Feed aggregator

Società: mons. Zuppi (Bologna), “dobbiamo riscoprire l’umanesimo misurandoci con la vita concreta delle persone”

Agensir.it - Sat, 2017-07-15 17:45

La parola “amore” ha fatto da filo conduttore, oggi pomeriggio, all’intervento dell’arcivescovo di Bologna, mons. Matteo Zuppi, al convegno in corso fino a domani presso la “Fraternità di Romena” nel comune di Pratovecchio (Ar). Il presule ha aperto il suo intervento ricordando il viaggio compiuto insieme a Francesco Guccini ad Auschwitz. “Nei campi di concentramento è morto l’uomo – ha detto -. Il problema è che non abbiamo imparato a scandalizzarci e a non uccidere il nostro fratello. L’interrogativo sul male procurato dagli uomini resta aperto. L’unica risposta che unisce tutti è nel Vangelo: ‘Avevo fame e mi hai dato da mangiare’. Dobbiamo cercare di riscoprire l’umanesimo, misurandoci con la vita concreta delle persone e con l’eredità che dobbiamo lasciare”.
L’arcivescovo si è poi soffermato sul suo ultimo libro: “Guarire le malattie del cuore” nel quale ha individuato 40 malattie con delle possibili cure. “L’opposto dell’amore è l’orgoglio – ha affermato mons. Zuppi -. Se riusciamo a sconfiggere l’orgoglio staremo bene”. Mons. Zuppi ha indicato due testimoni che sono riusciti a sconfiggere l’orgoglio nella loro vita: San Francesco e Papa Giovanni XXIII.
Ancora il presule ha affermato: “Quando l’amore diventa un riferimento reale con il quale ti confronti, ti cambia completamente. Oggi, purtroppo, abbiamo perso un po’ il senso di famiglia nella Chiesa e abbiamo rinunciato a prendere sul serio il comandamento evangelico di amarci gli uni gli altri. Il Vangelo ci parla di un’umanità molto concreta con la comunità che ha un cuore solo e un’anima sola. Questo passo degli Ati degli Apostoli è un mio testo di riferimento: l’amore che porta ad essere un’anima sola”.

Migrazioni: Taizé, da domani una settimana di riflessione rivolta ai giovani tra i 18 e i 35 anni

Agensir.it - Sat, 2017-07-15 17:30

Si apre domani, domenica 16 luglio, a Taizé una settimana di riflessione sulle migrazioni specialmente rivolta ai giovani tra i 18 e i 35 anni che “hanno un interesse o vivono un impegno nell’accoglienza e nell’accompagnamento dei migranti, rifugiati, esiliati”. Seguendo il ritmo scandito dalla preghiera, secondo quanto solitamente avviene nelle settimane estive degli incontri dei giovani, si comincerà lunedì con una conferenza sul “ruolo delle Chiese nell’accoglienza e accompagnamento dei migranti”, a cura di padre Michael Czerny, sottosegretario sezione per le migrazioni e rifugiati del Dicastero per il servizio dello sviluppo umao integrale; martedì il tema sarà “le sfide migratorie oggi” a cura di Catherine Wihtol de Wenden, direttrice di ricerca emerita al Cnrs; mercoledì si parlerà di politiche migratorie e accompagnamento dei rifugiati, con Pascal Brice, direttore dell’ufficio francese per la protezione dei rifugiati e apolidi; giovedì invece il programma prevede un “dialogo tra rappresentanti politici europei” seguito da uno scambio aperto a tutti. Venerdì sarà il momento delle esperienze di persone che lavorano nell’accompagnamento dei migranti. Ogni momento tematico sarà seguito da un confronto tra i partecipanti a gruppo. Nel corso della settimana anche alcune testimonianze: quella dei giovani rifugiati che sono stati accolti a Taizé e dell’arcivescovo anglicano di York John Sentamu. A fine dell’incontro, i partecipanti riferiranno di questa loro esperienza a tutti i giovani che sono presenti a Taizé. L’idea di questa particolare settimana, spiegano gli organizzatori “è nata da un incontro a Roma con l’équipe incaricata da Papa Francesco di coordinare l’impegno della Chiesa cattolica con i migranti”. I fratelli di Taizé hanno inviato i giovani che vi parteciperanno a portare giovani rifugiati o migranti insieme a loro.

