Feed aggregator

Consiglio d’Europa: “alto tasso di traffico di bambini”. Rischi particolari per bambini migranti e rifugiati

Agensir.it - Fri, 2017-07-28 14:06

(Strasburgo) “Gli Stati devono garantire risorse adeguate per i sistemi di protezione dei minori, prendere misure speciali per i minori rifugiati e migranti e offrire sostegni per la riunificazione quando nell’interesse superiore del bambino”, oltre che garantire che “tutti gli obblighi internazionali sui diritti umani siano pienamente rispettati alle frontiere e in tutte le procedure d’immigrazione”. La sollecitazione arriva dal Gruppo di esperti del Consiglio d’Europa sulla lotta contro la tratta di esseri umani (Greta), per la Giornata mondiale contro il traffico di esseri umani (30 luglio), considerato l’“alto tasso di traffico di bambini in Europa e i rischi che in particolare corrono bambini migranti e rifugiati”: vivono nelle zone di transito, alle frontiere e nei centri spesso senza protezione, ritardi nelle procedure e crescenti “restrizioni sulle riunificazioni famigliari in molti Paesi” e diventano facili prede delle reti di trafficanti. Secondo dati del Consiglio, “un quarto delle vittime del traffico identificate in Europa sono minori”, destinati allo sfruttamento sessuale o lavorativo, matrimoni forzati e, sempre più, la criminalità forzata. Il Greta rileva però “gravi carenze nella risposta degli Stati nella tutela dei minori a rischio” e nell’“assistenza ai minori vittime”. Secondo il presidente del Greta, Siobhán Mullally, è una “crisi umanitaria”, a cui gli Stati devono rispondere “con urgenza per rispettare, proteggere e garantire i diritti di tutti i bambini”.

Mobilità: Università Cattolica, aumentati dell’8% gli studenti all’estero

Agensir.it - Fri, 2017-07-28 13:57

Sono 37mila gli universitari italiani che hanno scelto un percorso di studio all’estero nel 2016, e più del 6% proviene dall’Università Cattolica, con un aumento dell’8% rispetto al precedente anno accademico. Lo rende noto l’Ateneo di largo Gemelli.  Tra le mete internazionali preferite dagli studenti Cattolica nel 2016 ci sono Stati Uniti D’America, Regno Unito, Spagna, Paesi Bassi, Francia, Germania, Irlanda, Repubblica Popolare Cinese. Tra gli studenti che hanno scelto di partire per l’estero, circa 650 hanno frequentato un semestre intero in un ateneo internazionale, mentre sono ben 300 gli studenti che hanno deciso di partire durante l’estate per frequentare i “Summer Programs”, corsi intensivi che si svolgono presso le università internazionali durante i mesi estivi; circa 390 studenti hanno svolto dei corsi di lingua fuori dall’Italia e ben 482 sono, invece, partiti per sfruttare l’opportunità garantita dall’Ateneo milanese di svolgere un periodo di stage all’estero presso grandi aziende o presso università, per chi si occupa di ricerca. Per non dimenticare i circa 100 studenti che, invece, si sono impegnati a svolgere una delle attività di volontariato garantite dal programma di International Volunteering dell’Università Cattolica e dal programma Charity, presso diverse sedi di alcuni enti non governativi o non profit in tutto il mondo. Intanto i numeri del Double Degree registrano una forte impennata negli ultimi 4 anni.  Sono oltre 100 gli studenti che  hanno scelto di sfruttare l’opportunità fornita dall’Università Cattolica di conseguire il doppio titolo all’estero, con un incremento del 49%. Il numero degli studenti internazionali che hanno scelto l’Università Cattolica nell’a.a. 2016/17 come meta per il proprio percorso di studi, ad oggi, ammonta a 3.535, ovvero il 9% del numero totale degli studenti iscritti in Cattolica nello stesso anno, circa 40.215.

