Feed aggregator

Diocesi: Milano, domenica 11 al Refettorio Ambrosiano l’ottavo incontro della rassegna “Prendi il libro e mangia!”

Agensir.it - Thu, 2017-06-08 16:23

Pochi giorni fa il Refettorio Ambrosiano ha compiuto due anni e per l’istituzione milanese è tempo di bilanci. Il ristorante solidale, creato dallo chef Massimo Bottura e realizzato da Caritas ambrosiana con l’obiettivo di trasformare le eccedenze di Expo in mensa per i poveri, veniva aperto il 4 giugno del 2015 in occasione dell’Esposizione universale dedicata al tema “Nutrire il pianeta”. E da allora è diventato il punto di riferimento di una filiera del recupero grazie alla quale il cibo destinato ai rifiuti viene rimesso in circolo. In questi anni l’ente diocesano, anche una volta smantellati i padiglioni di Rho, ha proseguito il suo cammino nel recupero delle eccedenze: il risultato è che ogni settimana due quintali di frutta e verdura destinati al macero vengono rimessi nel circuito della solidarietà grazie a un accordo tra i Mercati Generali di Milano e Caritas Ambrosiana. Questi alimenti vengono cucinati per i circa 90 ospiti assistiti ogni sera dall’ente caritativo, mentre un’altra parte viene portata a Lecco dove la cooperativa “Il Grigio” la trasforma in conserve e minestre surgelate. “Dall’inizio della crisi le richiese di aiuti alimentari sono aumentate del 30% – osserva Luciano Gualzetti, direttore di Caritas Ambrosiana -. Questa esplosione di domanda ci ha costretto a riorganizzarci e a trovare un modo nuovo di approvvigionamento delle parrocchie che rischiavano di venire sopraffatte o di spendere tutte le loro risorse per la distribuzione di cibo”. Domenica 11 giugno, alle 19.30, al Refettorio Ambrosiano andrà in scena l’ottavo incontro della rassegna “Prendi il libro e mangia!”, dove alcuni ospiti illustri proporranno l’ascolto di testi proclamati durante la cena. L’iniziativa è intitolata “Riforma e creazione” e ha come ospite don Albino Bizzotto, prete e fondatore dell’associazione nazionale di volontariato “Beati i costruttori di pace”. L’ingresso alla manifestazione è libero fino ad esaurimento posti. Per iscriversi all’evento si può scrivere una mail a: iscrizioni@perilrefettorio.it; oppure chiamare il numero 380.8922240.

Università: Pul, per “Adotta uno studente” già 600 borse di studio finanziate

Agensir.it - Thu, 2017-06-08 16:08

Nel mondo sono numerose le persone religiose o laiche che hanno grandi doti intellettuali e umane ma si trovano nella condizione di non poter studiare. “Adotta uno studente” è la campagna della Fondazione Civitas Lateranensis che nasce alla luce della sua stessa mission: “Dare ai meno abbienti una preparazione universitaria per potere fare del bene nel mondo”. Dal 2009 – informano i promotori dell’iniziativa – sono state oltre 600 le borse di studio finanziate attraverso lasciti e donazioni che hanno sostenuto ecclesiastici e laici da tutti i continenti. “Il Papa ce lo ha detto fin dai primi discorsi sull’educazione”, dice Giulio Carpi, consigliere delegato della Fondazione Civitas Lateranensis – ‘Sappiate distinguervi per la vostra costante attenzione alla persona, in modo speciale agli ultimi, a chi è scartato, rifiutato, dimenticato’ – e ‘Adotta uno Studente’ è anche un appello alla comunità tutta per sostenere lo sviluppo dei talenti, per favorire la crescita di chi non ha risorse ma doti straordinarie”. Chi deciderà di partecipare al sostegno di un corsista potrà “contribuire direttamente all’opera di innovazione della Chiesa, rendendola capillare e concreta; sostenere persone dotate di talento e nella necessità di innovare le chiese locali; vedere ricadere il valore e l’effetto del proprio investimento non solo sui corsisti partecipanti alla scuola ma anche sui loro territori di appartenenza”.