Diocesi: Tortona, dal 29 luglio al 2 agosto pellegrinaggio dell’Oftal a Lourdes guidato dal vescovo Viola. Partecipano anche 70 giovani

Agensir.it - Sat, 2017-07-15 17:17

Saranno oltre 500 i pellegrini che dal 29 luglio al 2 agosto prenderanno parte al pellegrinaggio diocesano dell’Oftal di Tortona. Ammalati, barellieri e dame, medici e fedeli saranno accompagnati dal vescovo di Tortona, mons. Vittorio Viola, e dall’assistente diocesano, mons. Marco Daniele. Al pellegrinaggio – si legge in una nota – parteciperanno anche “70 giovani, tra i 15 e i 25 anni, della Pastorale giovanile diocesana, pronti a vivere un’intensa esperienza di volontariato e di condivisione”. Il tema che contraddistinguerà i giorni nel santuario mariano sui Pirenei, sarà il “Magnificat di Maria”, “la preghiera della speranza – prosegue la nota – nella quale la Vergine esprime la gioia di essere stata visitata da Dio”.

Diocesi: Cuneo, questa sera il card. Bertello presiede la processione per la Madonna del Carmine con la presenza di 90 confraternite

Agensir.it - Sat, 2017-07-15 17:13

Saranno mille i confratelli appartenenti ad una novantina di Confraternite di tutta Italia e anche estere che prenderanno parte nella serata di oggi, sabato 15 luglio, alla solenne processione in onore della Madonna del Carmine, tradizione che, a Cuneo, si ripete da oltre 400 anni. Il ritrovo è fissato per le 20.30, presso la chiesa di san Sebastiano, dove si terrà un momento di preghiera presieduto dal card. Giuseppe Bertello, legato pontificio e inviato del Santo Padre a Cuneo per le celebrazioni del 200° anniversario della fondazione della diocesi. Poi partirà la processione che percorrerà contrada Mondovì, via Roma e arriverà in piazza Galimberti. La statua verrà trasportata in duomo, dove si fermerà per la notte per poi uscire nella giornata di domani per la celebrazione eucaristica in piazza Galimberti. Sarà il card. Bertello a presiedere, dalle 18, il rito durante il quale si farà memoria dei 200 anni della diocesi di Cuneo e verrà proclamato san Dalmazzo patrono secondario della diocesi.

Diocesi: Salerno, a settembre i Giochi delle parrocchie per la festa di San Matteo

Agensir.it - Sat, 2017-07-15 17:09

Il neo direttore dell’Ufficio diocesano per la pastorale dello sport e tempo libero di Salerno-Campagna-Acerno, Claudio Guarnaccia, in collaborazione con il Coni, propone, in occasione della festa del patrono, i Giochi di San Matteo, dal titolo “Sport e Valori 2017”. “Nell’ambito dei festeggiamenti di San Matteo, patrono della città di Salerno, tornano i Giochi delle parrocchie, con un programma ancora più ricco e coinvolgente degli anni scorsi – scrive Guarnaccia -. Saranno presenti gli sport del mare… e non solo, con la possibilità di sperimentare nuove attività sportive e culturali, come ad esempio canoa, rafting, arrampicata, equitazione, tiro con l’arco, scherma, beach volley, beach badminton, giochi d’acqua e giochi sportivi, sfide ludo linguistiche e tanto altro. Si ripete il Palio delle parrocchie, regata con i ‘gozzi nazionali’ alla quale potranno iscriversi 1 o più equipaggi per parrocchia, composti da un timoniere e 4 rematori (età minima 12 anni). L’appuntamento è per sabato 16 settembre”, a piazza Cavour, dove alle ore 15,30 è previsto il saluto dell’arcivescovo, mons. Luigi Moretti, cui seguiranno benedizione e apertura dei Giochi. Per partecipare occorre inviare un modulo entro il 27 luglio a salerno@coni.it o pastoralesport@diocesisalerno.it.