Libia: Gentiloni, spero ampio sostegno Parlamento, bene per Italia

Agensir.it - Fri, 2017-07-28 13:50

(DIRE – SIR) – “Mi auguro che questa decisione per le potenzialità che offre abbia consenso più largo del Parlamento e venga considerato da Parlamento per sue caratteristiche”. Paolo Gentiloni, presidente del Consiglio, lo dice in conferenza stampa a Palazzo Chigi dopo il Consiglio dei ministri che ha approvato il dispiegamento di forze italiane in supporto alle libiche. “Il supporto alle autorità libiche può avere conseguenze importanti per il contesto nel quale si trova l’Italia e per ridurre il traffico orrendo di esseri umani”, aggiunge Gentiloni. (www.dire.it)

Libia: Gentiloni, stabilizzazione percorso accidentato ma priorità

Agensir.it - Fri, 2017-07-28 13:49

(DIRE – SIR) – “Non ho mai negato in questi anni e tanto meno nei mesi da presidente del Consiglio che il percorso di stabilizzazione della Libia è una nostra priorità ma è un percorso accidentato e che non è certamente un’autostrada in discesa”. Paolo Gentiloni, presidente del Consiglio, lo dice in conferenza stampa a Palazzo Chigi dopo il Consiglio dei ministri che ha approvato il dispiegamento di forze italiane in supporto alle libiche. “Senza enfasi sottolineo tuttavia che il passaggio a una missione di supporto alla Guardia costiera può essere rilevante, importante – aggiunge Gentiloni – e può dare al percorso di stabilizzazione e ai riflessi che ha su flussi migratori organizzati dai trafficanti e quindi sull’Italia conseguenze rilevanti”. (www.dire.it)

Libia: Gentiloni, rafforzeremo anche l’accoglienza ai migranti

Agensir.it - Fri, 2017-07-28 13:48

(DIRE – SIR) – “Abbiamo anche chiaro che si tratterà in questi mesi di proseguire e forse di accelerare nel lavoro di rafforzamento del lavoro delle organizzazioni internazionali che già si occupano dell’accoglienza dei migranti in Libia”. Lo dice il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, al termine del Consiglio dei ministri, osservando che “garantire accoglienza rispettosa dei diritti umani in Libia è un altro pezzo di questo discorso: se moltiplichi le capacità di controllo della sovranità delle autorità libiche, devi anche contribuire a rendere più forte la capacità ricettiva e di rimpatrio”. (www.dire.it)

Libia: Gentiloni, approvato quanto richiesto dal Governo di accordo nazionale libico

Agensir.it - Fri, 2017-07-28 13:47

(DIRE – SIR) – “Il mondo dell’informazione e dei media italiani ci aiuti a presentare questa iniziativa per quella che è: non si prende questa decisione contro la sovranità libica. Quello che abbiamo approvato è né più e né meno quel che ci è stato richiesto dal Governo di accordo nazionale libico”. Lo dice il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, a Palazzo Chigi al termine del Consiglio dei ministri. (www.dire.it)

Sud: Svimez, continua a crescere ma la ripresa è troppo lenta, servono nuovi investimenti

Agensir.it - Fri, 2017-07-28 13:24

Nel 2016, com’era già avvenuto nell’anno precedente, il Pil delle Regioni meridionali è tornato in crescita e a un tasso superiore a quello delle Regioni del centro-settentrionali: + 1% contro 0,8%. Nelle previsioni la crescita continuerà quest’anno (+1,1%) e anche nel 2018, ma con un ritmo più lento (+0,9%) e sarà inferiore a quella del Centro-Nord (+1,4% e +1,2%). Segnali positivi, dunque, ma in assenza di interventi capaci di imprimere un’accelerazione al processo in corso, anche sul piano degli investimenti pubblici (scesi nel 2016 al minimo storico) il Mezzogiorno recupererà i livelli pre-crisi nel 2028, dieci anni dopo il Centro-Nord. È questa l’analisi dello Svimez, che oggi ha fornito alcune anticipazioni del tradizionale rapporto annuale.
È importante, sottolinea lo Svimez, che nella ripresa del Sud abbia giocato un ruolo importante il settore manifatturiero, che nel biennio 2015-2016 è cresciuto cumulativamente di oltre il 7%. Il che dimostra che la crisi non ha minato la capacità produttiva delle Regioni meridionali. Significativa anche la ripresa dei consumi e degli investimenti privati: questi ultimi sono aumentati del 2,9% nel 2016, riuscendo a più che compensare il calo degli investimenti pubblici. Una dinamica per nulla scontata, nel Mezzogiorno.
Bisogna poi distinguere tra Regione e Regione, perché le situazioni sono molto differenziate. Addirittura clamoroso l’exploit della Campania, che nel 2016 è la Regione italiana con la crescita maggiore del Pil: +2,4%. La Basilicata rallenta ma continua a tirare e con il suo +2,1 si colloca tra le prime Regioni a livello nazionale. Anche il Molise conserva un buon ritmo (+1,6%), mentre frena la Puglia rispetto al 2015 (+0,7%). La Calabria cresce dello 0,9%, la Sicilia appena dello 0,3%. La Sardegna rialza la testa con un +0,6%, dopo due anni in negativo, mentre l’Abruzzo registra un -0,2%.