 

Media: Tv2000, boom ascolti in primavera +12,3%. Al mattino 7ª tv nazionale

Agensir.it - Thu, 2017-06-08 16:03

Crescono gli ascolti di Tv2000 nella stagione primaverile 2017 chiusa con un +12,3% nel totale della giornata (7:00/2:00) con una media dello 0,82% di share che rappresenta la miglior performance stagionale di sempre.
Significativi riscontri si evidenziano nel daytime che segna un +14,1% rispetto alla primavera dello scorso anno: in particolare, la fascia del mattino (07.00-12.00) registra un 2,31% di share medio pari a un +40% sul 2016, posizionandosi come settima rete nazionale al pari di Italia1 e superiore alle emittenti digitali rilevate, grazie alle performance dei programmi “Bel Tempo si Spera” 1ª parte (1,67%), la Santa Messa (3,91%), “Bel Tempo si Spera” 2ª parte (3,1%), “Il mio medico” (1,90%) e “Quel che passa il convento” (1,22%).
In crescita anche la fascia 12:00/15:00 con un +41% sul 2016 grazie all’edizione del Tg2000 (+50%) e la programmazione della telenovela “Topazio” che con lo 0,72% raddoppia i dati dello scorso anno. Si consolida la fascia 15:00/18:00 che chiude la stagione sfiorando l’1% di share medio grazie alla diretta del contenitore pomeridiano “Siamo noi”, del “Diario di Papa Francesco” e del “Mondo Insieme” di Licia Colò.
Nel prime time (21:30/23:30) l’emittente della Cei cresce del 15,2% con uno share medio dello 0,53%, grazie ad una programmazione diversificata tra cinema, produzioni e serie tv.
La domenica con i film religiosi si registra lo 0,8% medio con quasi 200 mila telespettatori; il martedì con la nuova produzione di “Buonasera Dottore” una media delle 0,6% e 150mila telespettatori medi (con un picco il 28 marzo 2017 con oltre 200mila e lo 0,75% di share medio).
Il giovedì il nuovo programma di Michele La Ginestra “Il programma del secolo” presenta uno share medio in linea con il dato del prime time. Il venerdì con la programmazione cinematografica share medio dello 0,84% incrementando del 55,5% il dato del 2016.
La programmazione della serie “Orgoglio e Pregiudizio” in onda tra aprile e maggio raggiunge l’1% di share media e il sabato la serie tv ‘Poirot’ ottiene uno share medio dello 0,8% con un picco il 6 maggio 2017 all’1%.
Ottimi riscontri si evidenziano anche dall’informazione di Tv2000 in cui la rassegna stampa della mattina cresce del 9%, il Tg2000 delle 12:00 del 50% e quello delle 18:30 consolida l’ascolto del 2016 mentre la nuova edizione delle 20:30 registra un incremento del 23,5% dalla data di partenza del 7 novembre 2016.
L’offerta digital di Tv2000 è in costante crescita dove sono state raggiunte oltre 18 milioni di pagine viste sullo streaming con 12 milioni di utenti unici; oltre 2 mila i contatti settimanali su Paper.li, il quotidiano online che ogni sera aggrega i contenuti di giornata di Tv2000; sui contenuti aggregati prosegue l’esperienza di web storytelling del sito WebDoc, che nell’ultimo mese ha superato i 5 mila contatti. Il profilo Twitter registra 26.600 followers mentre la fan page di Facebook ha oltre 240 mila like. Tv2000 infine ottiene oltre 70 milioni di visualizzazioni su You Tube, grazie anche alle sue App.

In un altro mondo: Calabresi (“Sovvenire”), “c’è un interesse molto forte dei giovani verso bene comune e volontariato”

Agensir.it - Thu, 2017-06-08 15:58

“C’è un interesse molto forte dei giovani verso il bene comune e il volontariato. C’è molta propensione alla spiritualità che significa, a volte, vicinanza al credo religioso e, in altre, semplicemente trovare un senso della vita”. Così Matteo Calabresi, responsabile del Servizio Cei per la promozione del sostegno economico alla Chiesa cattolica, commenta al Sir il percorso che ha portato all’individuazione dei 4 vincitori del concorso “In un altro mondo” promosso da Conferenza episcopale italiana (Cei) e Caritas Italiana. Clelia, Angelo, Federica e Marta, quattro giovani tra i 20 e i 30 anni, “sono stati scelti – spiega Calabresi – in un campo, svoltosi a maggio a Roma, di formazione e, nello stesso tempo, di valutazione con giochi di ruoli e dinamiche di gruppo proposte con formatori quasi tutti di Caritas Italiana”. Tra i vincitori “alcuni hanno già avuto esperienze di volontariato”. Ciascuno di loro vivrà un mese in realtà estere sostenute dai fondi dell’8xmille in Camerun, Haiti, India e Palestina. “Affronteranno il mese con un approccio molto fresco, a volte anche ingenuo”, assicura Calabresi, aggiungendo che “a loro chiediamo di vivere l’esperienza di volontariato con tutto il cuore e tutte le loro energie. A fine giornata, attraverso foto e qualche riga, realizzeranno un racconto social condividendo la loro esperienza e le emozioni vissute in quel giorno”. “I loro coetanei che hanno vissuto l’esperienza nelle scorse edizioni – ricorda – sono tornati molto entusiasti e sono rimasti tutti in contatto con l’opera dove sono stati inviati, perché si è creato un rapporto vero e sincero, per quanto un mese sia un tempo molto ridotto”. “Nonostante questo hanno vissuto emozioni forti e sono riusciti, probabilmente, più a ricevere che a dare perché in poche settimane è difficile riuscire a dare un contributo sostanziale”, conclude Calabresi, sottolineando l’importanza che, attraverso queste iniziative, “sensibilizziamo i giovani e diciamo loro che c’è speranza e c’è modo di aiutare gli altri”.