Diocesi: Napoli, domani si pubblica sul sito la lettera pastorale del card. Sepe “Accogliere i pellegrini. Una missione di drammatica attualità”

Agensir.it - Sat, 2017-07-15 17:00

Domani, in occasione della festa della Madonna del Carmine, il card. Crescenzio Sepe, arcivescovo di Napoli, presiederà la celebrazione eucaristica in onore di Maria Santissima del Carmelo, alle ore 19.30, in piazza del Carmine.
Sempre nella giornata di domani, domenica 16 luglio, sarà pubblicata sul sito dell’arcidiocesi www.chiesadinapoli.it la lettera pastorale del card. Sepe ispirata alla quarta opera di misericordia. “Accogliere i pellegrini. Una missione di drammatica attualità” il titolo della lettera pastorale, che sarà, poi, distribuita in occasione della celebrazione eucaristica che darà inizio all’anno pastorale, il 14 settembre prossimo, alle ore 19, nella chiesa cattedrale con l’intervento dei vescovi ausiliari, dei vicari episcopali, dei decani e dei parroci, di tutto il clero, dei diaconi permanenti dei religiosi e delle religiose, dei movimenti ecclesiali e dei fedeli.

500° Riforma: Camaldoli, dal 6 agosto Settimana teologica su “Le Chiese protestanti: tra storia e teologia”

Agensir.it - Sat, 2017-07-15 16:47

Sarà dedicata al tema “Le Chiese protestanti: tra storia e teologia” la Settimana teologica che si svolgerà da domenica 6 a venerdì 11 agosto presso il Monastero di Camaldoli (Ar). L’appuntamento è promosso in collaborazione con l’Associazione teologica italiana e la Facoltà valdese di teologia (Roma). Sarà “un corso di introduzione alla storia e alla teologia protestanti” e una “occasione per una presentazione dell’attuale configurazione delle chiese della Riforma, per accostarsi alle figure dei riformatori, per approfondire alcuni snodi teologici dibattuti (giustificazione, Cena del Signore, ministero pastorale)”. “Verranno inoltre richiamati – prosegue la nota – i principi per l’impegno nel cammino ecumenico, tematizzati nel Concilio Vaticano II e maturati nella fase post-conciliare, con un approfondimento specifico dedicato al dialogo luterano-cattolico”. In programma gli interventi di don Cristiano Bettega, direttore dell’Ufficio nazionale per l’ecumenismo e il dialogo della Cei, dei pastore valdesi Fulvio Ferrario, Letizia Tomassone e Pawel Gajewski, del pastore luterano Lothar Vogel, della teologa cattolica Serena Noceti e dei sacerdoti Vito Mignozzi, Daniele Moretto e Angelo Maffeis, oltre a quelli di Emanuele Bordello e Roberto Fornaciari, entrambi monaci di Camaldoli.

Diocesi: mons. Olivero (vescovo eletto Pinerolo) sarà consacrato domenica 8 ottobre a Fossano

Agensir.it - Sat, 2017-07-15 16:35

Mons. Derio Olivero, nominato da Papa Francesco lo scorso 7 luglio vescovo di Pinerolo, riceverà l’ordinazione episcopale domenica 8 ottobre, alle 15.30, nella cattedrale di Fossano. La celebrazione eucaristica, durante la quale sarà consacrato vescovo, verrà presieduta dall’arcivescovo di Torino, mons. Cesare Nosiglia, e concelebrata dai vescovi della Conferenza episcopale di Piemonte e Valle d’Aosta. Secondo quanto riferito dalla diocesi di Fossano, di cui mons. Olivero è stato vicario generale, il neo vescovo farà poi l’ingresso nella diocesi di Pinerolo la domenica successiva, 15 ottobre.

Perdono di Assisi: la christian band Kantiere Kairòs alla 37ª Marcia francescana

Agensir.it - Sat, 2017-07-15 16:31

Ci sarà anche la musica della band calabrese Kantiere Kairòs ad accompagnare i partecipanti alla 37ª Marcia francescana del perdono di Assisi (25 luglio-4 agosto), iniziativa che vede migliaia di giovani in partenza da tutta Italia verso la Porziuncola. L’inno ufficiale della marcia di quest’anno, “Un passo oltre”, è stato scritto proprio della christian rock band, composta da 5 musicisti professionisti: Antonello Armieri (voce e chitarra), Jo Di Nardo (chitarra), Gabriele Di Nardo (batteria), Roberto Sasso (tastiere) e Davide Capitano (basso). “Un passo oltre”, si legge in una nota, “sarà al centro del concerto in programma martedì 25 luglio alle 21,30 sul Lungomare vecchio di Diamante (Cosenza), per dare il via al cammino dei giovani marciatori calabresi” verso la Porziuncola. Il gruppo, poi, si esibirà martedì 1° agosto, vigilia della Festa del perdono, a Santa Maria degli Angeli in Assisi, nell’ambito del triduo “Tutti in Paradiso!”, promosso dalle suore francescane alcantarine. “Un piccolo grande sogno si avvera – ha commentato la band sulla propria pagina Facebook -: suoneremo, pregheremo, faremo il nostro concerto in uno dei posti più belli al mondo, Assisi! Quindi, se ‘Tutti in Paradiso’, ci mettiamo in fila anche noi. Vi aspettiamo”. Il concerto si svolgerà dalle 21 nel salone di Casa Frate Jacopa. Nel pomeriggio di mercoledì 2 agosto, invece, Kantiere Kairòs canterà l’inno della Marcia sul palco antistante la basilica della Porziuncola, accogliendo in piazza le migliaia di giovani in arrivo da tutta Italia al termine della Marcia.