Libia: Gentiloni, nostro supporto per contrastare flusso migratorio

Agensir.it - Fri, 2017-07-28 13:20

(DIRE – SIR) – “Non sfugge a nessuno che il supporto italiano può rafforzare la capacità della Guardia costiera libica, e può dare un contributo molto rilevante al contrasto delle azioni dei mercanti di esseri umani ma anche governare i flussi migratori che raggiungono il nostro Paese”. Lo dice il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, a Palazzo Chigi al termine del Consiglio dei ministri. (www.dire.it)

Intesa Cei-Regioni e Province di Trento e Bolzano: don Pennasso, “importante per valorizzare gli istituti culturali”

Agensir.it - Fri, 2017-07-28 13:13

“Era il tassello che mancava nel rapporto con Enti e Regioni su temi importanti come quelli relativi alla valorizzazione del patrimonio ecclesiastico”. Don Valerio Pennasso, direttore dell’Ufficio nazionale per i beni culturali ecclesiastici, commenta così la firma del protocollo d’intesa tra la Conferenza episcopale italiana e la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome di Trento e Bolzano per “la valorizzazione e il godimento anche ai fini turistici dei beni e del patrimonio culturale, storico e artistico ecclesiastico”. L’accordo prevede la costituzione di un tavolo stabile tra i rispettivi rappresentanti e, in sede locale, di forme di collaborazione. “Sarà un’opportunità preziosa di concertazione e di confronto istituzionale”, spiega don Pennasso, e “grazie alla firma del protocollo il lavoro non sarà più basato sulla volontà delle parti che di volta in volta si incontravano”. In particolare, evidenzia il direttore dell’Ufficio Cei, “sarà importante per affrontare le questioni relative agli istituti culturali (biblioteche, archivi e musei), che sul territorio troveranno maggiore impulso grazie alla collaborazione con le Regioni”.

Russia: card. Koch incontra il metropolita Hilarion. Oltre 2 milioni i fedeli russi per le reliquie di san Nicola