Papa Francesco: domani pomeriggio inaugura la sede romana di “Scholas Occurrentes”

Agensir.it - Thu, 2017-06-08 15:55

Domani, alle ore 17, il Papa inaugurerà la sede romana di Scholas Occurentes, nel Palazzo San Calisto, zona extraterritoriale vaticana nel quartiere romano di Trastevere. Scholas Occurrentes (in latino: scuole che si incontrano) è un progetto educativo che trova le sue radici nei programmi “Escuela de vecinos” ed “Escuelas hermanas”, promossi a Buenos Aires dal 2001 da Jorge Mario Bergoglio quando era arcivescovo della diocesi argentina. Attualmente è strutturata come una rete mondiale di scuole che condividono i loro beni, avendo obiettivi comuni e con speciale attenzione ai bambini con minori disponibilità economiche. A oggi, Scholas Occurrentes è diffusa in più di settanta Paesi dei cinque continenti. Il 15 agosto del 2015 Francesco, con un chirografo, ha dato a questa iniziativa la personalità giuridica di Fondazione pontificia.

Diocesi: Como, Caritas e Comboniani aprono dormitorio notturno per senza dimora e migranti

Agensir.it - Thu, 2017-06-08 15:51

“Lunedì 12 giugno, a nome della Caritas diocesana, firmerò con l’economo provinciale dei Missionari Comboniani la convezione per l’apertura di un dormitorio notturno in alcuni locali messi a disposizione dalla Congregazione nella loro casa di Rebbio a Como. A quel punto l’apertura sarà solo questione di pochi giorni”. A dare l’annuncio è il direttore della Caritas diocesana di Como, Roberto Bernasconi, che ha precisato come i posti disponibili saranno tra i 20 e i 25.
La decisione di aprire questo nuovo spazio per l’accoglienza in città era maturata il 6 maggio scorso durante una riunione, convocata dal vescovo Oscar Cantoni, a cui avevano partecipato i parroci di Como e le persone impegnate nell’accoglienza, per fare il punto sulla situazione in città. Dall’estate scorsa, infatti, a Como ai senza fissa dimora da tempo presenti sul territorio si è aggiunto un numero crescente di migranti in transito verso il confine svizzero o richiedenti asilo fuoriusciti della strutture di accoglienza. “Le modalità di gestione – prosegue Bernasconi – saranno simili a quelle del dormitorio già attivo in via Napoleona: si tratta di un dormitorio di bassa soglia ed è previsto un sistema di rotazione periodico in base alle liste d’attesa così da permettere a tutti di trovare, periodicamente, un momento di sollievo. Siamo consapevoli di come i posti non siano tanti, ma crediamo siano comunque un segno di attenzione da parte della Chiesa di Como a una realtà che ci interroga”.

Malta: premier Muscat vara il governo. Mons. Curmi (vicario generale), “ora riconciliazione basata sulla giustizia”

Agensir.it - Thu, 2017-06-08 15:44

Il primo ministro di Malta Joseph Muscat ha presentato oggi il nuovo governo, sostanzialmente un rimpasto del precedente, con qualche volto nuovo. I quindici ministri giureranno domani. Interpellato dal Sir per un commento sull’esito delle elezioni del 3 giugno che hanno confermato la fiducia al laburista Muscat, il vicario generale della diocesi di Malta, mons. Joseph Galea Curmi, ha detto: “La Chiesa non entra nella politica partitica; è sempre pronta a collaborare con i leader del Paese nella ricerca del bene comune e di una società giusta che ha cura dei valori etici”. Prima delle elezioni i vescovi avevano spiegato in una Lettera pastorale “che la domanda principale” è “quale tipo di società vogliamo per noi stessi e per le generazioni future”. Il vicario auspica che ora avvenga “un’analisi su quale tipo di società si rifletta nei risultati delle elezioni e sarà in questa società che la Chiesa dovrà esercitare il suo ministero pastorale”. Una delle priorità, dopo una campagna elettorale dai toni molto duri, è “promuovere la riconciliazione: è un messaggio che l’arcivescovo di Malta e il vescovo di Gozo hanno ripetutamente sottolineato”, spiega ancora mons. Galea Curmi, e di cui si parla anche nella Lettera pastorale. “Dovrebbe essere una riconciliazione basata sulla verità e la giustizia, sul rispetto dello Stato di diritto e il corretto funzionamento delle istituzioni del Paese i cui leader si assumono le responsabilità senza paure o favori”, conclude mons. Galea Curmi.