Fraternità: tra luglio e agosto la tournée “Serate di Nomadelfia” in Abruzzo e Marche

Agensir.it - Sat, 2017-07-15 16:15

Si svolgerà in Abruzzo e Marche la tournée “Serate di Nomadelfia” che quest’anno, tra luglio e agosto, vedrà impegnate 130 persone nel diffondere “un messaggio di fraternità, di gioia e di speranza”. Le “Serate” – si legge in una nota – “sono un modo originale e coinvolgente con cui Nomadelfia si fa conoscere attraverso danze e figurazioni acrobatiche eseguite dai suoi giovani, brevissimi video e folgoranti interventi sullo stile della commedia dell’arte, che ne fanno un evento artistico e un messaggio di vita appassionante”. “Ma è soprattutto il clima di amicizia – prosegue la nota – e il sogno di un mondo più libero, giusto e fraterno che alberga nel cuore di ogni uomo a conferire alle ‘Serate’ un fascino che a distanza di 50 anni non si è appannato e che continua, dopo oltre mille repliche, a riempire le piazze”. Nomadelfia è composta da 350 persone, una sessantina di famiglie che lavorano e vivono insieme nella totale comunione dei beni, secondo lo stile delle prime comunità cristiane, e che nel corso degli anni hanno accolto in affido come figli più di 5mila ragazzi in difficoltà. Nelle prossime settimane, la carovana dei Nomadelfi toccherà Teramo (mercoledì 26 e giovedì 27 luglio), Martinsicuro (domenica 30), Montesilvano (martedì 1 e domenica 13 agosto), Giulianova (venerdì 4 e sabato 5), Villa Rosa (lunedì 7), Loreto (martedì 8), Civitanova (giovedì 10 e venerdì 11), Centobuchi (martedì 15), Roseto degli Abruzzi (giovedì 17 e venerdì 18) e Ascoli Piceno (martedì 22 e mercoledì 23 agosto).

Diocesi: Agrigento, iniziata digitalizzazione del patrimonio documentario della cattedrale

Agensir.it - Sat, 2017-07-15 16:00

Sono iniziate nella mattinata di oggi, sabato 15 luglio, le operazioni digitalizzazione del patrimonio documentario della cattedrale di Agrigento. Al lavoro, con uno scanner professionale, i tecnici del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo e il personale dell’Ufficio Beni culturali dell’arcidiocesi di Agrigento. Si tratta dei primi passi di un progetto che si inserisce nell’ambito delle “attività di tutela, fruizione e valorizzazione del significativo ed incommensurabile patrimonio documentario su supporto membranaceo conservato in Sicilia, con particolare riferimento a quello compreso nell’arco cronologico dei secoli XI-XV”. “Il progetto, avviato fra Università di Palermo, Fondazione Federico II, Soprintendenza archivistica della Sicilia e Università di Oxford, mira – si legge in una nota – alla realizzazione di un idoneo portale al fine della visualizzazione, quale attività di fruizione e valorizzazione, del ricco patrimonio documentario suddetto”. “L’Ufficio Beni culturali dell’arcidiocesi di Agrigento ed il Capitolo metropolitano – conclude la nota – hanno consentito alla realizzazione della copia digitale di sicurezza su supporto digitale delle pergamene conservate nell’Archivio capitolare della cattedrale”.