Agensir.it - Fri, 2017-07-28 12:38

“Poiché san Nicola ha vissuto al tempo della cristianità ancora indivisa, la sua intercessione e il suo aiuto sono particolarmente importanti per la ricomposizione dell’unità della Chiesa in Oriente e in Occidente”. Lo ha detto il cardinale Kurt Koch, cardinale presidente del Pontificio Consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani, nell’omelia pronunciata ieri mattina – e resa nota dall’Osservatore Romano – nella basilica cattolica di Santa Caterina a San Pietroburgo. Si trova infatti in questa città la delegazione cattolica — di cui fa parte anche l’arcivescovo di Bari-Bitonto, monsignor Francesco Cacucci — che è incaricata di riportare a Bari la reliquia di san Nicola. “Lo scambio di reliquie che vengono offerte alla venerazione dei fedeli – ha detto il cardinale – è una forma particolarmente bella di avvicinamento tra le nostre Chiese, poiché in tale avvicinamento viene coinvolto più ampiamente il popolo di Dio. Quando domani la reliquia tornerà al suo luogo di origine, il compito di noi tutti rimarrà quello di restare fedeli alla preghiera per l’unità, continuando a chiedere l’intercessione dei santi. Infatti, i santi delle nostre Chiese, che sono già uniti in cielo, sono i nostri migliori intercessori e accompagnatori sul cammino ecumenico, e possono aiutarci a realizzare l’unità dei cristiani”.
Nel pomeriggio, il presidente del Dicastero vaticano per l’unità dei cristiani ha incontrato nel monastero di Novodevici il metropolita Hilarion, presidente del Dipartimento delle relazioni ecclesiastiche esterne del Patriarcato di Mosca. Durante l’incontro – si legge in un comunicato diffuso dal Patriarcato – le parti hanno discusso varie questioni relative alle relazioni bilaterali tra il Patriarcato di Mosca e la Chiesa cattolica romana. Entrambe le parti hanno sottolineato la straordinarietà dell’evento che ha portato le reliquie di san Nicola, arcivescovo di Myra, da Bari in Russia e il metropolita Hilarion ha detto che più di due milioni di fedeli a Mosca e San Pietroburgo hanno potuto venerare la reliquia. La traslazione delle reliquie del Santo, fortemente venerato in Russia, è stata resa possibile grazie agli accordi raggiunti nello storico incontro tra il Patriarca di Mosca e di tutte le Russie Kirill e Papa Francesco il 12 febbraio 2016 a L’Avana. Il cardinale Karl Koch ha espresso la sua profonda gioia per l’entusiasmo con cui il popolo russo ha accolto le reliquie di san Nicola mostrando quanto è grande la venerazione dei santi della Chiesa antica per “superare le differenze esistenti tra cristiani e pregiudizi”. Le due parti hanno convenuto sulla necessità di proseguire la cooperazione interconfessionale in questa direzione. Il metropolita Hilarion e il cardinale Koch hanno anche discusso questioni relative alle attività del Gruppo di lavoro congiunto sulla cooperazione culturale tra la Chiesa ortodossa russa e la Santa Sede.

Emergenza sanitaria: dal 28 al 30 settembre a Roma un congresso per la riforma del 118

Agensir.it - Fri, 2017-07-28 12:28

Uniformità di sistema, formazione del personale, controllo e monitoraggio del rischio clinico. Passerà attraverso questi tre punti la riforma del sistema di emergenza 118. A renderlo noto sono Pietro Pugliese, presidente del XV Congresso Sis 118 che si terrà a Roma dal 28 al 30 settembre, e Mario Balzanelli, presidente incoming. “Una riforma di sistema che ci auspichiamo possa incontrare la collaborazione del ministero della Salute”, dichiara Pugliese: “Abbiamo ottenuto la massima disponibilità da parte del ministro Lorenzin a riceverci per discutere sul futuro del sistema emergenza e approfitteremo di questa disponibilità per presentare, a nome della comunità scientifica del congresso, l’esigenza di avere interventi qualificati e risolutori da parte del ministero della Salute per segnare, a distanza di 25 anni dalla creazione del numero unico 118, una vera fase di cambiamento”. “Indispensabile”, per Pugliese, “è la creazione delle condizioni per poter presentare un progetto di dipartimentalizzazione del Set (sistema di emergenza territoriale) 118 con l’obiettivo di raggiungere una vera uniformità di sistema. Un’evoluzione che potrà determinare una vera e propria rivoluzione se penseremo anche all’attivazione di un progetto di formazione nelle scuole a carico del Set 118 e all’introduzione, a livello nazionale dell’attività di analisi, controllo e monitoraggio del rischio clinico e del Risk Management”. Di qui l’auspicio di “un passaggio alla dipendenza di medici di continuità assistenziale nel Set 118 e alla stabilità degli organici degli infermieri e dei medici per una implementazione della formazione e della qualità dei servizi erogati al cittadino”.

Vaccini: il testo approvato alla camera con 296 sì, 92 no e 15 astenuti. È legge

Agensir.it - Fri, 2017-07-28 12:11

(DIRE – SIR) – L’aula della Camera approva il decreto legge sulla obbligatorietà dei vaccini con 296 sì, 92 no e 15 astenuti. Il testo è legge. (www.dire.it)

Tratta: le organizzazioni d’ispirazione religiosa, “affrontare insieme questo crimine contro l’umanità”