Salute: Osp. Bambino Gesù, sabato 9 giugno “open day” sulle malattie della pelle

Agensir.it - Thu, 2017-06-08 15:32

La dermatite atopica, patologia della pelle tra le più diffuse in età pediatrica, colpisce 1 bambino su 5. Le ittiosi, gruppo di malattie genetiche rare, a seconda della forma ne colpiscono 1 su 3.000/200.000. Le caratteristiche comuni sono l’alterazione della barriera cutanea, secchezza, prurito e necessità di gestione continua. Sono croniche e incidono sulla qualità di vita dei pazienti e dei familiari, sia per il disagio estetico che per il prurito. Per rispondere a tutte le domande dei genitori e per informarli su come gestire correttamente queste malattie, l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, con il supporto della Fondation pour la Dermatite Atopique, promuove un open day che si terrà sabato prossimo, 10 giugno, dalle 9 alle 14.30 nella sede di Roma – San Paolo (viale di San Paolo, 15). La partecipazione è libera e gratuita. La giornata di informazione e confronto è la prima iniziativa dedicata ai pazienti del Network Europeo per le Malattie Rare della pelle (Ern-Skin), rete co-coordinata dalla dottoressa May El Hachem, responsabile di Dermatologia del Bambino Gesù.

Un team di specialisti (dermatologi, allergologi, psicologi, assistenti ludiche e infermieri) sarà a disposizione delle famiglie che potranno scambiare esperienze e ricevere supporto anche dalle associazioni di genitori presenti. Nel corso della giornata verrà presentato il nuovo protocollo elaborato dagli esperti del Bambino Gesù con le varie tecniche di distrazione dal prurito, sintomo tra i più difficili da gestire. “Abbiamo deciso di dedicare l’intera giornata ai pazienti e ai loro familiari per capire ancora meglio le difficoltà quotidiane di chi convive con queste patologie e per garantire loro una presa in carico sempre migliore” spiega El Hachem: “L’Open Day dà la possibilità ai genitori di esporre liberamente i problemi anche emotivi legati alla patologia dei propri figli. In questo modo possiamo creare percorsi sempre più completi per i nostri piccoli pazienti fornendo un sostegno anche di tipo psicologico. Quando si crea empatia tra medico e familiari l’iter di cura diventa più agevole”.

Papa Francesco: udienza a delegazione di Ahiara, in Nigeria

Agensir.it - Thu, 2017-06-08 15:22

Il Papa ha ricevuto oggi in udienza privata una delegazione della diocesi di Ahiara (Nigeria), accompagnata dal cardinale John O. Onaiyekan, arcivescovo di Abuja e amministratore apostolico di Ahiara, dall’arcivescovo metropolita di Owerri, monsignor  Anthony Obinna; dall’arcivescovo di Jos e presidente della Conferenza episcopale della Nigeria, monsignor Ignatius Kaigama, e dal vescovo di Ahiara, monsignor Peter Ebere Okpaleke. A darne notizia è la Sala Stampa della Santa Sede, specificando che della delegazione facevano parte i sacerdoti Clement O. Ebii, Jude N. Uwalaka, Uhuegbu Innocent Olekamma, Suor Bernadette O. Ezeyi e S.A. Stanley Pius Iwu, capo tradizionale. La delegazione ha compiuto un pellegrinaggio ad Limina Apostolorum, visitando le Tombe degli Apostoli Pietro e Paolo, nonché la basilica di Santa Maria Maggiore per momenti di preghiera; infine, questa mattina ha partecipato alla celebrazione privata della Messa di Papa Francesco.  Nei giorni precedenti la delegazione ha avuto incontri con il cardinale segretario di Stato, Pietro Parolin, il prefetto e i superiori della Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli con i quali “è stata esaminata largamente la penosa situazione della Chiesa in Ahiara”, si legge nel comunicato. Nell’udienza di oggi Papa Francesco, “dopo attenta valutazione, ha parlato della non accettabilità della situazione in Ahiara e si è riservato di prendere gli opportuni provvedimenti”.