Estate: mons. Tisi (Trento), “la montagna vera palestra di vita”

Agensir.it - Sat, 2017-07-15 15:59

“Siate tutti benvenuti, qualunque sia il cammino che vi ha portati qui, la vostra storia, le vostre scelte, la vostra condizione attuale”. Sono le parole che mons. Lauro Tisi, arcivescovo di Trento, rivolge a chi ritorna “abitualmente in questa nostra terra per le vacanze estive” o a chi la incontra “per la prima volta”. “Mi piace immaginarvi in uscita dalle ‘autostrade’ del quotidiano, così frenetiche e affollate, quelle fisiche come quelle digitali. Se siete qui è anche perché avete finalmente ritagliato un tempo e un luogo che vi appartengono, di cui siete pienamente titolari – sottolinea il presule -. Questo strade sono le vostre strade, i vostri sentieri. Fuori dalla serialità di una vita cadenzata dalle agende, scritte spesso da altri. Qui siete voi i protagonisti, liberi di porvi domande, più che subire affermazioni”. Perché, in fondo, osserva, l’arcivescovo, “siamo tutti stanchi di una declinazione della vita in modo assertivo, dove si emettono giudizi e si soffoca la voglia di porsi in ricerca. Stanchi di gente che sembra trovare la soluzione a ogni problema a suon di certezze e di semplificazioni della realtà”. Per mons. Tisi, “la montagna, con il suo potere simbolico, restituisce dignità al sentiero piuttosto che alle autostrade. Agli interrogativi, non alle sentenze. La montagna non ti dà la possibilità di essere banale. A qualunque età la si affronti, da turista o da pellegrino, da sportivo o a dimensione familiare, la montagna chiede di avanzare, programmare, mettersi personalmente in gioco, gestire con responsabilità le proprie forze. Una vera palestra di vita”. E, aggiunge, “se, tra gli interrogativi, ne emerge uno sul senso della vita e sull’esistenza di Dio, allora sappiate che Dio stesso, il Dio di Gesù di Nazareth, si è fatto sentiero, dalla grotta di Betlemme fino al calvario. Non camminiamo mai da soli. Lui cammina con noi. Non offre risposte, ma aiuta a porsi le giuste domande, senza stancarsi. Finché ci sono domande, c’è vita”. “Buona vacanza, con l’augurio che ognuno possa trovare il proprio sentiero!”, conclude mons. Tisi.

Volontariato: Csvnet, conferenza a Roma “Al centro per tutti” dal 29 settembre al 1° ottobre

Agensir.it - Sat, 2017-07-15 15:44

“Al Centro per tutti: il volontariato che accoglie il cambiamento”: è questo il titolo della conferenza di Csvnet 2017, in programma a Roma dal 29 settembre al 1° ottobre, presso l’Hotel Eurostar Roma Aeterna (Via Casilina 125). L’evento, realizzato in collaborazione con i Centri di servizio per il volontariato del Lazio, è l’appuntamento annuale più importante per la rete dei 69 Csv, che ogni anno raduna oltre 300 rappresentanti da tutta Italia. Programmata inizialmente a giugno la conferenza è stata poi posticipata per contestualizzarla al meglio nella riforma del Terzo settore, i cui decreti recentemente approvati prevedono uno sviluppo sostanziale del sistema dei Csv, attribuendo loro il compito di “promuovere e rafforzare la presenza e il ruolo dei volontari nei diversi enti del terzo settore”.
È da qui che nasce appunto il titolo “Al centro per tutti”, completato dal riferimento all’accoglienza del cambiamento espresso nel sottotitolo, una “condizione costitutiva del nostro essere e fare Csv”, sottolinea il presidente di Csvnet Stefano Tabò nella lettera di indizione della Conferenza: “Chi, come il volontariato, si propone come fattore di comprensione e di trasformazione dell’esistente non può esimersi dal confrontarsi con quanto attorno a lui (e in lui) muta e si trasforma. Una ‘accoglienza’ che, lungi dal confondersi con la passività, è sinonimo di responsabile radicamento nel tempo presente”.

Papa Francesco: oltre 35 milioni di follower. Peverini (SpC), “testimonianza di una straordinaria capacità di raccogliere interesse e di alimentare interazioni attorno a temi rilevanti per opinione pubblica”