Agensir.it - Fri, 2017-07-28 11:56

Nel mondo sono decine di milioni le vittime di tratta ma le condanne contro i trafficanti sono meno di 10.000. Il lavoro forzato e lo sfruttamento sessuale generano 150 miliardi di dollari di entrate ogni anno. “La tratta delle persone è un crimine contro l’umanità, una ferita aperta nel nostro mondo che deve essere guarita e affrontata efficacemente insieme”. Lo affermano, in vista della Giornata mondiale contro la tratta di persone che ricorre il 30 luglio, una rete di organizzazioni di ispirazione religiosa di tutto il mondo, lanciando un appello e una serie di proposte a governi e società civile affinché “intensifichino i loro sforzi per contrastare questo crimine”. Ai governi chiedono, tra l’altro, “modalità sicure, legali e responsabili” per permettere l’attraversamento delle frontiere a migranti e rifugiati, principali vittime della tratta; “sistemi adeguati per la protezione delle persone a rischio” e “concessione di permessi di soggiorno umanitari a lungo termine” per proteggerle; formazione di chi lavora nell’identificazione delle persone trafficate e “indagini basate sulla raccolta di informazioni, piuttosto che sull’onere della prova esclusivamente a carico della testimonianza delle vittime”. Viene chiesto anche di rafforzare le iniziative a sostegno delle vittime, “specialmente nelle regioni di frontiera e nei campi profughi” e attività di prevenzione e programmi educativi nei campi profughi per mettere al corrente i migranti dei rischi e informarli su come proteggersi. La rete è costituita da: Australian Catholic Religious Against Trafficking in Humans, Caritas internationalis, Christian Organizations Against Trafficking in Human Beings, Comisión contra la trata de personas Clar (Confederación latinoamericana de religiosos y religiosas), Dominicans for Justice and Peace, Franciscan International, Jesuit Refugee Service, Mercy International, Renate–Religious in Europe Networking Against Trafficking and Exploitation; Talitha Kum – The Worldwide Network of Religious Life against Trafficking in Persons; Uisg – Unione Internazionale delle Superiore Generali; Uisg-Usg Anti-Trafficking Working Group; Uanima International; Vivat International; Wucwo- he World Union of Catholic Women’s Organisations.

Anniversario Beppe Montana: card. Montenegro, “esempio di come essere servi della verità e sostenitori della dignità di ogni vita”

Agensir.it - Fri, 2017-07-28 11:52

“Dobbiamo essere in grado – e chi stiamo ricordando ce ne ha dato un esempio – di servire la verità e sostenere la dignità di ogni vita”. Lo ha affermato questa mattina il cardinale Francesco Montenegro, arcivescovo di Agrigento, presiedendo nella chiesa Beata Maria Vergine dell’Immacolata la messa di suffragio per Beppe Montana, il commissario della Polizia di Stato ucciso in un agguato mafioso il 28 luglio del 1985. A volere rendere omaggio al commissario Montana è stata la Questura di Agrigento. “Non accontentiamoci di essere cristiani – ha ammonito nell’omelia l’arcivescovo – il nostro impegno è di essere cristiani doc”. “È diverso il gioiello da bigiotteria, anche se mi rende bello, da quello comprato dall’orefice”, ha aggiunto Montenegro, che ha invitato a lasciar “contagiare le nostre vite e le nostre scelte da ciò che è buono e vero, da ciò che vale, anche se questo costa”. Secondo Montenegro, “essere credenti, stare dalla parte di Dio significa dire di no alla violenza e alla prepotenza”. Si tratta, ha osservato, di “essere disposti ad essere miti – ce lo chiedono le Beatitudini – in un mondo che sembra fatto di squali”. L’arcivescovo ha sottolineato l’importanza di “riuscire a sconcertare gli altri con gesti di gratuità, di servizio”. Rivolgendosi ai poliziotti presenti, Montenegro ha richiamato l’importanza di “essere capaci di cercare la giustizia ad ogni costo: non perché portate la divisa, ma come uomini dobbiamo desiderare questo e dobbiamo rischiare per questo”. “Sia il bene degli altri a guidarci”, ha proseguito. “Abbiamo bisogno di togliere reticolati intorno a noi: ce ne sono tanti e hanno ripreso a costruire muri”. Il cardinale ha poi ricordato la figura del giudice Rosario Livatino che “in tribunale aveva il Codice in una mano e il Vangelo nell’altra. Anche in un luogo che dovrebbe essere garantito dal Codice – ha notato – il Vangelo può trovare posto”. “Chiediamo al Signore – ha concluso – di portare dentro e con noi il Vangelo per arricchire il nostro servizio che illumina e cambia il cuore”.