Russia: convegno pastorale diocesi Madre di Dio di Mosca su “Dalla custodia della fede all’annuncio”

Agensir.it - Thu, 2017-06-08 15:16

Stanno per giungere a conclusione nel seminario superiore a Vilnius i lavori del quinto convegno pastorale dell’arcidiocesi della Madre di Dio di Mosca. Sono 85 i responsabili pastorali giunti da tutte le zone della diocesi per confrontarsi sul tema: “Dalla custodia della fede all’annuncio”. Dopo l’introduzione tenuta dall’arcivescovo Paolo Pezzi, per due giorni i partecipanti hanno lavorato divisi in otto gruppi: la Scrittura, la liturgia, la pietà popolare, l’evangelizzazione, la catechesi, le famiglie, i giovani, la cultura. Questi gli ambiti in cui, secondo mons. Pezzi, la Chiesa cattolica in Russia è chiamata nel suo percorso di crescita a verificarsi per passare da una situazione di “rinascita e di ripristino delle strutture” a una vivificazione dell’annuncio. Mons. Pezzi ha quindi invitato a confrontarsi sugli otto ambiti usando le tappe metodologiche indicate nell’instrumentum laboris per il Sinodo dei giovani del 2018, vale a dire “riconoscere, interpretare, scegliere”. Ad accogliere i partecipanti a Vilnius il saluto dell’arcivescovo Gintaras Grusas, che ha ricordato la figura di Teofilus Matulionis, che sarà beatificato il 25 giugno: vescovo martire che “ha offerto le sue preghiere e le sue sofferenze insieme a quelle di altri sacerdoti rinchiusi nei gulag per la conversione della Russia e dei loro persecutori”, ha spiegato mons. Grusas.

Diocesi: Vicenza, domenica 11 assemblea degli insegnanti di religione di tutte le scuole

Agensir.it - Thu, 2017-06-08 14:55

“Dove vai scuola italiana? Società, scuola e Irc con uno sguardo al domani”. Questo il titolo della mattinata che gli insegnanti di religione cattolica di tutte le scuole della diocesi di Vicenza vivranno domenica prossima, 11 giugno, a Villa San Carlo di Costabissara. L’assemblea diocesana degli Idr – informa la discesi – si celebra per la XXVII volta al termine dell’anno scolastico e si presenta in una modalità nuova, non più caratterizzata da una relazione frontale, ma da tre laboratori esperienziali in cui gli insegnati potranno confrontarsi sul proprio lavoro a partire da input diversi: video, testimonianze, riflessioni sulla scuola, la società e il ruolo specifico dei docenti di religione cattolica.
Dopo l’accoglienza, alle ore 9 inizieranno i lavori con il saluto del direttore dell’Ufficio diocesano per l’Irc, mons. Antonio Bollin, che considera questa giornata al termine dell’anno scolastico come “un momento di serenità, di fraternità, di formazione condivisa e di vera comunione ecclesiale per tutti i docenti”. Dopo i lavori di gruppo, l’assemblea procederà anche con l’elezione per il rinnovo dei rappresentanti zonali nella Commissione diocesana per l’Irc, organo costituito per ascoltare le necessità dei docenti e individuare scelte e linee di indirizzo per l’insegnamento della materia. I lavori si concluderà con la celebrazione della Messa ed un momento conviviale.

Diocesi: mons. Santoro (Taranto), Rinnovamento carismatico cattolico “fermento di conversione”

Agensir.it - Thu, 2017-06-08 14:34

La difesa della sacralità vita in ogni situazione, anche nella malattia, la salvaguardia della salute e del diritto al lavoro in una città assillata da tanti problemi, l’appello al voto per il rinnovo del consiglio comunale in obbedienza alla propria coscienza e alla dottrina sociale della Chiesa: sono stati ieri sera gli argomenti toccati nell’omelia dell’arcivescovo della diocesi ionica Filippo Santoro, in occasione della celebrazione eucaristica per i 50 anni del Rinnovamento carismatico cattolico, presente in diocesi con le sue varie espressioni da circa trent’anni. Oltre mille i presenti nella parrocchia Santo Spirito, appartenenti a gruppi e comunità della diocesi. Lo sventolio di centinaia di fazzoletti rossi, richiamanti il fuoco dello Spirito Santo, ha salutato la processione introitale con mons. Santoro e gli altri sacerdoti concelebranti. Dopo aver definito il Rinnovamento carismatico “fermento di conversione” per moltissime persone, l’arcivescovo ha ricordato la sua partecipazione a Roma domenica scorsa alla santa messa di Pentecoste con papa Francesco: nella stessa giornata ha celebrato in San Paolo fuori le Mura con circa cinquemila carismatici brasiliani della comunità “Gesù Buon Pastore”, che seguiva nella chiesa di Nostra Signora di Copacabana, da sacerdote “fidei donum”. “Per me è stato quasi un ritorno a casa”, ha detto. A proposito della necessità di una nuova evangelizzazione ha poi ricordato il dovere per ogni cristiano della testimonianza della fede nella vita quotidiana.