Agensir.it - Sat, 2017-07-15 15:37

“Senz’altro metterei in evidenza due aspetti. Uno è il dato quantitativo, si tratta di un numero straordinario; il secondo dato ha a che fare con la velocità di acquisizione di questo numero. Quindi, questa è la testimonianza di una straordinaria capacità di raccogliere interesse e di alimentare interazioni attorno a temi che sono rilevanti per l’opinione pubblica”. Lo dice Paolo Peverini, docente di Semiotica presso la Luiss Guido Carli e consultore della Segreteria per la Comunicazione (SpC), commentando a Radio Vaticana i risultati  dell’account Twitter @Pontifex che in 9 lingue ha superato i 35 milioni di follower. “L’altra questione molto importante ha a che fare con i contenuti – sottolinea Peverini -, perché molto spesso si tende a porre l’accento sui numeri, ma qui è importante ragionare innanzitutto sugli argomenti di cui il Papa parla e il modo in cui ne parla. Questo significa quindi che l’account Twitter è una delle forme tramite la quale si manifesta questa grande capacità di fare breccia nell’opinione pubblica e di contribuire senz’altro ad alimentare l’interesse su temi che molto spesso rimangono ai margini dell’agenda dei media”.
Per il docente, “è un aspetto di grande interesse la capacità del Papa di alimentare il dibattito dell’opinione pubblica su temi complessi, attorno ai quali si raccoglie un interesse molto più ampio rispetto a quello che si sarebbe portati a credere. La questione dei retweet è molto interessante perché i messaggi che il Papa lancia nella ‘Twitter sfera’ in realtà sono tanto più rilevanti quanto più generano delle interazioni, a testimonianza del fatto che i contenuti che vengono prodotti da lui sono ritenuti rilevanti, cioè dei contenuti attorno ai quali vale senz’altro la pena alimentare un dibattito”. Ad avviso di Peverini, “andrebbe posto l’accento anche sulla crescita che caratterizza l’account Instagram, @Franciscus, e la capacità di coinvolgere un numero di utenti non solo molto ampio, ma – particolarmente interessante – il fatto che si tratta di utenti giovani. Quindi la capacità di Francesco è quella di farsi ascoltare e di arrivare anche a tipologie di utenti che fino a qualche anno fa si sarebbero ritenute probabilmente più lontane da questo orizzonte di diffusione del messaggio religioso”.

Diocesi: Torino, domani mons. Nosiglia a Traves per i 20 anni del “Sentiero Frassati del Piemonte”

Agensir.it - Sat, 2017-07-15 15:26

Nel ventennale del “Sentiero Frassati del Piemonte”, si svolgerà domani, domenica 16 luglio, a Traves (To), una giornata sulle “orme” del beato Pier Giorgio Frassati. L’iniziativa “per ricordare la grande passione del giovane torinese per la montagna e per la scalata ‘verso l’alto’” è promossa dalla diocesi di Torino, insieme a Pastorale giovanile diocesana, Comune e Pro Loco di Traves, associazioni “Pier Giorgio Frassati” e “Giovane montagna”. Poco sopra Traves, vent’anni fa, fu inaugurato uno dei tre attuali “Sentieri Frassati del Piemonte”. “È il sentiero dell’ultima ascensione che – si legge in una nota – il beato Pier Giorgio Frassati compì il 7 giugno del 1925 (un mese prima della morte), insieme con due amici dell’associazione alpinistica ‘Giovane Montagna’”. “La notissima foto che lo ritrae in arrampicata – prosegue la nota – sulla quale poi scrisse il suo celeberrimo ‘Verso l’alto’, si riferisce proprio a questa escursione”. Domani, per celebrare la ricorrenza, salirà a Traves anche l’arcivescovo di Torino, mons. Cesare Nosiglia, la cui “presenza ricorda l’importanza del giovane beato come modello per la gioventù diocesana”. Dopo il ritrovo, alle 10 presso l’area sportiva di Traves, mons. Nosiglia presiederà alle 11 la celebrazione eucaristica al campo sportivo. Poi alle 12.30 si svolgerà l’inaugurazione della bacheca “Sentiero Pier Giorgio Frassati”. Dopo il pranzo, prenderà il via un pomeriggio di festa con le esibizioni del gruppo “Gli angeli scatenati”. In contemporanea all’appuntamento di Traves, a cura di Cai di Lanzo, Aib e Alpini di Traves, si svolgerà la salita verso la vetta Punta Lunelle (a 1312 metri) che conclude il sentiero. Qui, insieme ai rappresentanti del Comune e ai giovani dell’Azione cattolica, sarà posizionata la croce in onore di Pier Giorgio Frassati. Alle 10, don Luca Ramello, direttore della Pastorale giovanile torinese, celebrerà la Messa.