Vacanze: Coldiretti/Ixè, “prenotazioni online per il 49% degli italiani, massimo storico”. Sale a 803 euro la spesa media per persona (+16% sul 2016)

Agensir.it - Fri, 2017-07-28 11:27

“Quasi la metà degli italiani in vacanza (49%) ha scelto la prenotazione online, che ha raggiunto il massimo storico di sempre”. È quanto emerge dall’indagine Coldiretti/Ixè che evidenzia il profondo cambiamento nelle abitudini degli italiani. “Sulla base delle indicazioni della rete – si legge in una nota – sono più facilmente disponibili a cambiare mete e programmi”. Secondo l’indagine, “il 30% dei vacanzieri prenota da solo sui siti web delle strutture recettive, mentre il 19% usufruisce dei siti specializzati e il 17% preferisce non prenotare”. “Tra i tradizionalisti – prosegue Coldiretti – il 17% contatta telefonicamente le strutture e appena il 16% si rivolge a tour operator o agenzie”. Altri dati riguardano la spesa media destinata dagli italiani alle vacanze estive che “sale a 803 euro per persona, con un aumento del 16% rispetto allo scorso anno. Quasi 2 italiani su 3 (63%) ritengono rilevante la spesa per pranzi, cene e acquisti prodotti tipici”. “Un terzo degli italiani (33%) – sottolinea Coldiretti – resterà comunque al di sotto dei 500 euro di spesa, il 38% tra i 500 e i 1.000 euro, il 15 % tra i 1.000 e i 2mila euro mentre percentuali più ridotte supereranno questo limite”. Dall’indagine emerge anche che “si risparmia sull’alloggio piuttosto che sulla spesa per il cibo con il 79% dei vacanzieri che preferisce assaggiare quello locale, mentre solo il 19% ricerca i sapori di casa ed il resto si affida alla cucina internazionale”.

Emergenza sangue: Policlinico Gemelli, una campagna radiofonica e uno “spot sociale” per sostenere la donazione

Agensir.it - Fri, 2017-07-28 11:15

Una campagna radiofonica con uno spot sociale per sostenere la donazione di sangue presso il Servizio di Emotrasfusione del Policlinico Universitario A. Gemelli, che nei mesi estivi purtroppo subisce un calo significativo. L’iniziativa solidale si deve all’impegno diretto di un donatore del Gruppo Donatori Sangue Francesco Olgiati Onlus che opera presso il Gemelli: la “radio personality” Corrado Gentile, storico conduttore di RDS, che ha ideato e curato la campagna. Fondamentale, la disponibilità di Dimensione Suono Roma, Dimensione Suono2, RAM Power 102.7 e della radio web Radio Show Italia, che trasmetteranno lo spot sociale. La campagna – informano i promotori – si svilupperà su queste importanti emittenti della Capitale a partire dal 31 luglio e fino al 3 settembre, periodo durante il quale lo spot sociale andrà in onda ripetutamente. Diverse sono le iniziative messe in campo dalla Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli insieme al Gruppo Donatori Olgiati per sostenere la donazione di sangue. Per esempio, i donatori di sangue del Gemelli riceveranno per tutto il 2017 un voucher per visitare i Musei Vaticani a soli 4 euro e senza fare la fila. Il Servizio Emotrasfusione – Centro Donatori del Gemelli, ubicato presso la Piastra Polifunzionale, piano -1 (meno uno), percorso viola è aperto dal lunedì al sabato dalle ore 8 alle 12, mentre la domenica e nei giorni festivi dalle ore 8 alle 11.