Arte e fede: Ascoli Piceno, eccezionale successo per “I Teatri del Sacro”, previste repliche straordinarie

Agensir.it - Thu, 2017-06-08 14:18

“Un risultato oltre ogni aspettativa, che conferma la scelta di Ascoli come città di cultura e accoglienza”. Così il direttore, Fabrizio Fiaschini, commenta l’eccezionale risposta di pubblico per gli spettacoli della rassegna “I Teatri del Sacro”, che quest’anno per la prima volta si è spostato da Lucca per raggiungere il territorio ascolano. “Ringraziamo lo staff, il comune e la diocesi per il loro sostegno e per la passione che hanno dedicato a questo progetto”, prosegue Fiaschini a proposito dell’iniziativa, che si concluderà l’11 giugno: “Ci stiamo organizzando per aggiungere delle repliche straordinarie degli spettacoli”. “Quando mi è stata proposta quest’avventura – ha esordito Guido Castelli, sindaco di Ascoli Piceno –  ho avuto subito la sensazioni che Ascoli potesse prestarsi bene a questo tipo di rassegna. È una città che è tanto bella da far pensare a un non-luogo, e ha una caratteristica singolare: quella degli spazi. È armoniosa senza essere simmetrica. Chiaroscuri, muri, altezze, anfratti, muschi e travertini: la luce respira, ed è restituita in maniera unica. Se i Teatri del Sacro mirano a indagare dal punto di vista scenico ciò che non si vede ma c’è ed è essenziale, l’impostazione della città è perfetta”. “Il festival sta andando benissimo – ha commentato mons. Giovanni D’Ercole, vescovo di Ascoli Piceno – le rappresentazioni sono qualcosa di eccelso. Il contatto con l’arte, e col teatro soprattutto, è qualcosa di straordinario. I Teatri del Sacro oggi offrono una possibilità indispensabile di entrare nel campo del mistero non attraverso regole scritte e parametri prefissati, ma attraverso ciò che uno ha dentro. Grazie, a nome della diocesi, per questa possibilità che ci avete dato: che nella nostra città e nelle nostre parrocchie possa nascere il desiderio di rivalutare tantissimo il teatro. È uno degli strumenti fondamentali per staccare i ragazzi dalla loro difficile situazione attuale, per aiutarli a superare alcuni blocchi”.

Irlanda: attacco alla moschea di Galway, la solidarietà dei responsabili di tutte le Chiese cristiane

Agensir.it - Thu, 2017-06-08 14:05

I leader delle Chiese cristiane di Galway si stringono in solidarietà alla moschea di Masjid Maryam nella città di Galway che è stata oggetto di un’aggressione: il lancio di un sasso che, dopo aver frantumato una finestra, è stato scaraventato all’interno dove le persone erano in preghiera per il Ramadan.

“In modo inequivocabile e senza esitazione – si legge in un messaggio di solidarietà sottoscritto da tutti i leader delle Chiese cristiane – condanniamo il recente attacco alla moschea. Il fatto che ciò sia avvenuto durante il mese sacro musulmano di Ramadan e durante le preghiere nella moschea, rende questo atto ancora più criminale e scandaloso. La nostra città ha sempre goduto di eccellenti relazioni interreligiose. Questo attacco serve a incoraggiare la nostra determinazione e la decisione delle nostre comunità di fede a lavorare e pregare affinché queste relazioni vengano ulteriormente approfondite. In questo momento difficile, insieme offriamo il nostro pieno sostegno all’imam Ibrahim Ahmad Noonan, all’Associazione musulmana Ahmadiyyan irlandese e ai nostri fratelli e sorelle musulmani qui a Galway e in tutta l’Irlanda”.

Ucid: Ghidella eletto presidente. “Vorremmo contribuire alla creazione di una nuova classe dirigente rivolgendoci ai giovani”

Agensir.it - Thu, 2017-06-08 14:04

Riccardo Ghidella è il nuovo presidente Ucid (Unione cristiana imprenditori dirigenti, fondata nel 1947). Lo ha eletto ieri sera, all’unanimità, Consiglio nazionale per il triennio sociale 2017-2020. Ghidella è attualmente presidente regionale Ucid del Piemonte e succede a Giancarlo Abete alla presidenza nazionale. “Ringrazio i soci per la fiducia accordata a me e alla nostra squadra – commenta Ghidella – per questa importante sfida, che insieme desideriamo vincere per il bene comune. Ucid nel prossimo triennio si pone l’obiettivo di essere un nuovo riferimento degli imprenditori, dirigenti e professionisti che, in ogni territorio, desiderino offrire ai propri stakeholder soluzioni operative e formative per la gestione dell’impresa e della pubblica amministrazione, che coniughi competitività e centralità della persona”. “Vorremmo contribuire alla creazione di una nuova classe dirigente rivolgendoci ai giovani con soluzioni innovative d’impresa e di amministrazione pubblica basate sui valori cristiani. Intendiamo essere l’hub culturale e di azione, in Italia ed a livello internazionale, fra il mondo economico e del lavoro, le istituzioni e la società civile, per offrire cambiamento, speranza e costruzione del bene comune”.

