abbastanza provata: alcune persone sarebbero morte di fame o di malattie”, afferma Morraglia. Nelle parole della donna la compravendita dei trafficanti da cui era stata ridotta in schiavitù. “Ci ha detto di essere stata venduta e comprata per quattro volte, finché non è stata liberata e affidata all’Unhcr”. Il sogno di Yordanos è l’Olanda, dove lavora e vive il cognato, che ha sentito telefonicamente nei giorni scorsi. “Era convinta di andare lì e non di arrivare in Italia. Ma le ho spiegato che la richiesta di asilo va fatta qui, a meno che non ci sia un parente stretto in un altro Paese europeo. Purtroppo in questo caso non è così”. In attesa di poter concretizzare questa speranza, nei prossimi giorni la ragazza presenterà la richiesta di asilo e si sottoporrà ad altri controlli medici. Subito dopo, la attenderà la scuola di italiano per stranieri.

Menù ad Accesso Rapido

Accesso rapido

La Parola
Ragazzi
Scie di Luce
Servizi La Stanza
Media
Cattolici  Protestanti  Ortodossi  Ecumenismo  Vita Quotidiana
  • ° Vita Pubblica
  • ° Lui & Lei
  • ° Matrimonio
  • ° Figli
  • ° Ricette
  • ° Viaggi


 Notizie