 

 

Ecumenismo: Sae, ieri giornata dedicata a “preghiera e mensa”

Agensir.it - Fri, 2017-07-28 11:03

È stato “La preghiera e la mensa” il tema che ha caratterizzato la quarta giornata della 54ª Sessione di formazione ecumenica del Segretariato attività ecumeniche (Sae) in svolgimento fino a domenica alla Domus Pacis di Santa Maria degli Angeli (Assisi). Ieri, ad aprire la giornata è stata la meditazione del pastore valdese Ermanno Genre. È seguita la tavola rotonda a cui hanno partecipato il teologo Andrea Grillo, docente presso il Pontificio Ateneo Sant’Anselmo di Roma, l’arciprete ortodosso Traian Valdman e il presidente della Federazione delle Chiese evangeliche in Italia, pastore Luca Maria Negro. Quest’ultimo, citando il manuale di Ermanno Genre “Il culto cristiano. Una prospettiva protestante”, ha definito la liturgia situata “al crocevia tra tradizione e innovazione” e perciò chiamata a evitare la fossilizzazione della tradizione e un effetto scompiglio dell’innovazione. Riprendendo un’affermazione di Paolo Ricca, il pastore ha evidenziato che la coralità – pluralità di voci, di linguaggi, di strumenti – è la principale caratteristica del culto cristiano. Nel procedere della discussione è emerso che liturgia è un termine eminentemente ecumenico, non solo perché oggetto di sperimentazioni nelle grandi convocazioni ecumeniche del Consiglio mondiale delle Chiese, alle quali molte celebrazioni attingono, ma perché presenta problemi comuni alle diverse tradizioni. Per Grillo, dopo la riforma liturgica attuata dal Concilio Vaticano II, dovrebbe essere ormai chiaro che la liturgia non è una questione di chierici che hanno di fronte dei “clienti”. La responsabilità è di tutti, anche a diversi livelli di ministero. Il lavoro di traduzione “della forma, della materia, del ministro – secondo il teologo – partono da differenze nella comunione che diventano articolazioni della comunione, nuova ricchezza per le diverse tradizioni”. Valdman ha osservato che “la teologia della deificazione e il vivere la liturgia sulla terra come fossimo nel cielo ha dato origine a una ‘esplosione’ della celebrazione che ha portato a riservare il canto a pochi cantori specializzati e ad allontanare la popolazione”. “Oggi – ha concluso – ci rendiamo conto che i modi non corrispondono alla vita attuale ma il tema non ha trovato unanimità nella preparazione del Sinodo pan-ortodosso per cui non è stato inserito nell’ordine del giorno a Creta”. La giornata si è conclusa con il culto di Santa Cena, ospitato dalla Pro Civitate Christiana e presieduto dal pastore metodista Antonio Squitieri che ha sottolineato come l’“Erano perseveranti nell’ascoltare l’insegnamento degli apostoli, nell’unione fraterna, nella frazione del pane e nelle preghiere” (At 2,42) è “un modello essenziale per la nostra relazione ecumenica di cristiani”. Le offerte raccolte nella colletta saranno devoluti a favore di un’associazione umbra di genitori di giovani disabili la cui sede e attrezzature sono state danneggiate nel terremoto del Centro Italia.

Turismo: Cei-Conferenza Regioni e Province di Trento e Bolzano, un tavolo di lavoro per favorire lo sviluppo del turismo religioso

Agensir.it - Fri, 2017-07-28 10:47

Promuovere azioni condivise di conoscenza e godimento, favorire lo sviluppo del turismo religioso a livello italiano e internazionale, stimolare l’incremento e la valorizzazione dell’offerta turistica italiana all’estero, incrementare la formazione di attori pubblici e privati operanti nel settore del turismo e della cultura. Sono gli obiettivi programmatici del protocollo d’intesa firmato dalla Conferenza episcopale italiana e dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome di Trento e Bolzano per la costituzione di un tavolo nazionale composto da membri delegati delle parti. Il tavolo si riunirà periodicamente, almeno tre volte all’anno, e potrà articolarsi in sottogruppi specializzati. In sede locale, si prevede di costituire un tavolo regionale. Il lavoro dei tavoli avrà durata quinquennale e sarà a titolo gratuito. Alle riunioni potranno essere invitati rappresentanti di altri enti pubblici e privati, italiani ed esteri.