Giornata mondiale rifugiato: dal calcio alle cucine degli chef stellati

Agensir.it - Thu, 2017-06-08 13:51

Sono molte le iniziative che verranno messe in campo dall’Unhcr lungo tutto il mese in occasione della Giornata mondiale del rifugiato (20 giugno). Fra le tante, spicca quella realizzata in collaborazione con Eataly, Food sweet food e le volontarie dell’associazione Festina lente, che prevede diversi show cooking, ovvero lezioni di cucina, a cura di chef stellati insieme a dei rifugiati che insegneranno le ricette dei loro Paesi d’origine. Altro evento sarà una partita amichevole tra una squadra composta dalle stelle del calcio italiano e la Libero Nantes, team di richiedenti asilo e rifugiati che nella sua categoria è risultata quattro volte su nove la squadra più corretta in campo sulle sessanta in competizione. Calcio d’inizio dell’incontro, in programma il 18 giugno allo Stadio delle Tre Fontane di Roma con ingresso libero, sarà dato dal testimonial Alessandro Gassman mentre la Piccola Orchestra di Torpignattara curerà l’intermezzo musicale. “Crediamo molto nello sport come occasione di accoglienza – ha commentato Damiano Tommasi, presidente dell’Associazione italiana calciatori che darà il suo contributo alla partita – perché sappiamo che quando gli usi e i costumi diversi creano barriere, il calcio e lo sport in generale aiutano ad abbatterle. I calciatori italiani, a tutti i livelli, a volte sono timidi nel raccontarlo ma sono molto accoglienti con gli stranieri negli spogliatoi. Contro Liberi Nantes – ha concluso l’ex calciatore di serie A -, giocheremo e giocheremo per vincere ovviamente!”. Per la squadra Liberi Nantes ha parlato infine Robel Tesfit, portiere e originario dell’Eritrea. “L’Italia per me è un bellissimo Paese – ha detto con la voce rotta dall’emozione – e sono stato felice di trovare la squadra Liberi Nantes, dove siamo tutti rifugiati di tante lingue diverse”.

Giornata mondiale rifugiato: Melandri (Maxxi), “il tema è nel Dna del museo”

Agensir.it - Thu, 2017-06-08 13:46

“L’Unhcr non è un ospite al Maxxi perché la potenza della cultura e del gesto artistico nel raccontare e avvicinare il pubblico al tema dei rifugiati è nel Dna di questa istituzione”. Lo ha detto Giovanna Melandri, presidente Fondazione Maxxi, durante la conferenza di presentazione degli eventi, in programma per la Giornata mondiale del rifugiato, celebrata il 20 giugno, realizzati dal Museo romano d’arte del XXI secolo in collaborazione con l’Unhcr, l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati. “Al Maxxi – ha spiegato Melandri – da anni abbiamo cercato di rendere il tema dei rifugiati oggetto della nostra programmazione. Fra i nostri contributi alla Giornata ci sarà un igloo rifugio, ideato da Achille Souras, e realizzato con i giubbotti di salvataggio usati dai rifugiati e migranti durante le traversate del Mediterraneo che sarà esposta fino al 25 giugno”. La portavoce dell’Unhcr per il Sud Europa, Carlotta Sami, ha precisato che gli eventi e le iniziative saranno vari, consultabili sul sito www.unhcr.it, a partire dalla giornata di oggi fino alla fine del mese. “Ci siamo resi conto – ha commentato la portavoce – che sono tanti gli italiani che hanno capito cosa stiamo facendo per i rifugiati. Il Maxxi può essere importante per capire cosa sta accadendo. Abbiamo pensato a una piattaforma che riunisce tutta l’Italia sotto varie arti, musica e sport, fruibile sul nostro sito. Inoltre la Rai dedicherà due giornate di programmazione alle storie che riguardano i rifugiati”. Lo spot della campagna di quest’anno della giornata avrà come testimonial Alessandro Gassman, attore e ambasciatore di buona volontà dell’Unhcr, e l’hashtag #Withrefugees.