Diocesi: Cerreto Sannita, presentata la prima lettera pastorale di mons. Battaglia per una “Chiesa in uscita, samaritana, libera”

Agensir.it - Sat, 2017-07-15 15:10

“Una Chiesa sulla strada, una Chiesa viandante che non vuole voltarsi dall’altra parte senza vedere né sentire. Una Chiesa povera. Una Chiesa inquieta, dinamica, creativa, controcorrente, dalle porte aperte. Una Chiesa formata sulla sinodalità e sull’ascolto, che sia presente ed incisiva sul territorio. Una Chiesa in uscita, samaritana, libera. Insomma, una Chiesa che fondi ogni azione, ogni gesto, ogni attenzione, ogni sensibilizzazione, sul linguaggio dell’amore, cioè del Vangelo”. Potrebbero essere sintetizzate così le coordinate del cammino dei prossimi 3 anni, come illustrati nella prima lettera pastorale presentata dal vescovo di Cerreto Sannita-Telese-Sant’Agata de’ Goti, mons. Mimmo Battaglia, intitolata come il suo motto episcopale “Coraggio! Alzati, ti chiama!”. “Nello Spirito che fa nuove tutte le cose – scrive mons. Battaglia nell’introduzione – sentiamo di rendere concretamente possibile questo rinnovamento, in ascolto del Vangelo e del Magistero. Esso richiede un profondo ascolto che porti ad una conversione di criteri e di mentalità nel pensare, progettare e costruire una chiesa che sia casa e scuola di comunione, in cui ci si riconosca, ci si accolga reciprocamente con gratuità, si portino umilmente i pesi gli uni degli altri”.
Avere cura di tutti e del territorio in cui viviamo significa accogliere e mettere in pratica il Vangelo con un dinamismo controcorrente e senza compromessi: “Una conversione pastorale e missionaria – osserva mons. Battaglia – ha bisogno di artigiani di pace, cercatori di infinito e costruttori di storia e di futuro, per andare incontro ai volti segnati dalla fatica, dal dolore, dalla povertà, dall’ingiustizia sociale, dall’esclusione, dalla violenza; per andare incontro ai volti dei giovani, di tutte le famiglie e in particolare di quelle ferite, dei bambini, degli anziani, dei lavoratori e di quanti soffrono per la perdita o la mancanza di lavoro”.

Lavoro: Acli, a Napoli l’Incontro nazionale di studi dal 14 al 16 settembre

Agensir.it - Sat, 2017-07-15 15:04

“Valore Lavoro. L’umanità del lavoro nell’economia dei robot”. È il tema scelto dalle Acli per l’Incontro nazionale di studi 2017, che raggiunge quest’anno “il traguardo del mezzo secolo di storia”. “Vorremmo farne una festa di tutte le Acli, aperta agli interlocutori sociali ed istituzionali che hanno condiviso con noi questo cammino”, si legge in una nota. L’appuntamento si svolgerà tra il 14 e il 16 settembre a Napoli. “Oggi le lavoratrici e i lavoratori vivono sulla loro pelle un cambiamento epocale. In molti affermano che stiamo attraversando la quarta rivoluzione industriale – prosegue la nota -. Le Acli sentono l’urgenza di accompagnarli in questo percorso. Nel cinquantenario dell’Incontro nazionale abbiamo perciò deciso di tornare al nostro tema fondativo e affrontare la questione del Lavoro 4.0. Il nostro obiettivo, come sempre, non è soltanto approfondire a livello culturale un tema, ma informarci e formarci per promuovere un’azione sociale e politica vicina ai cittadini e a servizio della comunità”.
Nella transizione le Acli vogliono mantenere fermi due “pilastri”: “La dignità della persona, su cui fondare una nuova civiltà dei diritti, e la promozione di un lavoro buono e giusto, in un sistema economico ispirato all’ecologia integrale”. Tra gli altri, interverranno all’Incontro Paolo Gentiloni, Annamaria Furlan, Roberto Rossini, Alessandro Rosina, Cesare Moreno, Leonardo Becchetti, Carlo Borgomeo. Info: www.acli.it

Pastorale familiare: Conferenza episcopale abruzzese-molisana, a fine agosto il convegno regionale sull’Amoris Laetitia

Agensir.it - Sat, 2017-07-15 14:53

Approfondire l’Amoris Laetitia. Anche quest’anno la Conferenza episcopale abruzzese e molisana, attraverso gli Uffici della Consulta regionale di pastorale familiare, ha voluto organizzare il convegno regionale di pastorale familiare, giunto alla 20ª edizione, che si svolgerà, presso l’Hotel Miramonti a Prati di Tivo, nel comune di Pietracamela (Te) da venerdì 25 agosto pomeriggio fino al pranzo di domenica 27 agosto. Il convegno approfondirà il tema “Alle sorgenti della famiglia nell’Amoris Laetitia”, che si richiama all’esortazione apostolica di Papa Francesco sull’amore nella famiglia. I partecipanti, per in prevalenza operatori di pastorale familiare, saranno guidati, tra gli altri, da mons. Franco Giulio Brambilla, vescovo di Novara, la biblista Rosanna Virgili, il sociologo Pietro Boffi.