Turismo: Cei-Conferenza Regioni e Province di Trento e Bolzano, protocollo d’intesa per valorizzazione del patrimonio ecclesiastico

Agensir.it - Fri, 2017-07-28 10:46

Per “la valorizzazione e il godimento anche ai fini turistici dei beni e del patrimonio culturale, storico e artistico ecclesiastico” la Conferenza episcopale italiana e la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome di Trento e Bolzano hanno sottoscritto un protocollo d’intesa per la costituzione di un tavolo stabile tra i rispettivi rappresentanti e, in sede locale, di forme di collaborazione. Le parti intendono “massimizzare le sinergie e la collaborazione” a livello nazionale e regionale “attraverso la definizione di politiche e iniziative concrete finalizzate alla conoscenza e valorizzazione del patrimonio ecclesiastico e allo sviluppo del turismo religioso, nel pieno rispetto della tutela del patrimonio e delle esigenze proprie dei luoghi oggetto di culto e dei riti sacri ivi compiuti, delle feste e delle tradizioni religiose”. In particolare, il tavolo permanente è finalizzato a: garantire la definizione delle modalità più consone alla conoscenza, fruizione e valorizzazione dei beni ecclesiastici e del patrimonio religioso materiale e immateriale; prendere in considerazione le problematiche comuni; agevolare l’accessibilità per tutti; promuovere la conoscenza delle diversità dei luoghi e delle comunità tipiche di ciascun territorio; facilitare la diffusione dell’informazione; prestare attenzione allo sviluppo del turismo sostenibile e di qualità; realizzare studi e analisi sull’evoluzione della domanda e dell’offerta; prevedere modalità di formazione e aggiornamento delle guide turistiche e degli operatori.

+++ Venezuela: i vescovi, “la violenza non risolve i conflitti sociali ma li peggiora. No a irrazionalità e forza brutale” +++

Agensir.it - Fri, 2017-07-28 10:40

“Ancora una volta alziamo la nostra voce contro la violenza”: “La violenza non può mai essere il modo di risolvere i conflitti sociali che si aggravano giorno dopo giorno nella nostra società venezuelana. L’eccessiva repressione con il suo bilancio di feriti, morti e detenuti produce maggiore violenza”. È l’ennesimo appello della presidenza della Conferenza episcopale venezuelana, dopo gli scontri di questi giorni, durante due giornate di sciopero generale che hanno provocato altri 4 morti, portando il numero delle vittime totali a più di 100 dall’inizio della crisi ad aprile. Il governo Maduro, in vista delle elezioni dell’Assemblea nazionale costituente per la riforma della Costituzione che si svolgeranno domenica, ha intanto vietato manifestazioni di piazza, minacciando l’arresto con pene fino a 10 anni di carcere. I vescovi ribadiscono il loro rifiuto dell’Assemblea nazionale costituente ritenuta “inutile, sconveniente e dannosa per il popolo venezuelano” perché “non è stata convocata dal popolo e “rappresenterà solo i partiti ufficiali”: “Sarà uno strumento fazioso e di parte che non risolverà ma peggiorerà gravi problemi come l’alto costo della vita, la scarsità di cibo e farmaci e la profonda crisi politica che stiamo vivendo”. “Viviamo ore difficile piene di incertezze e contraddizioni – scrivono i vescovi – ciò che in altre latitudini è espressione normale di cittadinanza, da noi si trasforma in scontri di crescente intensità” con “poliziotti e gruppi civili armati dal governo” che si oppongono al “popolo che esprime malcontento e rifiuto dell’Assemblea costituente”. Rivolgendosi poi direttamente alla Forze armata nazionale bolivariana (Fanb) i vescovi ricordano che “il suo primo dovere è nei confronti del popolo ed è chiamata costituzionalmente a difendere la vita di tutti i cittadini, senza distinzione di classe né di parte”: “In questi momenti di tensione non si pretenda di risolvere le richieste di buona parte della società con l’irrazionalità e la forza brutale”. I vescovi concludono con l’invito a “non uccidere” e a “coltivare la vita”.

Menù ad Accesso Rapido

Accesso rapido

La Parola
Ragazzi
Scie di Luce
Servizi La Stanza
Media
Cattolici  Protestanti  Ortodossi  Ecumenismo  Vita Quotidiana
  • ° Vita Pubblica
  • ° Lui & Lei
  • ° Matrimonio
  • ° Figli
  • ° Ricette
  • ° Viaggi


 Notizie