Papa Francesco: al card. Bagnasco, “grazie per zelo pastorale, mitezza e lungimiranza”

Agensir.it - Thu, 2017-06-08 13:38

“Grazie per il suo zelo pastorale”, proprio di chi “ha saputo servire con mitezza e lungimiranza, ponendo al di sopra di tutto la carità evangelica”. È quanto scrive il Papa, in una lettera inviata al cardinale Angelo Bagnasco, arcivescovo di Genova. “Ho letto con piacere la sua bella lettera che ha voluto indirizzarmi al termine del suo mandato come presidente della Conferenza episcopale italiana”, esordisce Francesco: “Ho colto in essa l’abbandono ai disegni divini, la passione ecclesiale, la disponibilità all’ascolto e lo spirito di servizio che l’hanno guidata in questo decennio di intenso e generoso lavoro”. “Mi associo agli altri vescovi – prosegue il Papa – nel rinnovarle sentimenti di sincera gratitudine per la perseveranza e la pazienza con cui ha saputo adempiere al non facile incarico, promuovendo cordiali rapporti fraterni ed ecclesiali, che manifestano l’importanza della comunione e la gioia della fede. Ella ha saputo servire con mitezza e lungimiranza, ponendo al di sopra di tutto la carità evangelica. Grazie per il suo zelo pastorale”. “Anche il suo impegno e la sua presidenza – l’omaggio di Francesco – hanno stimolato la Chiesa che è in Italia a diventare sempre più ‘Chiesa in uscita’, annunciatrice gioiosa del Vangelo della misericordia e testimone di speranza”.

Regno Unito: Ispi, “campagna elettorale debole e poco convincente. Situazione incerta e Brexit alle porte”

Agensir.it - Thu, 2017-06-08 13:31

“Oggi i cittadini del Regno Unito vanno al voto per rieleggere i 650 membri della House of Commons, l’unica camera elettiva del sistema britannico. A meno di due anni dalle ultime elezioni e a quasi uno dal referendum su Brexit, la premier Theresa May ha indetto a sorpresa il voto anticipato motivandolo con la necessità di dare al Paese – oggi scosso dagli attentati di Manchester e Londra – una leadership ‘forte e stabile’, proprio in vista dell’avvio dei negoziati per l’uscita del Regno Unito dall’Unione europea”. Lo si legge nella presentazione del dossier sulle elezioni britanniche odierne preparato dall’Ispi, Istituto per gli studi di politica internazionale (www.ispionline.it). “Ma se fino a qualche mese fa il risultato sembrava scontato, con il partito conservatore di May con 20 punti di vantaggio sui laburisti di Jeremy Corbyn, oggi la situazione appare decisamente più incerta, anche se non ancora capovolta. Dopo una campagna elettorale debole e poco convincente, per May la speranza di ottenere una super–maggioranza si è allontanata, e così anche la possibilità di mettere a tacere tutti i mal di pancia interni al suo partito”. “Intanto, l’inizio dei negoziati con l’Ue è ormai alle porte, e cresce l’incertezza sulle implicazioni economiche, politiche e sociali – potenzialmente enormi – che Brexit potrebbe avere”.

Colombia: Morsolin (attivista diritti umani), “nel dipartimento del Chocó situazione incandescente”. La Chiesa accanto ai poveri

Agensir.it - Thu, 2017-06-08 13:07

Nonostante i recenti accordi di pace il clima che si respira in alcune zone della Colombia è insieme di tensione. Lo spiega al Sir, da Bogotá, il cooperatore e attivista sociale Cristiano Morsolin, che parla della “incandescente situazione” nel dipartimento del Chocó e nella zona di Buenaventura, nella Costa del Pacifico, con scioperi appoggiati dalla Chiesa cattolica che solo in questi ultimi giorni hanno conosciuto una positiva soluzione, con il riconoscimento del presidente Juan Manuel Santos che “molte cose restano da fare a Buenaventura”, città di capitale importanza per l’economia del Paese, trattandosi del principale porto sul Pacifico. Spiega Morsolin: “Si tratta di zone caratterizzate da povertà estrema, attività minerarie illegali, distruzione dell’ecologia ambientale, presenza di paramilitari, corruzione, violazioni dei diritti umani, assenza dello Stato. Nel Chocó quasi l’80% degli abitanti non accede ai servizi di base, ci sono migliaia di famiglie senza acqua potabile in casa. La protesta riguarda l’inadempienza del governo rispetto agli accordi del 2016 che prevedevano la costruzione di un ospedale, il miglioramento del servizio pubblico di acqua ed energia elettrica, la pubblicazione di una mappa aggiornata del Chocó, sicurezza rispetto ai paramilitari dell’Auc. A Buenaventura c’è stata la cronaca di uno sciopero annunciato. L’80% della popolazione è povera, il 70% è senza lavoro, quasi il 20% non sa né leggere né scrivere, c’è il tasso di mortalità più alto del Paese, non c’è un ospedale”.

Menù ad Accesso Rapido

Accesso rapido

La Parola
Ragazzi
Scie di Luce
Servizi La Stanza
Media
Cattolici  Protestanti  Ortodossi  Ecumenismo  Vita Quotidiana
  • ° Vita Pubblica
  • ° Lui & Lei
  • ° Matrimonio
  • ° Figli
  • ° Ricette
  • ° Viaggi


 Notizie