Sbarco migranti a Bari: don Piccinonna (Caritas), “sta procedendo tutto tranquillamente. Tanti minori a bordo”

Agensir.it - Sat, 2017-07-15 14:42

Alle 9.20 di questa mattina una nave militare britannica è arrivata al porto di Bari con a bordo 644 migranti. Tra questi anche alcune donne incinte e molti bambini, anche di pochi mesi, oltre a un ferito da arma da fuoco. “La più piccola aveva 4-5 mesi, ma a bordo c’erano tanti bambini. La piaga più difficile da scoprire è quella dei minori non accompagnati, noi speriamo che chi è preposto alle indagini faccia al meglio il suo compito”. Così il direttore della Caritas diocesana di Bari-Bitonto, don Vito Piccinonna, commenta al Sir l’arrivo di migranti provenienti per lo più da Camerun, Nigeria e Gambia nelle stesse ore dello sbarco a Corigliano Calabro di una nave tedesca con a bordo 923 persone. “Sta procedendo tutto tranquillamente – continua don Vito – e la Caritas diocesana, come nel precedente sbarco di maggio, è attiva soprattutto con la presenza di numerosi volontari che si alterneranno per tutta la giornata. Siamo vicini ai migranti, in particolare, con alcuni alimenti che doniamo alle persone in difficoltà. Ma sempre interfacciandoci con la rete istituzionale e quella del volontariato locale”. Tanti i minori a bordo, più di quanto ci si aspettasse: “Ma loro sono già in salvo e al sicuro. Tutto procede tranquillamente e stanno tutti bene. Per la fine della giornata tutti saranno scesi dalla nave e dislocati in centri di accoglienza”.

Vacanze: mons. Regattieri (Cesena-Sarsina), “alzare lo sguardo verso il Creatore per elevare il canto di lode”

Agensir.it - Sat, 2017-07-15 14:38

“L’ambiente che vi ospita per qualche giorno è bello e accogliente. Mentre vi ringraziamo d’averlo scelto per trascorrervi un po’ del vostro tempo, vi invitiamo a conservarlo e a mantenerlo bello e pulito”. Lo chiede mons. Douglas Regattieri, vescovo di Cesena-Sarsina, nel suo messaggio a turisti e vacanzieri, dando loro il benvenuto nel territorio diocesano “per un tempo di riposo e di svago”. “Vorremmo con voi – l’auspicio – dalle creature alzare lo sguardo verso il Creatore e con san Francesco elevare il canto di lode: Laudato si’, Signore, per il mare, le spiagge e il sole. Laudato si’, Signore, per i monti, i boschi e le sorgenti. Laudato si’, Signore , per le città, le chiese, le piazze e i monumenti d’arte. Laudato si’, Signore, per l’ospitalità della Romagna, con la cordialità dei suoi cittadini e la bontà dei suoi cibi. Laudato si’, Signore, ‘per sora nostra matre Terra, la quale ne sustenta et governa, et produce diversi fructi con coloriti flori et herba’”. La comunità cristiana, ricorda il vescovo, “è lieta di accogliervi. Attraverso il ministero dei presbiteri, dei diaconi e dei religiosi, nelle nostre parrocchie, nelle chiese e nelle istituzioni religiose disseminate sul territorio, troverete disponibilità per la celebrazione dell’Eucaristia e del sacramento della Riconciliazione, per un colloquio e un confronto spirituale”.

Menù ad Accesso Rapido

Accesso rapido

La Parola
Ragazzi
Scie di Luce
Servizi La Stanza
Media
Cattolici  Protestanti  Ortodossi  Ecumenismo  Vita Quotidiana
  • ° Vita Pubblica
  • ° Lui & Lei
  • ° Matrimonio
  • ° Figli
  • ° Ricette
  • ° Viaggi


 Notizie